Bastardi senza gloria

Divertito e anche dispiaciuto dal non poter cogliere le sfumature nelle varie lingue inglese, francese, tedesco, italiano e senz'altro affascinato dalle immagini come solo Tarantino sa mettere in scena. Nonostante abbia studiato inglese e tedesco e capisca il francese "a orecchio" mi è rimasto un po' di amaro in bocca per non essere riuscito ad apprezzare in pieno questo film che, a dispetto dell'azione che uno si aspettava, basa quasi tutto sul dialogo. I personaggi e le scene particolarmente curate, le emozioni dei protagonisti e la crudezza del periodo storico riescono in parte a sopperire alla parziale perdita del senso di tanti discorsi. Una fanta-storia bellica che è un inno alla vendetta contro la barbarie nazista in perfetto stile "occhio per ... scalpo e dente per .. cranio fracassato". Una squadra messa insieme dal Tenente Raine e composta da marines ebrei opera nella Francia occupata dai nazisti e ha lo scopo di eliminare quanti più soldati tedeschi in veloci agguati e imboscate. Conosciuti come i "bastardi" fanno dell'efferatezza la loro bandiera, scalpando i morti e marchiando in fronte con la "croce uncinata" i pochi sopravvissuti alle loro azioni affinché siano testimoni del loro crudo e deciso operato. Un monito per tutti i "nazi" di non incontrarli mai che è arrivato anche al Fuhrer in persona. Intanto la propaganda di regime orchestrata da Goebbels vuol proiettare la prima di un film sull'eroismo di un soldato tedesco in un cinema gestito dalla ebrea Shosanna, che ha cambiato nome dopo aver assistito al massacro della sua famiglia da parte degli uomini del terribile Colonnello SS Hans Landa, "il cacciatore di ebrei". L'occasione è propizia per bruciare tutti i pezzi grossi che assisteranno alla proiezione visto che le pellicole in nitrato di argento sono altamente infiammabili e il cinema ne è pieno. La squadra intanto con la complicità dell'attrice di regime Bridget von Hammersmark, spia degli Alleati, è in parte accreditata grazie a biglietti falsificati alla "premiere". Ma Landa è un volpone e non per niente ha vinto l'oscar e il premio della Giuria a Cannes e scopre il fatto, uccidendo l'attrice e arrestando Raine e il tutto senza allarmare gli spettatori in tenuta da gran gala con in testa Hitler, Goering e Goebbels. Due membri della squadra sono in sala e il colonnello Landa gioca le sue carte, con un clamoroso colpo di scena, chiedendo a Raine di contattare i suoi superiori allo scopo di ottenere un salvacondotto e denari in cambio della fine della guerra, che con l'uccisione di Hitler e dei vertici può terminare già in serata. Ottiene il via libera e si scatena l'inferno in sala, con la bella Shosanna che ha inserito uno spezzone di pellicola in un rullo dove urla ai presenti tutto il suo odio e che per loro la morte è arrivata e con il fuoco che divampa in sala subito dopo. Anche  i due "bastardi" entrano in azione iniziando a sparare all'impazzata crivellando Hitler nel fuggi-fuggi generale fino all'esplosione finale dell'intero cinema. La cesta con le uova marce è stata bruciata e il tenente Raine, preso in consegna il perfido colonnello, non si priva, da par suo, di lasciargli un piccolo ricordo per le malefatte fatte marchiandogli col coltello una svastica in fronte tra atroci urla di dolore. Una volta tolta quella divisa delle SS si ricorderà per sempre chi è stato un tempo, e detto tra noi, tra tutti gli ufficiali Gestapo o SS visti sullo schermo, Christoph Waltz ne è sicuramente il più alto rappresentante, una vera e propria incarnazione del male. E questo modo di recitare e gesticolare, uniti ad una mimica facciale unica, come dicevo, gli è valso i riconoscimenti suddetti e uno spazio tutto suo tra i "cattivi di sempre" al cinema.


Inglourious Basterds
USA, Germania 2009


Regia, Soggetto e Sceneggiatura: Quentin Tarantino
con
Brad Pitt: Tenente Aldo Raine
Christoph Waltz: Colonnello SS Hans Landa
Eli Roth: sergente Donnie Donowitz "L'Orso Ebreo"
Michael Fassbender: Tenente Archie Hicox
Diane Kruger: Bridget von Hammersmark
Daniel Brühl: Frederick Zoller
Til Schweiger: sergente Hugo Stiglitz
Mélanie Laurent: Shosanna Dreyfus
Rod Taylor: Winston Churchill
Martin Wuttke: Adolf Hitler
Sylvester Groth: Joseph Goebbels

Commenti

  1. Cagata terrificante. La scena del cinema sembra uscita da qualche film di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia.

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore