Sideways - In viaggio con Jack

Pinot Nero? E perché è bianco?
dice Jack .. (già perchè lo è? dico io .. ma lo so e lascio al lettore la risposta)
Io non bevo nessun cazzo di Merlot, chiaro?
fa Miles stizzito ... queste e altre elucubrazioni in questo film ad effetto "on the road of wine" che vinse pure un oscar nel 2005 come miglior sceneggiatura non originale. Il film però è talmente originale che divenne ben presto un cult tanto da far incrementare notevolmente le vendite di vino nei paesi anglofoni e lievitare a dismisura il flusso dei turisti nei luoghi scelti come location.
Jack è uno strampalato Thomas Haden Church (nomination come attore non protagonista) che deve sposarsi in una zona vinicola scelta per l'occasione e Miles è un suo vecchio amico di college: l' enologo Paul Giamatti. E mentre quest' ultimo vuol festeggiare l'evento con buon cibo e bevendo buon vino, il compare vorrebbe invece dedicare il suo ultimo weekend da scapolo a un sano, e perchè no encomiabile, ..libertinaggio.
Ed infatti entrano in scena Maya
Secondo me, aprire uno Cheval Blanc del 1961, quello è il momento speciale!
- cameriera del ristorante - Virginia Madsen (la bellissima Principessa Irulan  già presente qui nel blog alla voce Dune) e Stephanie - Sandra Oh (a me intriga tanto questa canadese-coreana in camice blu) una sua amica anch'essa enologa. I due naturalmente non svelano la natura del viaggio e le imminenti nozze e iniziano una serie di corteggiamenti più o meno serrati che daranno luogo a scene e gags molto divertenti fino al finale del matrimonio di Jack che ha rimediato solo botte dalla sua possibile conquista Stephanie, messa in guardia circa l'imminente matrimonio dall'amica Maya ..
Il vino è un essere vivente. E amo immaginare l'anno in cui sono cresciute le uve di un vino. Se c'era un bel sole, se pioveva. E amo immaginare le persone che hanno curato e vendemmiato quelle uve. E se è un vino d'annata, penso a quante di loro sono morte. Mi piace che il vino continua a evolversi. Che se apro una bottiglia oggi avrà un gusto diverso da quello che avrebbe se l'aprissi un altro giorno. Perché una bottiglia di vino è un qualcosa che ha vita. Ed è in costante evoluzione e acquista complessità, finché non raggiunge l'apice. Come il tuo Cheval Blanc. E poi comincia il suo lento, inesorabile declino. E che sapore... cazzo, quant'è buono!
che invece terminerà per accasarsi con l'enologo Miles...
Ha la buccia sottile, è sensibile, matura presto. Non è una forza come il Cabernet che riesce a crescere ovunque e fiorisce anche quando è trascurato. No, al Pinot Nero servono cure e attenzioni. Sì, infatti cresce soltanto in certi piccolissimi angoli nascosti del mondo. E solo il più paziente e amorevole dei coltivatori può farcela, è così. Solo chi si prende davvero il tempo di comprendere il potenziale del Pinot sa farlo rendere al massimo della sua espressione. E inoltre, andiamo .. oh, i suoi aromi sono i più ammalianti e brillanti, eccitanti e sottili e antichi del nostro pianeta.



Un film da non perdere per i cultori del vino e anche per chi muove i primi passi nell'affascinante mondo del nettare degli dei. Io l'ho visto in quest'ottica ed ho visto in me rafforzare la passione per il Pinot Nero, ma anche per lo stesso Merlot (che nel film viene denigrato) al pari del Carbenet Frank. Ma ironia vuole che il vino principe del film uno Château Cheval Blanc del 1961, non sia nient'altro che un taglio bordolese Merlot - Cabernet Frank.
Come in tutti i film, o quasi, esiste una morale, ed in questo è molto semplice : è il vino che bevi che crea un'occasione speciale e non il viceversa.
Suggestiva la fotografia ambientata nella Santa Ynez Valley.

Scritto a due mani con Gobbo Trentino da un'idea di Mark'O

Commenti

  1. Premier grand cru classè A; 37 ettari con circa 58% di Cabernet Franc e 48% di Merlot; età media delle vigne circa 45 anni; densità di impianto 8000 ceppi per ettaro e resa di circa 35hl per ettaro. Fermentazione in cisterne d’acciaio inox e cemento (intorno ai 21/28 giorni), invecchiamento di circa 18 mesi in barrique 100% nuove. Le bottiglie prodotte sono circa 100.000 per il vino principale e 40.000 per Petit Cheval che è il secondo vino.
    Un bacione a tutti

    RispondiElimina
  2. se potessi non mi fermerei dai
    Latour, Mouton, Margaux del
    Barone Rothschild ..
    ma anche il color mattone e il
    sentore di peperone e legni esotici
    del Lafite ...
    siamo indietro ancora ma stiamo
    uscendo bene, certo che cantine con
    600 anni di età è difficile
    trovarne da noi .. però pian piano
    insidiamo ai cugini almeno il
    primato delle vendite
    certo che se gente come il carcagno
    invece del "goto de vin" si fa
    la peroni .. è dura
    ;-))
    mercì S.Emiliòn

    RispondiElimina
  3. Saint Emilion ... grazie ... immagino coltivazione a guyot ... quanto d'altezza?
    e l'affinamento in bottiglia per quanto tempo?

    e le Petit Cheval quanto fa al garrese? ;-))

    un bacione ... spero speso bene ... ;-))

    scusaci ma di fondo rimaniamo minkioni ...

    RispondiElimina
  4. Zio ma loro, la loro storia la sanno difendere ... gli americani li hanno cacciati via a calci in culo ... mentre da noi si sono comprati le migliori tenute ... e da noi, salvo rari casi, è più importante che la cantina sia firmata da qualche architetto che il lavoro di selezione in campagna e in cantina ... e mentre scrivo, penso che gli amici Denis & Enzo, siano due folli, ma credo che il tempo gli darà ragione ... immagino lo sconcerto di Denis all'affermazione sul Merlot ... ;-)

    RispondiElimina
  5. Cheval Blanc 1998 S.E.22 luglio 2010 10:51

    Vino molto particolare che utilizza una forte percentuale di Cabernet Franc e, che pur essendo al confine con l’AOC Pomerol, non ha similitudine né con gli altri vini di St Emilion né con quelli di Pomerol. Il colore è un rosso rubino molto profondo, l’unghia si mostra leggermente aranciata, la viscosità è fitta.
    Al primo naso appare molto fine, elegante, leggermente alcolico, frutto molto maturo e un passaggio in legno che ormai è completamente integrato nel corpo del vino. Il secondo naso ci svela aromi di cuoio, animali, un leggero sentore di humus, ancora aromi balsamici che ricordano l’eucalipto e il mentolo e poi, per finire, i sentori di cacao e frutta a bacca nera. Ancora uno speziato che rammenta il tenore alcolico.
    In bocca l’attacco è sul tenore alcolico, la freschezza è presente ma non è eccessiva; i tannini sono molto fini e presenti. La struttura è molto buona, il finale medio. Un vino veramente di alto livello: struttura, equilibrio, eleganza, perfetto nello stile Cheval Blanc. Migliorerà ancora. Per me può essere considerato come uno dei Cheval Blanc meglio riusciti. Solamente il tempo lo potrà confermare...

    RispondiElimina
  6. Tavernello DOC22 luglio 2010 10:55

    ma di me nessuno fa un film?

    RispondiElimina
  7. clap clap gt *standing ovation*

    RispondiElimina
  8. @mark
    ringrazia lo zio ... che vista la tua recensione si è messo le mani nei capelli ... io gli ho solo dato forza morale e due tre spunti ... oltre al pistolotto finale ... ma il lavoro sporco lo ha fatto lui ... la prossima volta aggiungi anche un tuo commento ... minkione pusterese ;-))

    RispondiElimina
  9. già!!
    il guest post deve essere frutto
    dell'ospite e poi noi pensiamo solo
    a formattare e infiocchettare
    cmq bravo lo stesso per lo spunto
    mark O'gnukko
    ;-))

    RispondiElimina
  10. sono piu bravo nel guardare (i film) che nel scrivere ..hehehe
    perquesto mi va benissimo cosi!
    trovo interessante leggere i pareri dei altri, recensioni, interpretazioni e kaki vari...
    comunque se vi va bene ogni tanto vi mandero' una mail con perla dentro, forse anche qualcosa di meno conosciuto del cinema europeo..skandinavia e quelle parti li. a-ugh

    RispondiElimina
  11. A me piace la birra ma ne bevo poca perchè gonfia. Ogni tanto mi butto sul rosso ma solo nei periodi freddi, in quelli caldi pasteggio ad acqua. Accontentiamoci.

    RispondiElimina
  12. un black-out mi ha tagliato fuori per un paio di orette .. giusto il tempo di postarvi questa curiosa scena
    vista ieri sera guardando il film
    ULISSE di Mario Camerini con protagonista Kirk Douglas.
    Orbene quando i greci sono rinchiusi nell'antro di Polifemo a Ulisse viene l'idea di ubriacare il gigante col vino e si mette coi compagni a pigiare dell'uva e riempire delle tinozze subito tracannate avidamente dal figlio di Nettuno il quale con voce stentorea
    grida:
    "dimmi che cos'è questo liquido
    così buono e che mi brucia dentro?"
    e l'eroe:
    "è vino, il nettare della terra"
    ... a quei tempi il vino si faceva in un attimo .. e i treni arrivavano in orario ..
    ;-))

    RispondiElimina
  13. mica avevamo i sindacati allora ...

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Etichette

Amedeo Nazzari6 Amore3 Animazione14 Anna Magnani7 Anthony Quinn8 Anthony Steffen14 Audrey Hepburn1 Ava Gardner2 Avventura141 Azione207 Bette Davis1 Billy Wilder3 Biografico13 Bob Hope3 Brancaleone2 Bud Spencer15 Burt Lancaster10 Cappa e spada49 Caratteristi4 Cary Grant7 Cecil B.DeMille2 Charlie Chaplin16 Charlot13 Charlton Heston11 Christopher Nolan3 Clark Gable8 Claudette Colbert2 Claudia Cardinale5 Clint Eastwood19 Comico72 Commedia285 Costume7 Danny Kaye2 David Niven7 Dean Martin12 Disney3 Documentario5 Dramma35 Drammatico119 Dustin Hoffman3 Eduardo De Filippo4 Edward Dmytryk6 Edward G. Robinson10 Elvis Presley1 Epico3 Erotico4 Errol Flynn4 Fantascienza125 Fantastico52 Federico Fellini3 Festival88 Fracchia1 Franca Valeri7 Franchi & Ingrassia4 Franco Nero12 Frank Capra2 Fratelli Marx2 Fred MacMurray3 Fritz Lang7 G.M.Volontè2 Gary Cooper8 George Hilton8 Gesù di Nazareth1 Giallo15 Gianni & Pinotto1 Gianni Garko14 Gigi Proietti1 Gina Lollobrigida4 Ginger Rogers1 Gino Cervi9 Giuliano Gemma25 Giulietta Masina4 Glenn Ford8 Grace Kelly3 Greenway1 Gregory Peck9 Grottesco7 Groucho Marx3 Guerra49 Guest post6 Hedy Lamarr1 Henry Fonda10 Henry Hathaway6 Henry King4 Horror18 Howard Hawks8 Humphrey Bogart7 Ingmar Bergman1 Ingrid Bergman2 Italian Spy35 Jack Nicholson1 Jacques Tourneur5 James Cagney4 James Coburn7 James Stewart16 Jane Russell5 Jeff Cameron14 Jerry Lewis15 Joan Crawford3 John Ford14 John Wayne30 Kim Novak1 Kino3 Kirk Douglas21 klaus Kinski9 Kubrick2 Laurel e Hardy22 Lauren Bacall4 Laurence Olivier2 Lee Van Cleef18 Lex Barker5 Lino Banfi1 Lirica1 Luchino Visconti1 Lucio Fulci9 Luis Buñuel1 Macario7 Marcello Mastroianni4 Margaret Lee12 Marilyn Monroe1 Mario Bava10 Mario Monicelli11 Mario Soldati5 Marisa Mell2 Maureen O'Hara7 Mel Brooks3 Mel Gibson2 Memoria1 Michael Curtiz6 Mitologia13 Musical1 Musicale10 Neorealismo2 Neri Parenti1 Nicolas Cage4 Nino Manfredi12 Noir31 Opera1 Orson Welles3 Paolo Villaggio2 Pasqua1 Paul Newman4 Paulette Goddard4 Peplum44 Peppino De Filippo32 Peter Lorre9 Peter Sellers12 Pietro Germi1 Pirati24 Poliziesco48 Primo Carnera3 Pulp1 Quentin Tarantino8 Raimondo Vianello13 Randolph Scott13 Raoul Walsh10 Rassegne3 Renato Rascel3 René Clair1 Robert Aldrich4 Robert De Niro4 Robert Mitchum20 Robert Siodmak2 Robert Taylor10 Robert Wise1 Romantico6 Sam Peckinpah5 Satirico4 Sean Connery9 Sentimentale14 Sergio Leone3 Sherlock Holmes20 Shirley MacLaine1 Sophia Loren7 Spaghetti Action23 Spaghetti Thriller9 Spaghetti Western191 Spencer Tracy5 Spionaggio44 Splatter3 Sport6 Stampa81 Star Wars4 Stefania Sandrelli1 Steve Reeves9 Stewart Granger9 Storico17 Super Eroi32 Tafazzi1 Terence Hill11 Thriller157 Tina Pica9 Titina De Filippo5 Tomas Milian12 Tony Curtis10 Totò Antonio De Curtis43 Tyrone Power4 Ugo Tognazzi9 Ursula Andress5 Victor Mature5 Victor McLaglen7 Virna Lisi4 Vittorio De Sica20 Vittorio Gassman11 Walter Chiari19 Wes Anderson3 Western213 Woody Allen14 Yul Brinner3 Zeffirelli1 Zorro5
Mostra di più

I Magnifici Sette del mese

400 giorni - Simulazione spazio

Solo per vendetta

Star Wars: Gli ultimi Jedi

The Accountant

Anthar l'invincibile

Le meravigliose avventure di Guerrin Meschino

Fuga da Reuma Park