Innocenti bugie

Un fantastico Tom Cruise in versione "Mission .. more than Impossible" con una intrigante Cameron Diaz per questa "action-comedy" di grande spettacolarità e condito da sprazzi di comicità in puro stile commedia hollywoodiana. Film in grado di far combaciare le esigenze della coppia con una abbondante dose di azione spaccatutto per lui e la contropartita di amore e glamour per lei. Le scene mozzafiato e le location particolarmente azzeccate e curate, unite a dialoghi divertenti e gags, fanno passare un'oretta e mezzo senza che te ne accorgi. Lui, Roy Miller, agente CIA, sta scappando inseguito dai suoi colleghi e dall'FBI che lo sospettano traditore e doppiogiochista. In realtà sta proteggendo uno strampalato bamboccione, che ha scoperto una pila che ha le stesse caratteristiche del sole, da un suo collega, Fitzgerald che è il vero traditore e vorrebbe venderla a un losco trafficante d'armi spagnolo. E galeotto fu l'aeroporto di Wichita dove incontra casualmente la bella June Havens, con la passione per i motori e con la valigia piena di pezzi di ricambio. Lei, una donna normalissima, viene in pratica usata a sua insaputa per far passare ai controlli la pila che ha un nome in codice: Zefiro. E sul volo per Boston hanno modo di conoscersi prima che succeda il finimondo in una delle scene più avvincenti e incredibili della storia del cinema. Lei che si fa bella in bagno non si accorge che lui fa fuori tutti i componenti dell'equipaggio e svariati passeggeri. L'intero volo era una trappola predisposta per lui e l'unica passeggera "normale" è unicamente June, che quando esce, si ritrova sola con lui e ha appena il tempo di capire che l'aereo precipita e si ritrova in un campo con lui che le impartisce brevi istruzioni circa il da farsi nell'immediato futuro, quando sarà contattata da "gente cattiva", e prima di narcotizzarla. Da qui in poi è un turbinio di azioni e avventure mirabolanti, con lei che in effetti viene contattata dai servizi e rapita dal trafficante e lui che sempre interviene al momento giusto per trarla in salvo. Dall'incanto dell'isoletta delle Azzorre "buen retiro" di Roy fino all'arrivo di un drone distruttore, passando per i tetti di Salisburgo non prima di aver devastato un trenino delle Alpi, fino alla folle fuga in moto tra i tori della Fiesta de San Firmino a Siviglia in Spagna, lei dividerà con lui intensi momenti di passione e adrenalina. Il finale la vedrà protagonista da finta infermiera del rapimento del suo Roy, riabilitato dalla CIA (che crede in lui perché ha investito molto su di lui) dall'ospedale dove è ricoverato per ferita, e da dove sarà trasferito in luogo sicuro per un periodo di meritato riposo. Ma è sicuramente meglio dileguarsi e partire per il viaggio che entrambi sognavano: in macchina fino a Capo Horn. Dato che è convalescente dovrà solo fare il disc-jockey e il navigatore perché alla guida ci penserà lei, la sua June, espertissima di motori prima e donna cazzutissima dopo questa straordinaria avventura.



Knight and Day
Flag 2010

Regia: James Mangold
con
Tom Cruise: Roy Miller
Cameron Diaz: June Havens
Peter Sarsgaard: Fitzgerald
Jordi Mollà: Antonio
Paul Dano: Simon Feck
Maggie Grace: April Havens
Viola Davis: Isabel George
Marc Blucas: Rodney

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Il grande colpo di Surcouf