I fantastici viaggi di Gulliver

Quando le idee sono poche e quelle poche mosse dalla voglia di far quattrini ecco che si sfornano questi film retti solo dalla moderna computer grafica ma a danno dei classici ai quali si ispirano. Innanzitutto ricordo ancora da ragazzo i bei disegni del libro che raffiguravano un uomo prestante, medico o comunque esperto in medicina, elegante e di classe borghese e quindi in netto contrasto con questo "Grulliver" ciccio bamboccio, imbranato con le donne e fattorino in una grande azienda, che un giorno si ritrova nel bel mezzo del Triangolo delle Bermude e un gorgo "al contrario" lo solleva in una misteriosa isola abitata da uomini minuscoli. E da qui partiamo, con una certa aderenza alla storia del libro e una serie di brillanti avventure come gran pacificatore tra i due contendenti, Lilliput da una parte e Blefusco dall'altra, per poi precipitare nel duello contro un transformer delle sue dimensioni dotato di una forza maggiore e capace di emanare potenti scariche elettriche. Tutto finisce bene, la pace e l'amore trionfa tra i piccoli popoli come pure tra Grulliver e la sua bella che nel frattempo aveva avuto modo di naufragare anch'ella nell'isola.
E' chiaro che è un film per pre-adolescenti un tantino prossimi ai bimbo-minkia e in quest'ottica il bravo Jack Black ne è degno mentore con la sua maschera di eterno bamboccione e lo sfoggio di tutta una serie di gadget moderni tra i quali I-Pad e I-Phone, corredo essenziale di questo moderno esistere, risultano molto apprezzati anche dai Lillipuziani.
Godibile su tutti il Generale Edoardo Edoardiano nella sua ostinata cattiveria mai doma neanche al cospetto di uno cento volte più grande.
Quando si dice la tigna. Piccola curiosità: ho riconosciuto la voce di Susy Blady in quella della Regina Isabella e da lì son risalito a quella del marito Patrizio Roversi che doppiava il Re Teodoro e devo dire che mi son piaciute entrambe e naturalmente mi son fatto i complimenti per questa scoperta che denota un certo udito cinefilo ormai estremamente affinato.



Gulliver's Travels
Stati Uniti 2010


Regia: Rob Letterman
con
Jack Black: Lemuel Gulliver
Chris O'Dowd: Generale Edoardo Edoardiano
Jason Segel: Orazio
Billy Connolly: Re Teodoro
Catherine Tate: Regina Isabella
Emily Blunt: Principessa Mary
Nikki Harrup: Principessa di Blefusco
Amanda Peet: Darcy Silverman
T.J. Miller: Dan
Romany Malco: Young Hank

Commenti

  1. Joe Black è divertente ... ma il film è scadente ... visto e mi sono detto "perchè rovinare un classico con sta troiata?"

    RispondiElimina
  2. ogni tanto andiamo d'accordo ..
    ma rientra nella statistica

    RispondiElimina
  3. Così Mark è sollevato dal fare un nuovo header ...
    per ora ;-))

    RispondiElimina
  4. Non si può pensare di fare un film sperando che Jack Black (che stimo)riesca da solo a reggerlo!!! Io l'ho trovato veramente deludente!!! Deludente sono ogni punto di vista: Storia poco convincente, motivazioni dei personaggi molto improbabili. Se vogliamo dirla tutta non è nemmeno troppo esilarante, nonostante la presenza di Black che fa ridere già di suo.

    Di solito consiglio di vedere ogni film...questo si può anche evitare...non rimane granchè...

    ...la trovata del robot energetico poi...è proprio ridicola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti .. per quanto fossero abili costruttori ..
      come improbabile la villa già gigante per lui pensa per loro a costruirla
      mahh
      carina l'enorme macchina per il caffé
      ;-))

      Elimina
    2. non capisco come fare per mettere nuovi post ...

      Elimina
    3. O ENTRI IN BLOGGER.COM che è in pratica la bacheca dove vedi i toui blog e clicchi su quello che ti interessa (matitone = nuovo post)
      oppure dovresti vedere se sei loggato a google come al solito sulla destra alla fine della barra in alto una matita che ti consente di postare un nuovo articolo e poi ancora a destra c'è una casetta che ti permette di entrare (sempre se sei loggato se no non la vedi) nella bacheca normalmente dove fai come sopra detto
      INOLTRE sempre se sei loggato a fianco del titolo del post c'è sempre una MATITA che ti permette di aprirlo e modificarlo ecc.ecc. mentre prima era in basso alla fine del post se ricordi
      eventualmente ci fossero problemi chiama

      Elimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore