La grande bellezza


L a grande bellezza... già, la grande bellezza. Dopo aver visto il film uno potrebbe pensare a Roma e a tutte le sue meraviglie... o alla situazione italiana e di come siamo diventati negli ultimi tempi. A parer mio la grande bellezza non è altro che una grande tristezza. Per carità, non sono venuto per commentare il film, beh, più tardi cercherò di dare qualche giudizio, ma è quel senso di vuoto che traspare dal film e che si riempie con un altro vuoto. La storia di Gep Gambardella, destinato da una vita dedicata all'arte, alla sensibilità e andata persa tra feste notturne, bordelli e amicizie fittizie. Di tanto in tanto, in mezzo a tutto questo circo, la vita riaffiora e certi colpi restano duri da digerire anche per chi fa parte di una certa elite. A tutto questo vuoto Gep prova a rispondere riprendendo il vecchio circo ma, insoddisfatto, cerca di recuperare quel suo lato spirituale che ormai sembra perduto. Purtroppo anche quando cerca di riabbracciare la sua anima, sfogandosi con chi dovrebbe far questo di mestiere, trova davanti a lui gente ancora più vuota e corrotta. Un film felliniano con palesi citazioni, partendo dal titolo che ricorda tanto quella dolce vita di tanti anni fa. Allora come adesso troviamo un'artista davanti alla perdita dell'innocenza. Ma se Fellini prediligeva mostrare il suo lato introspettivo, Sorrentino si sofferma parecchio su quello che lo circonda, dalla musica unz unz, al sesso facile, alla caricatura delle elite e a tutto quel quadro tragicomico che rappresenta la nostra nazione. Con delle musiche alla Scorsese che richiamano l'innocenza, con dei gusti di movimenti di macchina che non ha perso in questo periodo, Sorrentino arriva a descrivere una vita che è molto lontana da quella dei suoi primi film. Non siamo più davanti al cantante napoletano ed al calciatore futuro mister, o all'amico di famiglia, qui abbiamo scalato ceto sociale. Il nostro regista è diventato famoso e si vede. Con la speranza che possa restare ancorato alla sua arte e al suo essere vero, contrariamente al suo alter ego Servillo, che offre ancora una volta una grandissima interpretazione, facciamo innanzitutto tanti cari auguri a Sorrentino per l'Oscar, con la piccola speranza che, in futuro, possa tornare tra di noi, di tanto in tanto, sulla terra e a raccontare quelle piccole storie di quel microcosmo che ci ha fatto innamorare di lui come regista qualche anno fa ... guest post by Spotty

La grande bellezza
Italia 2013
Regia: Paolo Sorrentino
Musiche Lele Marchitelli
con
Toni Servillo: Jep Gambardella
Carlo Verdone: Romano
Sabrina Ferilli: Ramona
Carlo Buccirosso: Lello Cava
Iaia Forte: Trumeau
Giovanna Vignola: Dadina
Pamela Villoresi: Viola
Galatea Ranzi: Stefania
Franco Graziosi: Conte Colonna
Sonia Gessner: Contessa Colonna
Giorgio Pasotti: Stefano
Giusi Merli: Suor Maria "La Santa"
Dario Cantarelli: Assistente della Santa
Roberto Herlitzka: Cardinale Bellucci
Serena Grandi: Lorena
Massimo Popolizio: Alfio Bracco
Anna Della Rosa: la "non fidanzata" di Romano
Luca Marinelli: Andrea
Ivan Franek: Ron Sweet
Vernon Dobtcheff: Arturo
Lillo: Lillo De Gregorio
Luciano Virgilio: Alfredo
Anita Kravos: Talia Concept
Massimo De Francovich: Egidio
Aldo Ralli: Cardinale
Isabella Ferrari: Orietta
Fanny Ardant: Se stessa
Antonello Venditti: Se stesso

Commenti

  1. allora oggi è un perculare dappertutto sorrentino del resto è lo sport nazionale inveire su quegli italiani che ogni tanto hanno successo .. per quel che mi riguarda e per quel poco che ho visto grazie alla massiccia pubblicità che ottenebra la mente favorendo il sonno .. posso dire che è oltremodo interessante e piacevole cogliere qua e là atmosfere felliniane di una Roma che non muore mai .. tra tutte quella straordinaria passeggiata notturna nelle ville della nobiltà così piene di storia e opere d'arte da lasciare a bocca aperta e sorrentino ce l'ha mostrate in uno dei modi più insoliti possibili .. davvero una sorpresa

    RispondiElimina
  2. Sicuramente è un film difficilissimo che non può essere compreso né apprezzato appieno dopo una sola visione. Il problema è che non credo di riuscire a rivederlo tanto presto, bisogna mettersi nella disposizione d'animo adatta per seguire Gep nel suo viaggio alla (ri)scoperta della Grande Bellezza delle persone e della vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quotone Erica ;)
      dal canto mio aspetto il passaggio sul sat per rivederlo comodo e senza la noiosissima pubblicità che ti fa perdere il filo e specie di notte agevola il sonno ..

      Elimina
    2. fortunatamente lo avevo già visto al cinema. Premetto che non è tra i miei preferiti di Sorrentino, ma ciò non toglie che l'immagine decadente che da di questo paese è inappuntabile. La Serena Grandi che fa la parodia di se stessa è molto fine ... l'emblema della donna dell'Italia da bere divenuta emblema delle feste dell'italia del magna magna ... E la citazione di Flaubert da parte del protagonista da l'idea del film : ""La più grande ambizione di Flaubert era scrivere un romanzo sul niente, se ti avesse conosciuta avrebbe avuto un grande spunto".
      Grande Spotty.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Accantoniamo subito i paragoni blasfemi, ché i fellinismi di riporto sono fra le cose peggiori di un film che non manca di momenti imbarazzanti (i flashback sull'isola, la recitazione (?) della Ferrari, i fenicotteri, un po' tutto il finale). Per rifare la Dolce vita manca il senso del tragico che... Aspetta, ma certo: con tutte le sue pretese, è una commedia! Non è Fellini, è un Vanzina high-brow e in bella grafia! Visto così (si pensi alla intervista all'"artista concettuale" che "tira 'e capate al muro") funziona abbastanza, e per la prima volta ci è piaciuto il Bill Murray italiano Servillo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a parte che le accuse di vanzinismo furono fatte anche al Fellini de La dolce vita, credo che la risposta migliore la possa dare chi ha passato qualcosa del genere :D

      http://www.youtube.com/watch?v=k1IZN7r5PK4

      Elimina
  5. "E' una cagata pazzesca" (cit.)

    RispondiElimina
  6. minkia anche tra i critici cinematografici si usa parlare in terza persona come gli allenatori di calcio ... :D

    RispondiElimina
  7. Ogni volta che si ottiene un certo successo ci si fa un nemico. Per essere benvoluti da tutti bisogna essere mediocri. (O. Wilde).
    grande Oscarì ;)

    RispondiElimina
  8. Un finocchio morto che si faceva inculare. Minkia un maitre a penser.....
    (Mariello)

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Etichette

Amedeo Nazzari6 Amore3 Animazione14 Anna Magnani7 Anthony Quinn8 Anthony Steffen14 Audrey Hepburn1 Ava Gardner2 Avventura141 Azione207 Bette Davis1 Billy Wilder3 Biografico13 Bob Hope3 Brancaleone2 Bud Spencer15 Burt Lancaster10 Cappa e spada49 Caratteristi4 Cary Grant7 Cecil B.DeMille2 Charlie Chaplin16 Charlot13 Charlton Heston11 Christopher Nolan3 Clark Gable8 Claudette Colbert2 Claudia Cardinale5 Clint Eastwood19 Comico72 Commedia285 Costume7 Danny Kaye2 David Niven7 Dean Martin12 Disney3 Documentario5 Dramma35 Drammatico119 Dustin Hoffman3 Eduardo De Filippo4 Edward Dmytryk6 Edward G. Robinson10 Elvis Presley1 Epico3 Erotico4 Errol Flynn4 Fantascienza125 Fantastico52 Federico Fellini3 Festival88 Fracchia1 Franca Valeri7 Franchi & Ingrassia4 Franco Nero12 Frank Capra2 Fratelli Marx2 Fred MacMurray3 Fritz Lang7 G.M.Volontè2 Gary Cooper8 George Hilton8 Gesù di Nazareth1 Giallo15 Gianni & Pinotto1 Gianni Garko14 Gigi Proietti1 Gina Lollobrigida4 Ginger Rogers1 Gino Cervi9 Giuliano Gemma25 Giulietta Masina4 Glenn Ford8 Grace Kelly3 Greenway1 Gregory Peck9 Grottesco7 Groucho Marx3 Guerra49 Guest post6 Hedy Lamarr1 Henry Fonda10 Henry Hathaway6 Henry King4 Horror18 Howard Hawks8 Humphrey Bogart7 Ingmar Bergman1 Ingrid Bergman2 Italian Spy35 Jack Nicholson1 Jacques Tourneur5 James Cagney4 James Coburn7 James Stewart16 Jane Russell5 Jeff Cameron14 Jerry Lewis15 Joan Crawford3 John Ford14 John Wayne30 Kim Novak1 Kino3 Kirk Douglas21 klaus Kinski9 Kubrick2 Laurel e Hardy22 Lauren Bacall4 Laurence Olivier2 Lee Van Cleef18 Lex Barker5 Lino Banfi1 Lirica1 Luchino Visconti1 Lucio Fulci9 Luis Buñuel1 Macario7 Marcello Mastroianni4 Margaret Lee12 Marilyn Monroe1 Mario Bava10 Mario Monicelli11 Mario Soldati5 Marisa Mell2 Maureen O'Hara7 Mel Brooks3 Mel Gibson2 Memoria1 Michael Curtiz6 Mitologia13 Musical1 Musicale10 Neorealismo2 Neri Parenti1 Nicolas Cage4 Nino Manfredi12 Noir31 Opera1 Orson Welles3 Paolo Villaggio2 Pasqua1 Paul Newman4 Paulette Goddard4 Peplum44 Peppino De Filippo32 Peter Lorre9 Peter Sellers12 Pietro Germi1 Pirati24 Poliziesco48 Primo Carnera3 Pulp1 Quentin Tarantino8 Raimondo Vianello13 Randolph Scott13 Raoul Walsh10 Rassegne3 Renato Rascel3 René Clair1 Robert Aldrich4 Robert De Niro4 Robert Mitchum20 Robert Siodmak2 Robert Taylor10 Robert Wise1 Romantico6 Sam Peckinpah5 Satirico4 Sean Connery9 Sentimentale14 Sergio Leone3 Sherlock Holmes20 Shirley MacLaine1 Sophia Loren7 Spaghetti Action23 Spaghetti Thriller9 Spaghetti Western190 Spencer Tracy5 Spionaggio44 Splatter3 Sport6 Stampa81 Star Wars4 Stefania Sandrelli1 Steve Reeves9 Stewart Granger9 Storico17 Super Eroi32 Tafazzi1 Terence Hill11 Thriller157 Tina Pica9 Titina De Filippo5 Tomas Milian12 Tony Curtis10 Totò Antonio De Curtis43 Tyrone Power4 Ugo Tognazzi9 Ursula Andress5 Victor Mature5 Victor McLaglen7 Virna Lisi4 Vittorio De Sica20 Vittorio Gassman11 Walter Chiari19 Wes Anderson3 Western213 Woody Allen14 Yul Brinner3 Zeffirelli1
Mostra di più

I Magnifici Sette del mese

400 giorni - Simulazione spazio

Solo per vendetta

Star Wars: Gli ultimi Jedi

The Accountant

Oceania

La più grande rapina del West

Cameriera bella presenza offresi...