400 giorni - Simulazione spazio


400 giorni - Simulazione spazio
Q uattro astronauti, tre uomini, il Capitano e Comandante missione Theo Cooper, Bug Kieslowski, Cole Dvorak e una donna, la Dr.ssa Emily McTier, sono stati scelti per una simulazione di un volo interplanetario della durata di 400 giorni, durante i quali dovranno vivere in un simulatore posto sotto terra e nel quale accedere per mezzo di una botola. Dovranno affrontare una convivenza forzata per lungo tempo e in spazi che, seppur dotati di ogni comfort, sono ovviamente limitati a quelli di una vera astronave. Cibi liofilizzati e liquidi corporei riciclati per un periodo talmente lungo che la dottoressa dovrà costantemente monitorare per osservare ogni cambiamento di umore, comprese crisi di nervi e allucinazioni in un susseguirsi di simulazioni e gestione degli imprevisti che potrebbero capitare durante il viaggio. Tipo perdere il collegamento con la base dopo pochi giorni e trovarsi nel bel mezzo di quello che sembra un campo di asteroidi che li colpisce all’esterno, ma nulla in confronto di quello che andranno a scoprire realmente a pochi giorni dalla scadenza della missione, che tutto sommato tra alti e bassi li aveva visti arrivare a destino. Da una presa di aerazione si introduce nella capsula abitativa una persona dall'aspetto orribile e in evidente stato di paranoia. Si cerca di sedarlo farmacologicamente e quando si esce fuori dal quel pertugio dal quale si era introdotto l'uomo, si scopre una realtà arida e polverosa, del tutto diversa dall'ambiente che avevano lasciato. Cole sostiene che fa tutto parte della scena e che usciranno fuori applaudendo i responsabili della missione per festeggiarli. Ma non è così e da campioni presi sul terreno si scopre che c'è la presenza di un minerale che si trova solo sulla Luna. Indossate le tute escono tutti e quattro dirigendosi verso dei bagliori di luce lontana per arrivare in una cittadina dove alcuni uomini dall’aspetto misterioso, raccontano di come una grande luce apparsa all’improvviso in cielo si sia scontrata con la Luna e subito dopo siano piovuti sulla Terra enormi quantità di materiale lunare devastando e uccidendo quasi tutti eccetto i pochi che si trovavano al riparo in bunker o come loro interrati in una capsula.

Ma quella gente è molto strana e la cosa consiglia loro di tornare indietro, perdendo nei primi scontri con quelle persone che li inseguono due colleghi, con Theo ferito all'addome da una coltellata e la sola Emily a curalo ed aiutarlo a rientrare nella capsula da quel passaggio di aerazione. Degli altri due non si sa più niente, mentre un terzetto di persone li ha seguiti fin lì e, penetrati nella capsula, ingaggiano un furioso combattimento con i due astronauti che riescono tuttavia ad avere la meglio uccidendoli. Subito dopo terminano i 400 giorni previsti e si riapre il collegamento via monitor con la base che li applaude per essere riusciti nello scopo, mentre il portellone principale si apre in automatico e una luce scende ad illuminare i due increduli astronauti che presisi per mano si avviano all'uscita nel finale che lascia più di una perplessità sulla trama e inconcepibile incertezza su quanto sta veramente accadendo.
Del genere perduti nello spazio di una fantascienza della sopravvivenza, il film svolge assai sommariamente e in maniera superficiale le tante implicazioni connesse al titolo stesso, ovvero una lunga permanenza e relative privazioni di una vita in spazi angusti, per poi affrontare un tema, sulla carta molto intrigante al confine tra finzione e realtà, ma svolto così banalmente da scivolare nell'horror finale senza alcun plausibile motivo.

400 Days
Stati Uniti 2015
Regia: Matt Osterman
Musiche  Wojciech Golczewski e Sean McMahon
con
Brandon Routh: Captiano Theo Cooper
Caity Lotz: Dr.ssa Emily McTier
Ben Feldman: Bug Kieslowski
Dane Cook: Cole Dvorak
Tom Cavanagh: Zell
Grant Bowler: Walter Anderson
Sally Pressman: Darla
Fernanda Romero: Zia
Frank Ashmore: Garcia
Dominic Bogart: Sketch

Commenti

  1. È un film banale è orrendo. Sky cinema prende proprio il peggio in circolazione per tenere bassi i costi evidentemente. Domani stesso levo "cinema" dal pacchetto abbonamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io ancora non ho capito che cosa succede quando escono dalla botola alla fine

      Elimina
    2. Ma te ne intendi qualcosa di cinematografia? Tutti qua dicono che fa schifo... ma è una cosa decisamente soggettiva... Per le scene é perfetto, gli attori recitano bene e un idea discreta...
      Un vero e proprio fanta-thriller

      Elimina
  2. Film orribile,inconcepibile, personaggi piatti,finale senza senso.Non vale la pena perdere tempo per vederlo.

    RispondiElimina
  3. Concordo pienamente, film dal finale assurdo!

    RispondiElimina
  4. Terribileeeeeeeee

    RispondiElimina
  5. una cagata mondiale,che alla fine non ti fa capire niente

    RispondiElimina
  6. Ma un se senso c'è???? O è solo una presa per il culo che il regista fa allo spettatore?? Non sanno più che cazzo fare

    RispondiElimina
  7. Spiega temi che cazzo succede alla fine quando aprono la botola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esce fuori uno zompi
      O_O

      Elimina
    2. Ciao visto adesso il film è chiaro che il messaggio finale è registrato e fuori troveranno cio che hanno lasciato qualche minuto prima. Quasi carino per me.

      Elimina
    3. Vero...però, ci hai fatto caso che in diverse scene si vedono le telecamere di controllo in funzione? Un sottile suggerimento che, all'altro capo, ci sia qualcuno a guardare. Toglie scontatezza al finale, che altrimenti non potrebbe essere che come dici tu. Discontinuo, spesso stereotipato, ingarbugliato ma...non rimpiango di averci messo sopra 90 minuti del mio tempo. Non un grande film ma neanche una merda, e i film a basso costo sono il mio mito! Ewwiwa Cesar Romero!

      Elimina
  8. bella merda a basso costo

    RispondiElimina
  9. Ultimamente fanno film con dei finali senza senso... lasciandoti una marea di dubbi . Tipo ma l uomo entrato nella navicella che dopo era nella gabbia del ristorante .....??? E il frigo non poteva aprirlo???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo film a basso budget che prende a piene mani situazioni gia' viste in altri millemila film c'e' poco ca capire. Semplicemente dopo il casereccio thriller finale con la saga dei 'coltellini' gli autori non sapevano come chiudere degnamente ed hanno lasciato la solita fine senza finale in modo di fare gli intellettuali. Ogniuno puo' darsi la risposta che preferisce...
      Il frigo non lo apre perché gli autori vogliono che si pensi che i sopravvissuti del 'diner' siano dei cannibali ma allo stesso tempo non si vuole che vengano trovati i corpi dei due astronauti fatti fuori perché si vuole mantenere aperta la pista della possibile simulazione fino all'ultimo istante del film...

      Elimina
    2. Io col DVD ho messo rewind, e ho scoperto che la donna bionda "spaventata" bionda a cui alla fine saluta il bonazzo bruto dicendo "Hey ciao!! Sono tutti i giornalisti" all'inizio era seduta veramente accanto a uno che ha fatto una domanda, quindi con grande delusione ho scoperto che era tutto finto, a me piaceva l'idea che era un messaggio per registrato quello che avevamo concluso la missione ed erano tutti destinati a morire BBUUUUUAAAAA

      Elimina
    3. interessante!!
      spiega meglio se è tutta una farsa a tuo avviso e che loro ne sono parte??

      Elimina
  10. Risposte
    1. quel che si dice il dono della concisione ...

      Elimina
  11. Meglio passare la serata a fissare un muro piuttosto che guardare questo capolavoro cinematografico

    RispondiElimina
  12. beh, uno degli attori mi ricorda chevy chase, quindi dev'essere un demenziale

    RispondiElimina
  13. Vedo che il film ha riscosso molto successo... ho capito che se mi passa sotto le mani durante lo zapping serale dovrò cambiare canale senza esitare....

    RispondiElimina
  14. si vabbe' ma così sono capace pure io a fare un film! invento uno scenario, faccio accadere cose assurde e lascio il finale alla completa immaginazione dello spettatore. eh no, al paese mio questa si chiama SOLA. delusione.

    RispondiElimina
  15. Quanti Oscar ha vinto 'sta cagata?

    RispondiElimina
  16. Beauregar André5 febbraio 2018 09:51

    stracagata senza senso ... baise

    RispondiElimina
  17. Mai visto una cagata pazzesca!!
    Merdaccia!!!

    RispondiElimina
  18. semplicemente osceno! parte da una idea buona ma la rende assurda

    RispondiElimina
  19. se lo scopo era quello di farvi discutere direi che il regista c'è riuscito alla grande

    RispondiElimina
  20. mi unisco al coro di chi sostiene sia una cagata pazzesca

    RispondiElimina
  21. Valar Morghulis12 ottobre 2018 07:59

    mi avete incuriosito e alla fine l'ho visto per confermare che è sicuramente un'occasione persa per un soggetto che era veramente intrigante da portare a termine con maggior accortezza

    RispondiElimina
  22. Prima del finale consiglio un'abbondante dose di enterogermina!

    RispondiElimina
  23. diciamo che gli è sfuggito di mano ;)

    RispondiElimina
  24. Tessera annonaria16 luglio 2019 09:32

    non c'ho capito niente non so voi come fate :(

    RispondiElimina
  25. una boiata che ti inchioda però a vederlo fino alla fine

    RispondiElimina
  26. Però è vero che la tipa al ristorante era presente anche alla conferenza stampa.

    RispondiElimina
  27. Boiata pazzesca!! Ma avete notato che le "tute spaziali" non sono altro che un completo da moto della rev'it? La giacca é la rev'it levante e i pantaloni sono i tornado 2 della rev'it... Non li hanno neanche modificati!! Si vede a bella vista il logo rev'it... Alla faccia del basso costo... Assurdo! Eppure gli attori recitano bene ma il film é una cagata pazzesca, e se é tutta una simulazione hanno lasciato uccidere le comparse slias i sopravvissuti?? Boh??

    RispondiElimina
  28. Vomitevole, un film senza un finale non è niente!

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

I Magnifici Sette del mese

Assassinio sul treno

Assassinio sul palcoscenico

Assassinio al galoppatoio

Sherlock Holmes e la Perla della Morte

Occhio alla penna

Star Wars: L'ascesa di Skywalker