L'avamposto degli uomini perduti


L'avamposto degli uomini perduti
F ort Invincibile è un avamposto a presidio di un canyon da dove partono le razzie degli Apaches, e costruito con lo scopo di controllare quella porta naturale tra le montagne che formano un confine con il territorio popolato dagli indiani sempre desiderosi di razzie. Assaltato più volte, è stato riconquistato dal Capitano Richard Lance che nell'occasione ha catturato il pericoloso capo Tucsos. La sua guida Joe Harmony vorrebbe ucciderlo sul posto ma l'ufficiale vuole portarlo indietro al comando, ma prima bisogna seppellire i morti e ripulire l'area dell'avamposto ancorché resterà sguarnita. Purtroppo nel successivo trasferimento ad altro forte del prigioniero scortato dal Tenente William Holloway, gli Apaches attaccano il convoglio liberando il loro capo e uccidendo tutti compreso il povero tenentino torturato per giorni prima di essere rimandato al forte come monito. Della sua morte viene moralmente incolpato il Capitano che col passare dei giorni è inviso a gran parte della truppa. Ora con Tucsos di nuovo libero si rende necessaria una ripresa dell'avamposto per fronteggiare le sicure nuove incursioni e con pochi uomini scelti tra i più indisciplinati e a lui ostili, lo stesso Lance a sprezzo del pericolo si mette in testa al reparto. Lo scopo è resistere in postazione fino all'arrivo dei rinforzi che al momento stanno giungendo da altro forte. L'avamposto abbandonato viene ripreso e con i pochi uomini vengono stabiliti turni di guardia, dopo aver ispezionato attentamente le mura e, riscontrato che il pozzo è a secco, bisognerà razionare l'acqua delle borracce. Il clima è dei più ostili verso il capitano ma il suo coraggio fin dai primi e ripetuti attacchi indiani, fa breccia nelle dure scorze della truppa facendole comprendere che è la loro unica speranza di cavarsela da quell'incubo. Pian piano vengono decimati in continui assalti e quando sembra ormai tutto perduto, il capitano con una sortita fa saltare parte della gola di ingresso al canyon guadagnando quel prezioso tempo che permette ai rinforzi di giungere durante l'ultimo e decisivo attacco, costringendo con una nuovissima mitragliatrice Gatlin in dotazione, gli indiani ad arrendersi dopo averne falciati a decine. Può rientrare alla base ringraziato dall'altro superstite, il caporale Timothy Gilchrist e soprattutto riabbracciato dalla sua fidanzata Cathy Eversham, anche lei tra coloro che lo ritenevano responsabile e sul punto di rompere il loro rapporto.
Western classico con indiani veri, esterni polverosi e suggestivi come quelli di Gallup nel New Mexico sanno essere. Ottimo il cast e film che tutti gli appassionati del genere pongono abbastanza in alto nella classifica di ogni tempo.


Only the Valiant
Stati Uniti 1951
Regia: Gordon Douglas
Musiche  Franz Waxman
con
Gregory Peck: Capitano Richard Lance
Barbara Payton: Cathy Eversham
Ward Bond: caporale Timothy Gilchrist
Gig Young: Tenente William Holloway
Lon Chaney Jr.: soldato Kebussyan
Neville Brand: sergente Ben Murdock
Michael Ansara: Tucsos
Jeff Corey: Joe Harmony
Warner Anderson: soldato Rutledge
Steve Brodie: soldato Onstot
Dan Riss: Tenente Jerry Winters
Terry Kilburn: soldato Saxton
Herbert Heyes: Colonnello Drumm
Nana Bryant: Mrs. Drumm
Art Baker: Capitano Jennings
Hugh Sanders: Capitano Eversham
Clark Howat: Tenente Underwood
Claire James: Jenny

Commenti

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

O' Cangaceiro

Gianni & Pinotto - Africa strilla

La Pica sul Pacifico