Avatar

Ho aspettato l'uscita su Sky per vedere questo bellissimo film di fantascienza reso magistralmente dal regista James Cameron che si è avvalso dei più sofisticati sistemi di ripresa mai utilizzati prima. In genere diffido dei prodotti reclamizzati in maniera ossessiva e anche degli effetti "troppo" speciali quando sono fini solo a se stessi. In questo caso devo senz'altro dire che il film nel complesso meritava la ridondanza di richiami e lo straordinario uso dei moderni mezzi di ripresa pongono lo spettatore in mezzo alla vicenda e lo fanno palpitare più che mai tra foreste rigogliosissime e a picco su scenari mozzafiato. Siamo nell'anno 2154 e come al solito non sappiamo fare a meno di devastare l'ambiente. Addirittura ci trasferiamo su di un satellite, lontano 4 anni luce circa dalla Terra, del pianeta gassoso Polifemo nella costellazione di Alpha Centauri. Questa luna meravigliosa e ricca di fauna e vegetazione in abbondanza vive in stretta connessione tra i suoi abitanti per mezzo di uno strano legame bio-chimico che sotto forma di appendice, coda e similari, si connette a tutto ciò che popola questo fantastico ambiente: Pandora. Gli umanoidi, i Na'vi, si connettono agli animali e alle radici delle piante se non ai rami stessi. Vivono in un grande albero, gigantesco, alto più di 300 metri e dormono in amache appese e fatte con liane. Chiedono perdono agli animali uccisi grazie ai quali loro posso sopravvivere e sono alti circa 3 metri con pelle bluastra e striata. Purtroppo su questo strano mondo c'è un prezioso minerale, l' unottanio che ha particolari proprietà di superconduttore a temperatura ambiente oltre ad esser dotato di un potente campo magnetico. E così i nostri cari terrestri non pongono indugi eccessivi allo sfruttamento di tale prezioso elemento anche se si trova in abbondanza proprio nella zona popolata dai Na'vi. Tentano la via diplomatica con la dottoressa Grace Augustine, una sempre bella ed affascinante Sigourney Weaver, che con la sua equipe cerca di studiare l'ambiente e le sinapsi che a suo dire regolano i collegamenti tra tutte le creature di Pandora, creando degli ibridi genetici tra umani e indigeni che interagiscono mentalmente; l'umano in una sorta di coma dentro ad una capsula vede e agisce come il suo corrispondente Na'vi nella foresta, il suo Avatar di cui al titolo del film. I suoi tentativi di conciliazione tra le posizioni dei nativi e del dirigente della compagnia mineraria falliscono e l'uomo forte della situazione, il colonnello Quaritch prende la via della guerra distruggendo coi suoi potenti ed enormi elicotteri l'albero gigante e infliggendo gravi perdite ai nativi. Ma questa miracolosa connessione che c'è in Pandora fa sorgere tutte le creature a difesa richiamando anche i più possenti animali che nella battaglia finale costringeranno gli umani superstiti a ritornare sulla Terra e … anche loro con la coda tra le gambe. Un bel film dal forte richiamo ambientalista e con i sentimenti di attaccamento tra esseri viventi uniti per una causa e un bene comune a farla da padrone. Da vedere senz'altro, non foss'altro per avere la sensazione straordinaria di cavalcare una creatura possente e alata come il mitico Toruk  incontrastato re dei cieli di Pandora.

unico trailer in italiano con possibilità di incorporamento ringrazio quindi colui che l'ha postato su youtube consentendone la condivisione sui siti

Avatar  Flag 2009
Regia: James Cameron
con
Sam Worthington: Jake Sully
Zoë Saldaña: Neytiri
Sigourney Weaver: Dr. Grace Augustine
Giovanni Ribisi: Parker Selfridge
Stephen Lang: Col. Miles Quaritch
Michelle Rodríguez: Trudy Chacón
Joel Moore: Norm Spellman

Commenti

  1. recensione alla TV (non in 3D)3 febbraio 2011 09:00

    a me non è piaciuto,
    la trama sembra una copia ambientalista di "Balla con i Lupi" o altri film del genere,
    la storia è lenta e stantia, quasi prevedibile.

    Poi se parliamo di effetti speciali e altro magari siamo effettivamente all'avanguardia, ma i migliori film del mondo non avevano effetti speciali.

    Infatti non ha vinto l'Oscar!

    RispondiElimina
  2. NON SONO DACCORDO CON CHI MI PRECEDE

    LO VEDO ALLINEATO CITANDO TRUDY ALLA LINEA DI COLORO CHE DEFINIVANO I PICCOLI EROI DI PANDORA "STRONZI ECOMANIACI"

    il film scorre veloce nelle sue due ore e passa

    l'ho visto e rivisto + volte ahime non ancora in 3D

    i messaggi che ci lancia sono inequivocabili, ma come nel film, come sempre, restano inascoltati e continuaiamo a distruggere la nostra madre (terra), prologo di una catastrofe inevitabile (a quanto pare)
    nel film c'è il lieto fine (per l'innata speranza degli uomini di buona volontà) nella realtà sono pessimista...

    avrei voluto essere più esaustivo ma il tempo e le capacità personali sono tiranni

    ringrazio ZioDO per aver postato questo manifesto di speranza...

    RispondiElimina
  3. non l'ho visto ... ma pazienza ...

    RispondiElimina
  4. già è tanto che non l'hai bocciato
    ;-))

    RispondiElimina
  5. non boccio ciò che non ho visto ... a costo di scottarmi come con delneri ... ;-)

    RispondiElimina
  6. Sono andato a vederlo perchè costretto.
    Ero scettico, avevo la sciatica e le tasche asfittiche.

    Stupendo!! mi sono comprato anche il DVD per vedere anche quei 30 minuti circa che non appaiono nel film.

    Giudizio: tre palle

    RispondiElimina
  7. Solito filmaccio hollywoodiano...ce di meglio ma molto di meglio. E poi la trama, stereotipata come meglio non si può.

    RispondiElimina
  8. Il film è splendido soprattutto da un punto di vista visivo.
    Il messaggio è semplice ma profondissimo allo stesso tempo: essendo la terra un sistema chiuso ogni "mossa sbagliata di un suo abitante" si ripercuote su tutto il creato.
    Oltre ad essere venato di una buona dose di anti-americanismo che al sottoscritto piace sempre: provate a sostituire all'Unuptanium il petrolio ed ai Na'vi i popoli del golfo ed avrete magicamente.......

    RispondiElimina
  9. @nice
    è chiaro che non offre niente di nuovo come trama .. ma visivamente parlando, e la settima arte è soprattutto visiva, è un portento
    l'immaginazione vola di fronte alle immagini stesse e ti fa andare ancora più avanti di ciò che vedi .. ovvero ti dici continuamente cosa mai altro salterà fuori .. una montagna fluttuante .. una cascata nel nulla .. lune e pianeti nel cielo .. insomma un orgia visiva
    per questo m'è piaciuto e poi il messaggio è sempre attuale
    volemose bene e rispettiamo la natura che non guasta mai

    RispondiElimina
  10. ecco un bel commento, secco, preciso e stringato che denota quanto sia intelligente e preparato dietro la tastiera il moderno bimbominkia che
    nel web raggiunge il massimo delle sue potenzialità e dietro all'anonimato si sublima ..
    bei tempi quando si andava a suonare
    i campanelli, almeno stavi all'aria
    aperta

    RispondiElimina
  11. zio sei formidabile ... :D

    usavi il "cingum?" ;-)

    RispondiElimina
  12. sono +- d'accordo col primo commento...

    trama semplice......7/10
    effetti speciali... 9/10
    ________________________
    ..................= 8/10 buon film, ma non lo metto nella mia top 100.

    comunque ho letto che il 3D attuale e' una cagata, troppi errori nella tecnologia ancora (troppo buio nel cinema con sti occhiali, mal di testa > focus del occhio non come nella realta', ect.)..probabilmente si ritornera' al film normale per qulche anno...

    ps. chi se ne frega!!!! a me non interssa molto il 3D ;D

    RispondiElimina
  13. @Zio

    Ma il cenema non vive di effetti speciali quelli vanno solo bene per la 'massa'.

    L'altra sera mi sono rivisto 'Miracolo a Milano' ...per palati fini.

    Un consiglio:

    state lontani anche da 'Somewhere'
    il festival di Venezia mai così in basso premiando questo film. Ma c'è di mezzo Coppola. Ecco spiegato il risultato finale.

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Jack Reacher - Punto di non ritorno