Johnny Guitar

Uno strano western, tanto bistrattato all'inizio in America quanto osannato in Europa, che si avvale di un nutrito cast di attori e caratteristi di primo piano. Un fine lavoro psicologico sui personaggi tanto da esulare a tratti dal genere che vedeva molta azione e poco parlato, per non parlare delle due donne protagoniste e fino ad allora tenute quasi sempre in disparte e in ruoli marginali nel cinema di frontiera. Ma il risultato è senz'altro un'opera da ricordare e su tutto il brano che dà il titolo al film; una canzone d'amore triste e famosa in tutto il mondo. Vienna (una magnetica Joan Crawford), dopo anni di vicissitudini che l'hanno temprata e resa dura, ha messo in piedi un bel saloon in una zona selvaggia dell'Arizona e oggi soggetta alle profonde mutazioni del territorio che la incombente ferrovia sgretola a colpi di dinamite. Lei è convinta che il progresso farà sorgere una nuova e grande città nei pressi del suo locale ma non ha fatto i conti con la perfida Emma Small (Mercedes McCambridge), una donna risoluta a mantenere il territorio a libero pascolo per il bestiame. Una NO-TAV ante-literam e per di più innamorata segretamente dello scagnozzo di Vienna, tale Ballerino Kid (Dancin'Kid - Scott Brady) che a sua volta nutre più di una simpatia per la padrona. Ma ecco che arriva Johnny Guitar (Sterling Hayden) chiamato da Vienna e che sulle prime sembra solo uno strampalato suonatore di chitarra - da cui il suo nome - ma in realtà è Johnny Logan, formidabile pistolero ed amante un tempo di Vienna. Il suo ingresso in scena coincide con l'irruzione che fa Emma nel locale seguita da una torma di uomini armati e con il corpo del fratello ucciso in un agguato alla diligenza. Lei, pur sospettando il Kid, accusa apertamente Vienna sua rivale, lei crede, in amore. Lo sceriffo intima a tutti, in mancanza di prove certe, di lasciare il paese entro 24 ore. Il kid è abbastanza contrariato dal fatto e anche perché comprende che il nuovo arrivato è amato da Vienna. Così organizza una rapina nella locale banca - se dobbiamo andarcene per qualcosa che non abbiamo commesso .. allora tanto vale commetterlo - e il caso vuole che all'interno sia presente la stessa Vienna per ritirare i suoi denari e saldare i dipendenti. La responsabilità della rapina viene addossata a lei dalla solita Emma che non ha mai smesso di aizzare gli animi contro di lei e obbliga il cassiere ad ammettere che oltre al Kid e alla sua banda c'era Vienna e pertanto è complice e colpevole. Le incendia il locale e le mette il cappio al collo ma Johnny interviene e la libera fuggendo a cavallo con lei. I due si rifugiano in una casetta nascosta tra le montagne dove anche il Kid e i suoi si sono rintanati in attesa di prendere il largo. Johnny si svela per quel che è e Ballerino Kid resta impressionato dalla sua agilità di pistola e torna a più miti consigli. Vuol tendere la mano a Johnny in segno di amicizia ma l'altro è perentorio:"non stringo mai la destra a chi spara con la sinistra". Non avremo mai la possibilità di vedere chi fosse dei due il più veloce; se Johnny di dritto o il Kid di rovescio, perché irrompe lo sceriffo coi suoi uomini e la scatenata Emma. La banda viene sopraffatta, lei piena di odio uccide il Kid Ballerino e ferisce ad una spalla la "rivale" Vienna che per legittima difesa spara a sua volta freddandola. Finalmente innocenti agli occhi dei presenti i due si baciano e si avviano verso un futuro migliore mentre in sovraimpressione appare la mitica aquila americana, simbolo della Republic Production e di tanti film di buona qualità, tutti da vedere e rivedere.




Johnny Guitar Flag 1954
Regia: Nicholas Ray
con
Joan Crawford: Vienna
Sterling Hayden: Johnny "Guitar" Logan
Mercedes McCambridge: Emma Small
Ernest Borgnine: Bart Lonergan
Scott Brady: Dancin' Kid
Ward Bond: John McIvers
John Carradine: il vecchio Tom
Ben Cooper: Turkey Ralston
Rhys William: Mr. Andrews
Frank Ferguson: Williams

Commenti

  1. John Mc Ivers1 giugno 2011 17:38

    Come mai non giri armato?

    RispondiElimina
  2. Johnny Guitar1 giugno 2011 17:39

    Perché il mondo sembra zeppo di gente che tira meglio di me

    RispondiElimina
  3. stupenda canzone
    triste e solitaria
    gran bel film e colori fumetto da sballo .. irreali ma godibili proprio per questo effetto marcato come si vedeva in tanti fumetti all'epoca

    RispondiElimina
  4. Eretico del West3 giugno 2011 13:55

    E' forse più famosa la canzone che il film ...

    RispondiElimina
  5. informo l'utenza bislacca che google
    ha introdotto i +1 sul tipo di fessbuc ed è probabile visto che siamo all'inizio che tanti +1 facciano salire il post/blog di importanza nei motori a 2 tempi
    perciò non lesinate di cliccare sul mi piace classico di Fbubù e sul nuovo di guggol sarà un segno di
    riconoscenza verso chi con tanto amore posta per voi
    ma solo se vi è piaciuto e non altrimenti .. non amiamo la piaggeria ma solo le spiagge

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore