Lo chiamavano Trinità

Lo chiamavano Trinità
Un film che piace e che lo rivedi ogni volta che lo mandano in onda in TV e che ogni volta ottiene elevati indici di ascolto deve essere per forza un bel film. Lo strano è che questo campione di incassi al botteghino appartenga al filone spaghetti-western, un genere che negli anni si era tramutato in grandguignolesco pieno di efferate violenze con la gente che si divertiva a contare i morti per commentare poi all'uscita su quanti fossero stati per l'esattezza e se si era battuto il record del precedente.
Con questo film invece si ribalta completamente l'andamento del genere, ormai agonizzante, e lo si rivitalizza con temi sempre inerenti, come scazzottate e pistolettate ma senza una goccia di sangue e tantomeno un morto.
Il regista Clucher (nome d’arte di Enzo Barboni) riesce nell'intento di sfornare un prodotto divertente, spaccatutto si ma adatto anche ai bambini e tale da creare subito un filone che per qualche anno riempirà, con minori fortune degli originali, le sale cinematografiche. Bambini sono anche i 2 personaggi che iniziano un sodalizio proficuo e molto apprezzato dal pubblico che aspetterà trepidante il nuovo film ogni anno. Bambini perchè così si strappa la risata, quando sei semplice e autentico e come un bambino sei buono e cattivo ma non lo sai nemmeno in quanto non hai ancora un'identità definita. Così è Trinità (Terence Hill), la mano destra del diavolo, velocissimo con la pistola quanto indolente e vagabondo senza voglia di far nulla se non ballonzolare sul suo "travois" trainato dal cavallo. Bambino (Bud Spencer) è (volutamente di nome e di fatto) il burbero fratellone, il cervello, colui che si crede furbo ed abile e che detesta il fratello per il suo modo di cacciarsi sempre nei guai e senza mai avere qualche iniziativa "proficua":
Ma non hai uno scopo nella vita? Fai qualcosa...
ruba del bestiame... assalta una diligenza...
rimettiti a giocare, magari...
una volta eri un ottimo baro! Ma fai qualcosa!!

In realtà è una sorta di Ollio che pretende di prendere le decisioni quando in realtà è l’altro a portarcelo nelle scelte, e la coppia a me li ricorda tantissimo e mi diverto alla grande ogni volta che li rivedo.
La trama è arcinota e vale appena la pena di riassumerla, con i nostri, che aldilà dei progetti di razzie, si ritroveranno ad appoggiare e difendere una piccola comunità di pacifici Mormoni che si son stanziati nelle terre del Maggiore, il quale spalleggiato dai suoi uomini cercherà con ogni mezzo di cacciarli. Ma i nostri non solo sapranno rispondere per le rime ... non baciate,  caso mai … risate, ma troveranno anche il tempo per smazzolare Mezcal, un bonario e grottesco bandido messicano che sovente sconfina e dai poveri mormoni ottiene solo una zuppa e fagioli che preferisce esigere a suon di ceffoni.
Memorabile la scena in cui mette in fila tutti i malcapitati e li passa in rassegna per "ceffonarli" fin quando, al cospetto di Bambino, viene sonoramente "ceffonato" lui stesso e trasportato in stato di incoscienza dai suoi in ritirata verso il Messico. grande coppia e gran bel film
Lo chiamavano Trinità - Italia - 1970
Regia Soggetto Sceneggiatura - Enzo Barboni (E.B.Clucher)
Fotografia - Aldo Giordani
Musiche - Franco Micalizzi, Lally Scott
Scenografia - Enzo Bulgarelli

Mezcal trova pane per i suoi denti ....
Interpreti e personaggi
Terence Hill: Trinità
Bud Spencer: Bambino
Farley Granger: Maggiore Harriman
Dan Sturkie: Tobias
Remo Capitani: Mezcal
Luciano Rossi: Timido
Ezio Marano: Faina
Steffen Zacharias: Jonathan Swift
Gisela Hahn: Sarah
Elena Pedemonte: Giuditta

il trailer italiano ufficiale

Commenti

  1. Un classico della mia infanzia, Zio! Grazie!!

    RispondiElimina
  2. un poro mexicano28 settembre 2010 15:45

    Voi gringos siete dei bastardi... volete le nostre donne e se uno vi dà una coltellata vi offendete.

    RispondiElimina
  3. un otro pobrecito28 settembre 2010 15:46

    La mia esposa stava al fiume senor, a lavare... un gringo l'aggredì e la voleva... e ho corso in suo aiuto... avevo il coltello... quello mi guarda con gli occhi spalancati e muore... nel cadere avrà battuto la testa... io gli ho dato solo qualche coltellata...

    RispondiElimina
  4. Salve fratelli!
    Glielo hai detto tu che siamo fratelli?
    Un classico immortale, con i dialoghi tra i più brillanti che siano mai stati scritti x il cinema.

    RispondiElimina
  5. È Dio che vi manda!
    No passavamo di qui x caso...

    RispondiElimina
  6. se fate i bravi
    vedo di arrangiare anche un bis
    con continuavano ...
    anzi è obbligatorio farlo prossimamente
    ;-))

    RispondiElimina
  7. Ma perché non ti dai alla vita onesta? Torna a New Orleans dalla mamma... portale un paio di ragazze e mettiti in affari con lei!

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Gianni & Pinotto - Africa strilla

Gli ammutinati dell'Atlantico

La Pica sul Pacifico