Fantastic 4 - I Fantastici Quattro


Fantastic 4 - I Fantastici Quattro
R eed Richards è un bambino prodigio, che fin dalle prime armi scolastiche si è dedicato al teletrasporto, abbandonando il suo sogno di viaggiare nel tempo per dedicarsi a quello nello spazio o in un'altra dimensione. Con l'amico Ben ha messo a punto un prototipo in grado di funzionare e all'annuale fiera della scienza, attira l'attenzione del professor Franklin Storm che era sul punto di arrivarci col suo pupillo Victor von Doom. Ma Reed ci è arrivato con pochissimi mezzi a disposizione superando lo sbigottito Storm a capo di una fondazione sponsorizzata dal governo e quindi con mezzi assai più importanti. Reed viene ingaggiato e il suo sogno si avvera a fianco di Susan, figlia adottiva del professore, di Johnny suo figlio naturale e di Victor von Doom, giovane genio del progetto, che sulle prime è piuttosto restio a lavorare con Reed a causa di Susan, che sembra preferirgli il nuovo arrivato, e per insofferenza generale verso i suoi superiori e i loro reali obiettivi. Tuttavia la squadra funziona e il portale quantico viene completato e testato con una scimmia, che riesce a andare e tornare da un pianeta gemello in pochi secondi e senza riportare danni fisici. Il professore prevede di inviare personale della NASA dopo il successo del test con l'animale e il progetto deve necessariamente passare di mano ora che è stato efficacemente sperimentato. Ma i ragazzi non intendono farsi soffiare il prestigio della scoperta, memori di quanto avvenuto con i primi astronauti che posero piede sulla Luna, ai quali andò fama eterna a scapito degli sconosciuti scienziati che resero possibile la loro impresa. Perciò visto che la macchina funziona, saranno loro a recarsi sul pianeta della dimensione parallela, che nel frattempo è stato chiamato Zero. Dopo una breve bisboccia Reed, Johnny, Ben e Victor indossate le tute si chiudono nelle capsule e danno il via per aprire i loro gusci pochi secondi dopo sullo strano pianeta, che ben presto iniziano a perlustrare nei pressi dell'atterraggio. Una strana energia sembra pervaderlo e si fa strada dal terreno finendo per essere avvertita dai ragazzi che vogliono calarsi da un costone per osservare meglio il fenomeno. Ma subito dopo si scatena una specie di violenta energia con una lava verdastra e tante esplosioni, al punto che i nostri son costretti a fare precipitoso ritorno ai gusci ad eccezione di Victor che precipita dal costone e scompare. Per fortuna alla base Susan, ignara del loro viaggio, si è accorta del loro stato e riesce a richiamarli sulla terra venendo però a sua volta investita dalla forte energia che i tre si son portati appresso, distruggendo quasi tutto il laboratorio. Al loro risveglio la triste realtà che li vede alterati  a livello genetico dopo l'esposizione alla strana forma di energia. Reed può allungarsi a dismisura, Johnny può incendiarsi e volare oltre a lanciare palle di fuoco, Ben è diventato un ammasso di roccia con una forza incredibile e Susan, esposta all'apertura delle capsule, ha la capacità di rendersi invisibile e usare campi di forza come scudo o arma. Il Governo li vuole studiare e approfittare dei loro poteri a scopo militare oltre a ricostruire il portale per mandare sul pianeta Zero suoi uomini. Costoro sbarcati, rinvengono Victor, o meglio un ammasso di sé stesso fuso con la sua tuta spaziale e lo riportano indietro. Ma questi ha tratto poteri telecinetici enormi da quella misteriosa energia che l'ha tenuto in vita e che ora è la sua unica ragione di esistere: distruggere la Terra per salvare il suo nuovo pianeta. Uccide diversi scienziati nel laboratorio che lo custodiva e con essi anche il professor Storm, prima di tele trasportarsi usando il portale e facendolo collassare affinché si fosse creato un buco nero così potente da risucchiare tutta la Terra. Ma i 4 gli sono dietro e sul misterioso pianeta riescono ad averne la meglio scongiurando la distruzione della Terra, che al loro ritorno presenta solo un immenso cratere tale da poter nascondere il fatto all'opinione pubblica. Ma non accetteranno le condizioni del loro Governo, pretendendo di agire a loro iniziativa e con l'unico scopo di salvaguardare il pianeta e i suoi abitanti. E' nato un nuovo e straordinario Team il cui nome, dopo averne scartati alcuni, non può che essere i Fantastici Quattro.
Tentativo di rivitalizzare il quartetto di Supereroi al cinema, piuttosto modesto e ovviamente scontato, del quale francamente non si capisce lo scopo se non quello probabile del merchandise collegato. A dieci anni di distanza dal primo esordio cinematografico e dal sequel del 2007 non si comprende la decisione di questo strano reboot.

Fantastic 4
Stati Uniti 2015
Regia: Josh Trank
Musiche Marco Beltrami, Philip Glass
con
Miles Teller: Reed Richards - Mister Fantastic
Kate Mara: Susan  Storm - Donna invisibile
Michael B. Jordan: Johnny Storm  - Torcia Umana
Jamie Bell: Ben Grimm - La Cosa
Toby Kebbell: Victor von Doom  - Dottor Destino
Reg E. Cathey: Dott. Franklin Storm
Tim Blake Nelson: Dott. Harvey Allen
Dan Castellaneta: Mr. Kenny

Commenti

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Gianni & Pinotto - Africa strilla

Gli ammutinati dell'Atlantico

La Pica sul Pacifico