I due figli dei Trinità


I due figli dei Trinità
F ranco & Ciccio figli dei fratelli Trinità, gestiscono una stazione di servizio che provvede al lavaggio, calibratura zoccoli  e ingrassaggio cavalli, quest'ultimo fornendo avena e biada sia normale che super per un maggior rendimento. Tra i loro clienti vi sono alcuni tra i più famosi pistoleri del West quali Ringo, Sartana e compari dello stesso genere. Tra questi capita Requiem, un prepotente con i suoi scagnozzi, che pretende di non pagare e siccome ha una bella taglia sulla testa come tutti i componenti della sua banda, ecco arrivare una vegliarda velocissima con la pistola che li mette tutti in riga. Prima gli fa ripulire la stazione e poi li consegna impacchettati allo sceriffo per riscuotere la taglia. Dopo aver sventato un altro tentativo di rapina a danno dei due, la donna si presenta come Calamity Jane asserendo di essere loro zia in quanto sorella dei rispettivi padri. Racconta loro di essere possessori ognuno di un pezzo di medaglione che rimesso insieme mostra la mappa di un tesoro che i loro genitori avevano trovato in una miniera. Anche un pericoloso bandito cino-americano Chun Chin Champa, è a conoscenza del tesoro e cercò a suo tempo di strapparlo ai loro padri in una furibonda sparatoria che li vide entrambi soccombere. Ma prima di morire divisero il medaglione in tre parti e lo affidarono a Jane e ai due figli nascondendoli in un luogo sicuro. Ora dopo tanto tempo nel quale Jane aveva perso le loro tracce, tocca a Franco e Ciccio ritrovarlo e farsi giustizia, per cui si mettono subito in marcia e nella prima cittadina dove fanno tappa, eccoli avvicinati da una avvenente entraineuse del saloon. Lei, Lola, li invita a unirsi al tavolo del famoso giocatore di poker Alex Armstrong detto "4 assi" dove naturalmente Ciccio viene spennato. Ma ecco che inaspettatamente e nonostante non abbia mai giocato a carte, Franco lo batte rendendolo rabbioso e desideroso di vendetta. Saputo poi del tesoro, l'uomo incarica Lola di sedurli e di rubare loro il medaglione mappa, cosa che la ragazza riesce a fare con successo. Ma quando sul posto indicato trovano il tesoro, ecco sopraggiungere Franco e Ciccio sulle loro tracce a recuperare il tutto. Tornati nella loro stazione di servizio che intendono ristrutturare con i proventi del tesoro, eccoli ricevere la sgradita visita di Chun Chin Champa con i suoi uomini. Buon per loro che un gruppo di frati si affacci all'uscio nel consueto giro di questua e si mettano a menar le mani per cacciare gli sgraditi banditacci a suon di calci e pugni.
Parodia del genere western ridanciano sulla scia dell'enorme successo dell'originale, diretto da Osvaldo Civirani, cpon lo pseudo di Richard Kean e che vede interpreti i popolari Franchi & Ingrassia nei ruoli di improbabili quanto imbranati pistoleri. Con loro molti volti noti di caratteristi del cinema nazionale del periodo e la seducente Lucretia Love, assai popolare all'epoca nel genere osé.



I due figli dei Trinità
Italia 1972
Regia: Osvaldo Civirani (accreditato Richard Kean)
Musiche Sante Maria Romitelli
con
Franco Franchi: Franco Trinità
Ciccio Ingrassia: Ciccio Trinità
Lucretia Love: Lola
Anny Degli Uberti: Calamity Jane
Franco Ressel: Alex "4 assi" Armstrong
Goffredo Unger: Padre Superiore
Andrea Scotti: sceriffo
Angelo Susani: Chun Chin Champa
Fortunato Arena: Jack Gordon
Fulvio Pellegrino: Roger, l'attore
Gianni Pulone: Edgar, l'attore
non accreditati
Pietro Torrisi: Sartana
Claudio Ruffini: Morte
Remo Capitani: Requiem
Bruno Ariè: Ringo
Clemente Ukmar: scagnozzo
Osiride Pevarello: scagnozzo
Salvatore Baccaro: scagnozzo

Commenti

I Magnifici Sette del mese

400 giorni - Simulazione spazio

Assassinio sul treno

Assassinio sul palcoscenico

Assassinio al galoppatoio

Sherlock Holmes e la Perla della Morte

Cold Blood - Senza pace

Killer calibro 32