Il Dottor Stranamore

ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba Girato nel pieno della guerra fredda è un film anti militarista che fa della satira grottesca il suo punto di forza. Si ride anche per la straordinaria performance di Peter Sellers che interpreta addirittura tre personaggi chiave, tra i quali il consigliere militare del Presidente Usa, Dottor Stranamore, ex nazista, è nella storia del cinema coi suoi tic, in special modo il braccio "alieno" che verrà ripreso in successivi film dai più disparati interpreti. Ossessionato dalla minaccia comunista un generale delle forze aeree americane ordina un attacco massiccio all'Unione Sovietica con 34 bombardieri a lungo raggio B52 carichi di testate nucleari. Secondo la procedura prevista gli aerei dovranno cambiare frequenze radio una volta ricevute in volo le istruzioni di attacco e i relativi bersagli. Il generale psicopatico è l'unico che conosce l'esatta frequenza per richiamare gli aerei e scongiurare l'attacco, ma sordo ai richiami del Presidente si suicida per non fermare la missione. Nel frattempo fervono febbrili trattative tra le due super potenze per evitare la catastrofe viste le sicure ritorsioni dei sovietici, che dispongono dell'ultimo grido in fatto di bombe nucleari dal nome piuttosto inquietante di "La fine del mondo". Grazie alle capacità induttive del Colonnello Mandrake di decifrare il codice dai pochi appunti del colonnello suicida, si riesce a contattare tutti gli aerei meno quattro già ampiamente penetrati in territorio nemico. Secondo i russi dovrebbero essere stati abbattuti ma di uno non ne son sicuri. Infatti quello di uno dei più irriducibili e patriottici yankee, il Maggiore King Kong, è riuscito a scampare al missile lanciatogli contro, ma ha riportato danni seri all'impianto elettrico e oltre a non poter essere contattato via radio ha anche il carrello dello scomparto bombe bloccato. Ma la missione deve essere portata a termine a qualunque costo, questi sono gli ordini, e il maggiore cowboy scende di persona nel vano bombe e a cavallo di un micidiale missile riallaccia i fili posti sopra, del quadro elettrico dello sganciamento che avviene con lui in sella. Come fosse in groppa a uno stallone da domare il nostro eroe agitando il cappello e fischiettando allegramente vola sull'obbiettivo senza farsi disarcionare in una delle scene indimenticabili della storia del cinema. La guerra è inevitabile e solo seguendo le istruzioni del Dottor Stranamore, di fare tanto sesso per i prossimi cent'anni per quei trentamila circa che troveranno rifugio in vecchie miniere in profondità, l'umanità potrà un giorno ritornare a vivere alla luce del sole. L'olocausto trattato come una commedia nera e satirica come solo il genio di Kubrick poteva concepire.
Dr. Strangelove
or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb
Gran Bretagna, Stati Uniti 1964
Regia: Stanley Kubrick
con
Peter Sellers: Colonnello Lionel Mandrake, Presidente Merkin Muffley, Dr. Stranamore
George C. Scott: Generale "Buck" Turgidson
Sterling Hayden: Generale Jack Ripper
Slim Pickens: Maggiore pilota T.J. "King" Kong
Keenan Wynn: Colonnello "Bat" Guano
Peter Bull: Ambasciatore Sovietico Alexei De Sadesky
James Earl Jones: Tenente Lothar Zogg
Frank Berry: Tenente H.R. Dietrich
Glenn Beck: Tenente W.D. Kivel
Shane Rimmer: Capitano G.A. "Ace" Owens
Paul Tamarin: Tenente B. Goldberg
Gordon Tanner: Generale Faceman
Robert O'Neil: Ammiraglio Randolph
Tracy Reed: Miss Scott
Roy Stephens: Frank
Jack Creley: Steines

Commenti

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Maciste contro i tagliatori di teste

O' Cangaceiro

Gianni & Pinotto - Africa strilla