Train de vie

Train de vie è una commedia atipica ambientata nel 1941 in un piccolissimo villaggio ebreo situato nell'Europa dell'est durante l'invasione nazista. Il matto del villaggio avverte il consiglio dei saggi dell'arrivo dei tedeschi nei villaggi vicini e per sfuggire alla deportazione propone come unica via di salvezza quella di cercare di raggiungere in treno il confine con l'Urss  fingendosi deportati. Solo un folle poteva avere un'idea del genere. Acquistano così un treno, addestrano dei loro compaesani ad atteggiarsi e parlare da nazisti, e partono verso la libertà e la terra promessa dato che la speranza è anche quella di arrivare in seguito in Palestina. Durante il loro viaggio befferanno più volte i nazisti, disorienteranno i partigiani pronti a liberarli, affronteranno contrasti interni quando alcuni di loro abbracceranno l'ideologia comunista ed infine incontreranno anche degli zingari che hanno avuto la loro stessa idea. La loro avventura terminerà quando finalmente arriveranno a toccare con mano la libertà al confine, in una terra di nessuno dove però piovono i proiettili segni della guerra tra sovietici e nazisti.
Ma alla fine tutto quello che ha raccontato il matto del villaggio è veramente accaduto? Ed allora perchè nella sua ultima inquadratura lo vediamo con alle spalle un campo di concentramento ed il filo spinato a velargli il volto?
Il maggior pregio del film è quello di trattare l'argomento dell'olocausto con ironia e toni leggeri (e qui nasce la sua atipicità) senza risultare irrispettoso o addirittura offensivo nei confronti delle vittime dell'olocausto. Con molta semplicità il regista riesce a far capire allo spettatore il contesto nel quale si svolge la tragedia dei deportati senza però mostrare esecuzioni o vittime. Il film è intriso di ironia, della musica di Goran Bregovic che diviene quasi un ulteriore personaggio che accompagna gli altri in questa rocambolesca fuga, e naturalmente di cultura ebraica di cui il regista Mihaileanu da romeno-ebreo dimostra di esserne un profondo conoscitore.
Le poche ma fondamentali scene di tensione presenti aiutano a non rendere il tutto troppo leggero ma rimane comunque l'idea dello sviluppo di una specie di "gioco" che sembra coinvolgere gli ebrei ed i tedeschi. A tal proposito pare che  la parte del matto fu offerta inizialmente a Roberto Benigni e naturalmente non si può non immaginare quanto questa sceneggiatura indirettamente o no abbia potuto influire sul suo "La vita è bella".
I dialoghi italiani sono a cura di Moni Ovadia.

LA FRASE
- Schloime, perché sei tu il matto?
- Per caso. lo volevo fare il rabbino, ma il posto era già preso. Visto  che mancava il matto, ho pensato: "Fai il matto, se no lo fanno loro.  Fallo al posto loro".
- E non ti senti un po' solo?
- Oh no, non sono i matti che mancano...
- No, intendevo una donna. Perché non hai moglie, Schloime, dei bambini, una casa?
- Ah no, non sono mica matto...
Open-mouthed

bellissimo monologo da ascoltare attentamente e riflettere


Commedia, durata 103 min. - produzione Francia, Belgio, Romania, Israele, Paesi Bassi
1998. Regia di Radu Mihaileanu
Con: Agathe De La Fontaine, Lionel AbelanskI, Rufus, Clément Harari, Michel Israel,Zwi Kanar, Razvan Vasilescu
guest post
by Detari

Commenti

  1. bel post magiaro
    e bel film che vidi con piacere
    c'è una stretta relazione con un
    capolavoro di Ernst Lubitsch che se
    troverò tempo e ispirazione posterò volentieri

    RispondiElimina
  2. Ottimo Magiaro!!! era un film che avevo in mente di postare. Sono felice che lo abbia fatto tu :-)

    RispondiElimina
  3. Qualcuno di voi ha visto il monologo di Paolini sabato sera su la 7?

    RispondiElimina
  4. aggiungo la mia impressione avuta
    e riguarda la chiusura citata dal buon Detari .. ovvero la realtà è tragica e il sogno svanisce
    questa è la mia impressione e non è che sono andato a fondo son rimasto con quell'inquadratura finale
    molto triste ma anche lieve quasi a non intaccare il volo della fantasia
    che libera dalla realtà crudele

    RispondiElimina
  5. Ha parlato di Ausmerzen e l'eugenetica nazista ... a cui aderì anche k.lorenz e non solo ... e ha posto domande tra scienza e coscienza ... ed il fatto che la maggior parte di scoperte nella neuropsichiatria sia state fatte in base a quanto fatto dai nazisti sui malati di mente ... in fondo vi ho messo un link dove potete vederne uno spezzone ...


    è stato molto toccante, peccato che poi finito il monologo, Gad Lerner abbia fatto un Milano chiama Italia inutile e che ha vanificato quanto aveva fatto paolini ... ossia farti riflettere e chiederti "io cosa avrei fatto?"

    http://www.televisionando.it/articolo/la7-replica-ausmerzen-di-marco-paolini/43685/

    RispondiElimina
  6. Buongiorno CineMaestri,
    anche noi del Cinetvforum abbiamo parlato del film, e vorremmo inserire la vostra recensione nel blog, in cui sono presenti alcune recensioni. Questo anche per aprire un dibattito, perché la cosa della neuropsichiatria mi ha sconvolto un attimo...

    RispondiElimina
  7. Caro Gegio,
    se i titolari del blog sono d'accordo per quanto mi riguarda potete benissimo inserire questa recensione nel vostro blog.
    Ben trovati.

    PS visto Paolini, inquietante è dire poco

    RispondiElimina
  8. A nome dello zio Minkia, che è sommerso dagli F24 e dalle rate di Calimero per Matri, caro sig. Gegio puoi prendere il post di tuo interesse e fanne buon uso. ;-)

    RispondiElimina
  9. non ho ben capito cosa vuoi fare Gegio ma ad ogni modo se vuoi utilizzare il post metti almeno
    il link al blog

    RispondiElimina
  10. in quanto ad interessi commerciali lo zio non è secondo a nessuno, nemmeno a Marotta ... ;-)

    RispondiElimina
  11. Grazie ragazzi!!!
    Comunque nessun guadagno dall'inserimento del post nel nostro blog, solo condivisione di opinioni e dibattito. Dategli un'occhiata quando volete.

    RispondiElimina
  12. non è questione di guadagno ma di netiquette ogni nostro post è condivisibile in un ottica che mi
    vedeva da bambini scambiarci i fumetti tra amici
    non c'era il files sharing perchè non c'era manco la tivù e il computer non era nato .. ma il fumetto era sempre di tizio, caio e sempronio ;-))
    cmq complimenti hai un bel blog

    RispondiElimina
  13. Grazie Tex, anche per i compliementi. Forse non ho ancora capito la rete...

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Etichette

Amedeo Nazzari6 Amore3 Animazione14 Anna Magnani7 Anthony Quinn8 Anthony Steffen14 Audrey Hepburn1 Ava Gardner2 Avventura141 Azione207 Bette Davis1 Billy Wilder3 Biografico13 Bob Hope3 Brancaleone2 Bud Spencer15 Burt Lancaster10 Cappa e spada49 Caratteristi4 Cary Grant7 Cecil B.DeMille2 Charlie Chaplin16 Charlot13 Charlton Heston11 Christopher Nolan3 Clark Gable8 Claudette Colbert2 Claudia Cardinale5 Clint Eastwood19 Comico72 Commedia285 Costume7 Danny Kaye2 David Niven7 Dean Martin12 Disney3 Documentario5 Dramma35 Drammatico119 Dustin Hoffman3 Eduardo De Filippo4 Edward Dmytryk6 Edward G. Robinson10 Elvis Presley1 Epico3 Erotico4 Errol Flynn4 Fantascienza125 Fantastico52 Federico Fellini3 Festival88 Fracchia1 Franca Valeri7 Franchi & Ingrassia4 Franco Nero12 Frank Capra2 Fratelli Marx2 Fred MacMurray3 Fritz Lang7 G.M.Volontè2 Gary Cooper8 George Hilton8 Gesù di Nazareth1 Giallo15 Gianni & Pinotto1 Gianni Garko14 Gigi Proietti1 Gina Lollobrigida4 Ginger Rogers1 Gino Cervi9 Giuliano Gemma25 Giulietta Masina4 Glenn Ford8 Grace Kelly3 Greenway1 Gregory Peck9 Grottesco7 Groucho Marx3 Guerra49 Guest post6 Hedy Lamarr1 Henry Fonda10 Henry Hathaway6 Henry King4 Horror18 Howard Hawks8 Humphrey Bogart7 Ingmar Bergman1 Ingrid Bergman2 Italian Spy35 Jack Nicholson1 Jacques Tourneur5 James Cagney4 James Coburn7 James Stewart16 Jane Russell5 Jeff Cameron14 Jerry Lewis15 Joan Crawford3 John Ford14 John Wayne30 Kim Novak1 Kino3 Kirk Douglas21 klaus Kinski9 Kubrick2 Laurel e Hardy22 Lauren Bacall4 Laurence Olivier2 Lee Van Cleef18 Lex Barker5 Lino Banfi1 Lirica1 Luchino Visconti1 Lucio Fulci9 Luis Buñuel1 Macario7 Marcello Mastroianni4 Margaret Lee12 Marilyn Monroe1 Mario Bava10 Mario Monicelli11 Mario Soldati5 Marisa Mell2 Maureen O'Hara7 Mel Brooks3 Mel Gibson2 Memoria1 Michael Curtiz6 Mitologia13 Musical1 Musicale10 Neorealismo2 Neri Parenti1 Nicolas Cage4 Nino Manfredi12 Noir31 Opera1 Orson Welles3 Paolo Villaggio2 Pasqua1 Paul Newman4 Paulette Goddard4 Peplum44 Peppino De Filippo32 Peter Lorre9 Peter Sellers12 Pietro Germi1 Pirati24 Poliziesco48 Primo Carnera3 Pulp1 Quentin Tarantino8 Raimondo Vianello13 Randolph Scott13 Raoul Walsh10 Rassegne3 Renato Rascel3 René Clair1 Robert Aldrich4 Robert De Niro4 Robert Mitchum20 Robert Siodmak2 Robert Taylor10 Robert Wise1 Romantico6 Sam Peckinpah5 Satirico4 Sean Connery9 Sentimentale14 Sergio Leone3 Sherlock Holmes20 Shirley MacLaine1 Sophia Loren7 Spaghetti Action23 Spaghetti Thriller9 Spaghetti Western190 Spencer Tracy5 Spionaggio44 Splatter3 Sport6 Stampa81 Star Wars4 Stefania Sandrelli1 Steve Reeves9 Stewart Granger9 Storico17 Super Eroi32 Tafazzi1 Terence Hill11 Thriller157 Tina Pica9 Titina De Filippo5 Tomas Milian12 Tony Curtis10 Totò Antonio De Curtis43 Tyrone Power4 Ugo Tognazzi9 Ursula Andress5 Victor Mature5 Victor McLaglen7 Virna Lisi4 Vittorio De Sica20 Vittorio Gassman11 Walter Chiari19 Wes Anderson3 Western213 Woody Allen14 Yul Brinner3 Zeffirelli1
Mostra di più

I Magnifici Sette del mese

400 giorni - Simulazione spazio

Solo per vendetta

Star Wars: Gli ultimi Jedi

The Accountant

Oceania

La più grande rapina del West

Cameriera bella presenza offresi...