Kriminal

E' sempre difficile portare sul grande schermo un fumetto, specie se di successo. E' stato così per Tex e anche per questo che vede in azione un Kriminal reso da Glenn Saxson in maniera blanda e al limite della sopportazione. Forse è anche la storia piatta e debole che rende il prodotto mediocre al di là degli interpreti, dove oltre al biondo olandese (già incontrato nel blog nelle vesti di Django) si segnala un modesto Ispettore Milton, abbastanza British comunque nella caratterizzazione di Andrea Bosic e una sensuale e matura Esmeralda Ruspoli nel ruolo della "vedova nera" Lady Gold. Ivano Staccioli è cattivo quanto basta e le vere e proprie armi di seduzione di massa sono racchiuse nelle avvenenti grazie di Helga Liné che in questo film si sdoppia per la gioia dello spettatore in Inge e Trude. La tutina di Kriminal è da annoverare tra quelle pratiche usate dai bambini in tenera età mentre per gli esterni si son fatte le cose in grande. Senza badare a spese la troupe ha girato tra Londra, Roma, Madrid e Istanbul, dando al film una netta impronta internazionale. La storia vede il nostro rubare la corona della Regina di Inghilterra ma essendo di difficile collocazione la riconsegna allo sbigottito MIlton e vira decisamente sui diamanti, di poco ingombro e sicuro affidamento. Senza particolari apprensioni si arriva alla fine con un personaggio più vicino al ladro gentiluomo Arsenio Lupin che strizza l'occhio a James Bond ed esula completamente dal cinico e sadico del fumetto.
Ci sarà un seguito e noi, bontà vostra, saremo qui a raccontarvelo.


i crediti con i disegni di inzio film


Kriminal
Italia, Spagna 1966


Regia: Umberto Lenzi
Musiche di Roberto Pregadio

con
Glenn Saxson: Kriminal
Andrea Bosic: Ispettore Milton
Helga Liné: Inge e Trude
Esmeralda Ruspoli: Lady Gold
Maria Luisa Rispoli: Margie Swan
Ivano Staccioli: Alex Lafont
Franco Fantasia: Commissario Murad
Consalvo Dell'Arti: Commissario Megress
Armando Calvo: Gandur

Commenti

  1. ...un personaggio più vicino al ladro gentiluomo Arsenio Lupin che strizza l'occhio a James Bond ed esula completamente dal cinico e sadico del fumetto.
    _____

    hai detto tutto in 2 righe

    RispondiElimina
  2. ma dove li trovi....?

    ...nuova conoscenza per il sottoscritto...io ero rimasto a Fantomas che ha poca attinenza...

    RispondiElimina
  3. Sufficienza di stima per questa trasposizione del celebratissimo fumetto nero, assai più dirompente del buon Diabolik. Condizionato, come sarà anche Bava, dalla censura preventiva, Lenzi si muove sul familiare terreno dello spionistico, ma con pochi guizzi: cpontro ogni previsione sarà meglio il seguito del vecchio Cerchio. Gustosi però i titoli di testa e la colonna sonora di Romano Mussolini orchestrata da Pregadio.

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Jack Reacher - Punto di non ritorno