Mondo perduto

Il professor George Challenger, famoso biologo ed antropologo britannico di ritorno da una spedizione in Amazzonia, alla ricerca delle sorgenti del Rio delle Amazzoni, di fronte agli allibiti membri della Società Zoologica Britannica e giornalisti convenuti, svela di aver trovato forme di vita animale preistorica, con quelli che sembrano essere all'evidenza dei veri e propri dinosauri. La scoperta è avvenuta ai piedi di un particolare acrocoro che si innalza sulla foresta amazzonica e probabilmente ha conservato, isolandola dall'esterno, la primordiale forma di vita preistorica sia animale che vegetale. Naturalmente si scontra con lo scetticismo generale e si rischia la colluttazione dopo le parole grosse se non fosse per un magnate della stampa che offre una somma sufficiente ad organizzare una nuova spedizione a patto che uno dei suoi giornalisti, Edward Malone, venga portato per documentare la missione. Della partita sono anche il Professor Leo Summerlee collega e membro della Società Zoologica che conta di soddisfare la sua incredulità. Lord John Roxton esperto cacciatore e avventuriero e una volta sul posto troveranno la sorpresa della figlia del magnate Jennifer Holmes, ad attenderli col fratellino desideroso anch'egli di avventure e il loro barboncino inseparabile. Manuel Gomez guiderà l'elicottero aiutato dal tutto fare Costa. Allo scorbutico Professor Challenger non resta che accettare la situazione e partire per l'avventura che in pochissimo tempo li vede atterrare sulla sommità dell'acrocoro ed iniziare immediatamente l'esplorazione. Con grande sorpresa di tutti e soddisfazione del professore ecco i primi incontri con i dinosauri tra i quali uno non ha niente di meglio da fare che distruggere l'elicottero. Bloccati e senza radio i nostri si mettono alla ricerca di una via che consenta la discesa a valle e sempre scattando fotografie, con il giusto timore ma anche tanta eccitazione. Si imbattono in una bella indigena e successivamente nei suoi simili che li catturano e rinchiudono in una caverna pronti per essere sacrificati. Ma la ragazza li libera e li conduce per un passaggio molto pericoloso, che attraversa una cavità magmatica. Sembra che tutto stia per scoppiare da un momento all'altro e per di più sulla loro strada c'è un altro bestione e alle loro spalle sopraggiungono urlanti gli inseguitori. Il sacrifico di uno di loro, il pilota Gomez, consente la messa in salvo dei rimanenti che una volta a valle e al sicuro possono osservare l'esplosione della montagna e la fine di tutto ciò che racchiudeva. Hanno però con sé un uovo di dinosauro che si schiude in mano al professore e il piccoletto che ne risulta sarà un più che valido testimone di quel mondo. Diretto e sceneggiato da Irwin Allen, è tratto da un romanzo di successo di Arthur Conan Doyle e si segnala per la trovata originale di riprendere al posto dei modellini usati in quegli anni, dei veri e propri animali, iguane e piccoli coccodrilli "truccati" da sembrare dinosauri, con corna posticce, scaglie e placche ossee incollate. Se da un lato può apparire infantile con l'occhio critico attuale, dall'altro ricordo che fece la sua giusta impressione dato che il movimento di un vero animale è senz'altro più fluido di un modellino ripreso all'epoca fotogramma per fotogramma con evidente resa a scatti in proiezione. Giudizio ottimo quindi, per un genere avvincente e un buon cast dove la parte femminile, pur in inferiorità numerica, prevale decisamente su quella maschile. La bellissima Jill St. John appena ventenne si contende il titolo con l'altra non meno bella Vitina Marcus, americana paisàna che non tradisce le radici sicule nella sua prorompente bellezza mediterranea.

The Lost World
Stati Uniti 1960
Regia: Irwin Allen

con
Claude Rains: Professor George Edward Challenger
David Hedison: Edward Malone
Jill St. John: Jennifer Holmes
Richard Haydn: Professor Leo Summerlee
Colin Campbell: Professor Waldron
Michael Rennie: Lord John Roxton
Ray Stricklyn: David Holmes
John Graham: Stuart Holmes
Fernando Lamas: Manuel Gomez
Jay Novello: Costa
Ian Wolfe: Burton White
Vitina Marcus: Ragazza indigena

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta