Lo scudo dei Falworth


lo scudo dei Falworth 1954
M yles e sua sorella Meg sono stati allevati da Diccon e per un diverbio con gli uomini del Conte di Alban, sono stati condotti in salvo da Frà Edward. Questi consegna loro una lettera che li farà ammettere al castello di Sir William, conte di Mackworth e mostra loro un anello appartenuto al loro padre che Myles pretende, nonostante venga avvertito della pericolosità per la loro vita che esso rappresenta. Diccon li accompagna al castello e Sir William, letta la lettera, lo fa assumere tra gli scudieri mentre sua sorella come damigella di sua figlia Lady Anne. Ospite al castello c'è anche il Principe di Galles Hal e diretto discendente al trono di suo padre Enrico IV che è sempre più soggetto ad attacchi di cuore. Hal d'accordo con Sir William si finge incline al vino e di frivoli costumi per non destare i sospetti del bieco Gilbert Blunt, conte di Alban, che sta tramando per diventare a tempo debito Re d'Inghilterra. Quello stesso Conte a causa del quale, Myles e sua sorella son dovuti scappare. A Sir William e al Principe Hal servirebbe un prode cavaliere in grado di scongiurare la minaccia e non si rendono conto di averlo già in casa. O meglio Sir William che conosce la sua storia lo ha affidato alle cure di Sir James l'addestratore militare dei suoi scudieri e il ragazzo è il migliore, in grado addirittura di battere il suo maestro nella giostra. E' anche ansioso di scoprire il suo retaggio e il significato di quel Grifone Rosso in campo nero che ha nell'anello. Neanche Lady Anne con la quale si vede di nascosto è in grado di aiutarlo, ma manca stranamente una pagina nel libro di araldica custodito in libreria. Con Francis Gascoyne, suo unico amico tra gli scudieri, scala sovente il muro di cinta delle stanze di Lady Anne allo scopo di incontrarsi lui con lei e Francis con sua sorella Meg. L'occasione per scoprire le sue origini gli viene data in occasione della visita imprevista del Re con al seguito lo stesso conte di Alban. Questi reclama in moglie Lady Anne secondo le consuetudini tra nobili e ormai non c'è più indugio da frapporre ne ulteriore tempo da prendere. C'è solo da sfidare a duello Gilbert Blunt e non essendo nobile Myles e quindi impossibilitato a tale sfida, Sir William ne svela la vera identità di fronte agli stupiti presenti. Lui è un Falworth, casata messa al bando e condannata a morte per tradimento che in realtà non fu mai tale come Sir William Mackworth fermamente sostiene. In quel tempo era impegnato in guerra in Francia e non poté rientrare in tempo per salvare il suo amico, riuscendo solo ad affidarne i figli al fidato arciere Diccon che li crebbe fino ad oggi. Per cui Myles è un nobile e in quanto tale se pur ricercato e condannato a morte può invocare il Giudizio di Dio e sfidare come bugiardo e quindi vero traditore, il conte di Alban Gilbert Blunt. Questi non può rifiutare ma ha già predisposto un piano micidiale. Il castello è in mano ai suoi uomini, tutti veterani ed esperti di guerra che hanno provveduto a disarmare i pochi uomini di Mackworth e, durante il duello l'indomani, è previsto un loro impiego in caso di difficoltà del Conte. Così avviene e gli arcieri scoccano frecce in direzione di Myles non appena questi sembra avere il sopravvento nel duello. Ecco allora che i suoi scudieri con coraggio da vendere si buttano nella mischia armandosi alla meno peggio. Anche il Re viene fatto bersaglio dagli arcieri del Conte e ora il suo tradimento e complotto è chiaro a tutti. I nostri resistono con valore alle soverchianti forze del Conte che perisce nel duello con Myles mentre Lady Anne con uno stratagemma è riuscita a lasciare il castello e col fido Diccon a radunare truppe di nobili vicini e fedeli al Re garantendogli la vittoria. Questi entusiasta e grato ripristina tutti gli onori e i possedimenti dei Falworth con Myles che raggiante può sposare la sua Lady Anne e vedere sua sorella Meg fare altrettanto col giovane Francis Gascoyne.
Bel film d'avventura targato Universal con dame, prodi cavalieri e biechi figuri come si conviene nel genere cappa e spada ben diretti da Rudolph Maté regista di solido mestiere. Protagonista la coppia sul set e nella vita Tony Curtis - Janet Leigh con altri ottimi comprimari
e caratteristi. Splendidi costumi e allestimenti scenici e tante ottime scene di duelli e battaglie all'arma bianca.


The Black Shield of Falworth
Stati Uniti 1954
Regia: Rudolph Maté
Musiche Hans J. Salter
con
Tony Curtis: Myles Falworth
Janet Leigh: Lady Anne di Mackworth
David Farrar: Gilbert Blunt, conte di Alban
Barbara Rush: Meg Falworth
Herbert Marshall: William, conte di Mackworth
Torin Thatcher: Sir James
Dan O'Herlihy: Principe Hal
Patrick O'Neal: Walter Blunt
Craig Hill: Francis Gascoyne
Ian Keith: Re Enrico IV
Doris Lloyd: dama Ellen
Rhys Williams: Diccon l'arciere
Leonard Mudie: Frà Edward
Maurice Marsac: Conte di Vermois
Leo Britt: Sir Robert
Charles B. Fitzsimons: Giles
Gary Montgomery: Peter
Claud Allister: Sir George
Hamilton Camp: Roger Ingoldsby
Brett Halsey: giovane scudiero

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta