Chato


P ardon Chato, un meticcio indiano, uccide per legittima difesa lo sceriffo che l'aveva violentemente provocato nel saloon di un paese del Nuovo Messico. Immediatamente si organizza una caccia per impiccarlo e a guidarla è l'ex capitano sudista Quincey Whitmore, che  indossa immediatamente la giubba grigia da ufficiale, custodita gelosamente sotto naftalina per le occasioni importanti. E cacciare un indiano per impiccarlo lo è di sicuro! Raduna una decina di uomini tra i ranch della zona, tutti della stessa pasta e, a vario titolo, pieni di odio per quegli animali che razziano il loro bestiame. Tra di loro si segnalano per crudeltà i fratelli Hooker, con Jubal il maggiore dei tre, ex combattente sudista a fianco del defunto sceriffo, che a stento frena l'esuberanza degli altri due, specie del focoso Elias in perenne calore e desideroso di donne. Serve uno scout per seguire le tracce del fuggiasco, ma un vecchio indiano a servizio di un allevatore si rifiuta di seguirli perchè "Apache non è mio nemico". Così prende il suo posto un giovane messicano con sangue Yaqui nelle vene e che ben presto scopre le tracce e identifica il ricercato in Chato. In realtà è questi che si fa inseguire controllando ogni loro mossa e portandoli in giro allo scopo di sfiancarli e far loro esaurire le scorte d'acqua. Con incursioni notturne riesce a far scappare i cavalli e tagliare gli ultimi otri d'acqua, dopo di che ritenendo la caccia conclusa, ritorna a casa tra i monti, dove vivono sua moglie e il figlioletto. Ma non ha fatto i conti con la tenacia degli uomini che lo seguono, i quali scovano il nascondiglio e catturano e violentano sua moglie, legandola come esca in attesa del suo arrivo. Avvertito dal figlioletto mentre era intento a catturare cavalli selvaggi, con una veloce sortita notturna riesce a liberare sua moglie e a condurla in salvo col figlio. Da quel momento in poi, da preda diventa cacciatore e se prima voleva solo evitarli e stancarli, ora vuole ucciderli ad uno ad uno e la sua vendetta sarà terribile. In luoghi dove la natura è ostile ed arida, un apache può sopravvivere riuscendo perfino a servirsi di un serpente a sonagli come cibo o arma all'occorrenza. Questo lo sa Quincey e altri che come lui vorrebbero tornarsene a casa consapevoli che quella violenza ai danni della sua donna, hanno trasformato Chato in un mortale avversario, reso forte ora dall'odio e dall'asperità del terreno. Ma Jubal Hooker è irremovibile e vuole vendicare a tutti i costi suo fratello Elias, tra i primi ad aver subito un'orrenda fine. Questo comporta aspri contrasti nel gruppo che arriva a spararsi contro a tutto vantaggio di Chato che avrà il sopravvento su di loro, con l'ultimo rimasto a piedi, in preda al panico e terrorizzato dalla presenza dell'indiano sul suo cavallo che gli impedisce ogni tentativo di fuga disperata verso una fine che la brusca interruzione del film lascia solo intuire.
Girato ad Almeria in Spagna come tanti western nazionali, questo di Michael Winner strizza loro in effetti più di un occhio, ridondante di violenza come è, e al tempo stesso utilizzando due attori spesso coinvolti in ns produzioni. Ad un Charles Bronson, tagliato perfettamente per il ruolo e che a dispetto dei suoi 52 anni, può mettere ancora in mostra un fisico invidiabile, fa eco il quasi coetaneo Jack Palance che conferisce al film il consueto supporto in cattiveria, anche se stavolta è superato nel ruolo da Simon Oakland, il più grande dei fratelli Hooker, colui che imporrà con la forza a tutti il suo feroce sentimento di vendetta, portandoli inesorabilmente verso una terribile fine.

Chato's Land
USA 1972
Regia: Michael Winner
Musiche Jerry Fielding
con
Charles Bronson: Pardon Chato
Jack Palance: capitano Quincey Whitmore
Simon Oakland: Jubal Hooker
Ralph Waite: Elias Hooker
Richard Jordan: Earl Hooker
James Whitmore: Joshua Everette
Richard Basehart: Nye Buell
Victor French: Martin Hall
Sonia Rangan: moglie di Chato
William Watson: Harvey Lansing
Roddy McMillan: Gavin Malechie
Paul Young: Brady Logan
Raul Castro: scout messicano
Lee Patterson: George Dunn
Peter Dyneley: Ezra Meade
Verna Harvey: Shelby Hooker

Commenti

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Gianni & Pinotto - Africa strilla

La Pica sul Pacifico

O' Cangaceiro