Solomon Kane

Non amo questo genere di film che al limite si può vedere d'estate quando è caldo veramente perchè i brividi che incute alla fine possono risultare utili per rinfrescarsi. Solomon Kane è un secondo genito che pur di non sottostare alla legge paterna che prevede il suo crudele fratello maggiore come successore, lascia, maledetto dal padre e in tenera età, il castello avito e anzi per soccorrere una donzella insidiata dal fratello, ingaggia con lui una lotta che porta il malvagio a precipitare da uno scosceso dirupo. Scosso per la decisione di esiliarsi e per la probabile uccisione del fratello si allontana e lo rivediamo, dopo qualche anno, al comando di una masnada di pirati entrare in una città ottomana e depredarla uccidendo e trucidando chiunque gli si frapponga. Qui incontra il mietitore del diavolo che reclama la sua anima e nel breve duello che segue preferisce tuffarsi in mare per scampare al tristo figuro che gli impreca contro che ormai la sua anima è dannata. Sorte peggiore tocca ai suoi compagni. Lo ritroviamo in Inghilterra in un monastero dove cerca di redimersi immergendosi nella religione allo scopo di salvarsi l'anima. E' un uomo nuovo, che ha bandito la violenza ma che deve lasciare quel posto e nel cammino solitario viene aggredito da dei ladroni e con il voto che ha fatto ne subisce le percosse senza reagire. Viene rinvenuto e accudito da una famiglia di puritani che intendono partire per il nuovo Mondo e ha modo di apprezzarne bontà e carità cristiana. Ma il Maligno ha ormai preso possesso della zona che è soggiogata dal truce Cavaliere Mascherato che agisce per conto del servo del diavolo: Malachia, che devasta interi villaggi uccidendo le persone inermi quando si ribellano alla schiavitù che li attende. E quando il carro che lo ospita viene attaccato e la figliola rapita, il padre morente fa giurare a Kane di liberarla e che quella azione lo riscatterà per sempre al cospetto di Dio. Inizia così la sua ricerca che lo porta in mezzo a pericoli e abominevoli personaggi che Malachia ha ormai disseminato sul suo cammino. Con alcuni ribelli organizza lo scontro finale con il male che, con grande sorpresa, si annida proprio nel suo castello natale. Malachia era stato chiamato da suo padre per guarire il fratello che credeva morto mentre era sopravvissuto restando orrendamente sfigurato. Aveva promesso tutto in cambio della sua vita e ora languiva in catene nelle segrete del castello e il suo primogenito era diventato servo di Malachia: il Cavaliere Mascherato era lui. Solomon che conosce i passaggi segreti del castello riesce a penetrarvi e non può far altro che uccidere prima suo padre, da lui implorato, incatenato alla parete ma ancor peggio da un potente maleficio che solo la morte può spezzare. Nello scontro col fratello prevale e riesce anche ad uccidere Malachia che morendo libera tutto il territorio dall'incantesimo che lo soggiogava. La giovane è stata liberata e lui è redento e pronto a combattere per il mondo tutte le forme nelle quali si manifesta il Maligno. Una nuova vita lo aspetta e con tutta probabilità lo vedremo ancora in azione .. anche se io preferisco fermarmi qui.



Solomon Kane
Francia, Gran Bretagna, Repubblica Ceca 2009

Regia: Michael J. Bassett
con
James Purefoy: Solomon Kane
Max von Sydow: Josiah Kane
Jason Flemyng: Malachia
Rachel Hurd-Wood: Meredith Crowthorn
Pete Postlethwaite: William Crowthorn
Alice Krige: Katherine Crowthorn
Mackenzie Crook: Padre Michael
Samuel Roukin: Marcus Kane

Commenti

  1. visto, una bimbominkiata che nel mentre leggevo altro...;-)

    RispondiElimina
  2. ma ucarca carissimo
    è una specie di dago questo qua!!
    non capisco più i gusti dei miei amici
    :(

    RispondiElimina
  3. tristo mietitore27 luglio 2011 16:22

    il cavaliere mascherato ha una maschera che lo fa assomigliare stranamente a jean reno
    vi siete accorti??

    RispondiElimina
  4. Ancora non sono riuscito a vederlo, non è che mi abbiate messo molta voglia...però sono curioso di capire come sia cambiato e/o come sia peggiorato il creatore di "Conan il barbaro", visto che sulla locandina ci tengono a specificare...
    ...staremo a vedere...

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Maciste contro i tagliatori di teste

O' Cangaceiro

Gianni & Pinotto - Africa strilla