Riccardo Cuor di Leone

Per la serie "cinema di Parrocchia" che si vedeva da ragazzi, un bel film d'avventura, di cavalieri, armi ed amori sullo sfondo della Terza Crociata ma con troppa licenza di copione e quindi buona pace della storia. Quella pace che nel film Re Riccardo vorrebbe raggiungere se non fosse per i Baroni che si è portato dietro: Sir Giles su tutti. Egli trama affinché il re muoia e lui possa prendere il comando e con decisione la via della guerra risolutiva. Diciamo subito che i crociati appaiono come un' armata Brancaleone antesignana, solo che qui la faccenda è seria e il film non è comico.
Ma il Duca d'Austria Leopoldo è sempre ubriaco e beve come una spugna a tutte le ore mentre l'altro alleato, il Re Filippo di Francia, è talmente effemminato che non può certo far paura al feroce Saladino. Quindi è tutto nelle mani di Re Riccardo e negli intrighi di Sir Giles Amaury e i suoi Baroni Neri che feriscono mortalmente il Re con una freccia saracena avvelenata. Il suo fido Cavaliere Scozzese, Sir Kenneth, intuisce il complotto e tenta di smascherare gli odiati baroni e nel mentre si imbatte in uno strano cavaliere arabo col quale ingaggia un leale duello di cavalleria e alla fine, stremato, apprende che è un medico inviato dal Saladino per curare il Re ferito. Il Saladino vuole che si rimetta in sesto per decidere con lui le sorti della guerra: chi vincerà tra loro due, in singolar tenzone, regnerà sulla Terra Santa. In realtà il medico è il Saladino stesso e con un talismano e la conoscenza di antiche arti di erboristeria riesce a salvare il sovrano inglese. Egli si invaghisce pure della cugina del Re, Lady Edith, Plantageneta pure lei e vorrebbe averla come unica moglie e regina al suo fianco per unire le due religioni in pace. Anche lei è stanca di guerre e vorrebbe la pace e la prosperità di tutti i popoli ma ama il valoroso cavaliere. Tra agguati e duelli si arriva alla fine ad aver ragione dei cospiratori e a stringere un patto di amicizia con Saladino, che molto saggiamente desiste dal suo intento una volta che la donna manifesta la sua scelta. Per lei e il suo cavaliere è pronto in dono un castello in Iscozia.
Visto oggi il film perde gran parte del suo fascino ovviamente ma all'epoca, senza TV e con un solo film alla domenica dal prete, la cosa assumeva ben altro aspetto e valore. Quei duelli, giostre e quintane, costumi e castelli avevano il potere di darti la carica per tutta la settimana. E in quest'ottica di buon ricordo mi è molto gradito Re Riccardo e i suoi prodi cavalieri anche se francamente in questo film la figurona la fa il buon Saladino ...

prostratevi dinnanzi alla Luce del Mondo

condottiero, sovrano illuminato e scienziato, ottimamente interpretato da Rex Harrison… verniciato di marrone 😉

Re Riccardo al centro
alla sua destra Sir Giles
alla sua sinistra il marchese Conrad

Riccardo Cuor di Leone
King Richard and the Crusaders Flag 1954
Regia    David Butler
Musiche    Max Steiner
con
Laurence Harvey: Sir Kenneth del Leopardo
Rex Harrison: Saladino
George Sanders: Re Riccardo I Plantagenet
Virginia Mayo: Lady Edith Plantagenet
Robert Douglas: Sir Giles Amaury
Paula Raymond: Regina Berengaria
Henry Corden: Re Filippo di Francia
Wilton Graff: Duca Leopoldo d'Austria
Michael Pate: Conrad, marchese di Montferrat
Anthony Eustrel: Barone De Vaux
Lester Matthews: Arcivescovo di Tyre

Commenti

  1. Kieriketto bimbo minkietto1 aprile 2011 19:50

    Fermate lo zio che va a finire che torna all'oratorio
    :D

    RispondiElimina
  2. Kieriketto Eretiko solo per Matrimoni2 aprile 2011 10:09

    Li avevo cancellati dalla mia memoria ... che cialtronate

    RispondiElimina
  3. a parte che devi collocarli in un contesto storico del cinema epico e che usava tutta la licenza che gli serviva allo scopo ovvero la storia a volte era la guida del film altre volte un pretesto per raccontare una storia .. anche oggi poi si dice "liberamente tratto .."
    il cast era di prim'ordine e duelli a cavallo con armature e armi pesanti
    molto belli e difficili da realizzare segno che erano ottimi stuntmen e in generale si vede
    molto bene anche oggi .. la resa dei conti appesi al ponte levatoio
    che si chiude è senz'altro da ricordare .. come l'harem del saladino e le belle figliole che danzano sinuose ..
    ;-))
    insomma postate voi i film che vi piacciono e io i miei
    capito kieriketti de sta minkia??
    eheheee

    RispondiElimina
  4. Kieriketto Alto4 aprile 2011 10:03

    M'inginocchio sui ceci e chiedo venia ...

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore