Speed Kills


Speed Kills
B en Aronoff, ricchissimo imprenditore del settore edile, ha preso una cotta per le barche ad alta velocità e in breve si trasferisce a Miami dove in poco tempo impara a guidarle ed a gareggiare. Ma non pago decide anche di mettersi a costruirle ampliando notevolmente il suo giro d’affari e mentre la sua vita scorre tra famiglia ed amanti varie, tra fiumi di champagne e lussi sfrenati dei più grandi alberghi, il suo passato torna a galla quando esponenti della malavita lo contattano per alcuni favori. Meyer Lansky, il capo supremo di un'organizzazione che spaccia droga, gli rinfaccia il suo successo attribuendolo a suoi specifici favori iniziali, ragion per cui seppure riluttante, deve aiutarlo fornendogli barche d'altura veloci per trasportare droga da Nassau e per fare poi di persona la spola con i contanti ricavati verso le Cayman per depositarli in conti anonimi sicuri. Non può negargli nemmeno il suo enorme capannone di rimessaggio del quale i contrabbandieri si servono per i loro traffici lasciando ogni volta la sua parte in un sacco nero dell'immondizia. Tempo prima per mantenere il suo vizio di gareggiare con le barche d'altura in giro per il mondo, attività questa che lo aveva visto trionfare in molte gare, gli erano serviti dei soldi da Lansky che ancorché restituiti con gli interessi, lo avevano legato ancor più al boss. Con la DEA alle costole però Aronoff non se la sente più di continuare, anche perché la sua nuova compagna ha appena avuto un bambino e teme per la sorte di loro tutti. Ben la allontana per sicurezza e decide di mollare tutto sperando di uscirne ma il vecchio boss Lansky muore d'infarto e i successori, dopo il rifiuto di Ben di concedergli l'attività nautica, lo fanno freddare da due killer prezzolati alla fine di questo modesto film tratto da una storia vera.
Con una trama che poteva essere cinematograficamente intrigante, ne esce fuori un modestissimo film dove a volte i campi stretti testimoniano la pochezza delle scene e mascherano esterni inadeguati o nei quali il clima non giocava a favore in quel momento, simulando giornate di sole in spiaggia quando con tutta probabilità tutt'attorno ai protagonisti inquadrati era grigio e freddo. Simulata molto male con effetti dozzinali anche la inverosimile corsa in mezzo alle onde gigantesche e visibilmente farlocche. Ma nulla al confronto del protagonista, un John Travolta in versione gommata chenunsepòvvede e che a ritroso nel tempo di ben 25 anni, grazie al solito flash back che tanto amano i registi moderni, non mostra differenza facciale sostanziale alcuna. 



Speed Kills
Stati Uniti 2018
Regia: John Luessenhop, Jodi Scurfield
Musiche Geronimo Mercado
con
John Travolta: Ben Aronoff
Katheryn Winnick: Emily Gowen
Jennifer Esposito: Katherine Aronoff
Michael Weston: avvocato Shelly Katz
James Remar: Meyer Lansky
Jordi Mollà: Jules Bergman
Amaury Nolasco: Agente Lopez
Matthew Modine: George Bush
Keith Hudson: Dutch Kramer
Kellan Lutz: Robbie Reemer
Charlie Gillespie: Andrew Aronoff
Moran Atias: Contessa
Tom Sizemore: Dwayne Franklin
Mike Massa: Knocky House
Luis Da Silva Jr.: Panama

Commenti

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

I Magnifici Sette del mese

400 giorni - Simulazione spazio

Assassinio sul treno

Assassinio sul palcoscenico

Assassinio al galoppatoio

Sherlock Holmes e la Perla della Morte

Occhio alla penna

Star Wars: L'ascesa di Skywalker