Johnny English - La rinascita


J ohnny English è caduto in disgrazia. Non è più baronetto ed è stato estromesso dall' MI7 per via della sua ultima fallimentare missione in Mozambico dove non è riuscito a proteggerne il Presidente dall'assassinio, gettando sulla sua nazione imbarazzo, umiliazione e soprattutto vergogna. Per questo si è ritirato in vita monastica in Tibet dove con altri monaci e un vecchio maestro ha perfezionato la sua conoscenza delle arti marziali e della meditazione sebbene con risultati scarsi. Ma è giunta la rivincita per lui, quando richiamato dal capo dell' MI7 viene messo al corrente di un altro possibile attentato a danno stavolta del premier cinese e la chiave per scoprire i mandanti è data da un altro agente che vuol rivelare soltanto a lui ciò che ha scoperto. Per questo è stato riabilitato anche se fin dalle prime battute viene di che pentirsi ai dirigenti dei servizi per via della sua goffaggine inguaribile. Ma tant'è e il nostro scopre che a tirare le fila del complotto c'è una fantomatica organizzazione chiamata VORTEX e per di più gestita da tre agenti provenienti dalla CIA, dall’ex KGB e dallo stesso MI7. Dovrà pertanto trovare anche la talpa che si annida nella sua agenzia e ovviamente e alla sua maniera riuscirà nell'intento di smascherarla ed eliminarla, dopo aver liquidato i suoi complici e in un turbinio di azione e gags a ripetizione, tra le quali resteranno bene impresse le sue scaramucce con il, anzi la, killer cinese delle pulizie, una vecchietta alquanto pericolosa e ingegnosa nell'ordire piani ed usare armi tra le più disparate e assemblate da ordinari oggetti in uso al personale delle pulizie.
Divertente commedia spionistica dove le qualità di Rowan Atkinson come attore vengono piacevolmente evidenziate da una recitazione che gli rende onore, al punto da mostrarci quasi un vero agente segreto, brillante, brizzolato e financo affascinante. Ovviamente la trama prevede anche una sua goffaggine di fondo che esplica al meglio nelle espressioni e mimiche del famosissimo Mr. Bean, del quale sembra tuttavia non soffrirne minimamente il peso.
Johnny English Reborn
Stati Uniti, Regno Unito, Francia 2011
Regia: Oliver Parker
Musiche Ilan Eshkeri
con
Rowan Atkinson: Sir Johnny English
Gillian Anderson: Pamela Head
Dominic West: Simon Ambrose
Rosamund Pike: Kate Summer
Daniel Kaluuya: Agente Tucker
Richard Schiff: Titus Fisher
Tim McInnerny: Patch Quatermain
Togo Igawa: Ting Wang
Pik Sen Lim: Killer
Joséphine de La Baume: Madeleine
Stephen Campbell Moore: Primo Ministro
Andrew Woodall: Ministro degli Esteri
Mark Ivanir: Karlenko
Burn Gorman: Slater
Rupert Vansittart: Derek

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta