Gardenia blu


Gardenia Blu 1953
C entralinista in una compagnia telefonica di Los Angeles, Norah è stata lasciata per lettera dal suo ragazzo combattente in Corea. Lei condivide il suo appartamentino con due amiche, uscite a divertirsi, quando riceve la telefonata di Harry Prebble che sta cercando Crystal con la quale aveva attaccato bottone. Assente la quale, Norah  viene invitata al suo posto per una cena al Blue Gardenia, rinomato locale in stile polinesiano. La ragazza è talmente triste e turbata, che vede nell'appuntamento inaspettato un modo per risollevarsi o non pensare alla tremenda lettera appena letta. Harry è un pittore, disegnatore pubblicitario e si dimostra molto galante con lei, mettendola a suo agio ma facendole progressivamente alzare il gomito. Una volta a casa sua tenta di sedurla e la ragazza a stento riesce a divincolarsi colpendolo con un attizzatoio. Impaurita e in preda all'alcool fugge nella notte piovosa lasciando le sue scarpe nell'appartamento e facendo ritorno a casa alla chetichella, non destando alcun sospetto nelle sue amiche, che l'indomani la vedono piuttosto malconcia e con un gran mal di testa, segno evidente per loro che ha fatto bisboccia la notte prima. Ma Norah andando al lavoro vede i titoloni dei giornali che annunciano la morte del pittore Harry nella sua casa dove la polizia ha rinvenuto un paio di scarpe da donna misura 35 e mezzo. La donna è in preda alla più totale disperazione e il caso, grazie al giornalista Casey Mayo, sta appassionando i lettori al punto che la cosa corre di bocca in bocca e la curiosità di scoprire la fantomatica Gardenia Blu cresce di giorno in giorno. La polizia ha un identikit della donna grazie a parte degli indumenti e alla descrizione dei camerieri del locale dove Harry è stato visto in sua compagnia. Ma solo il giornalista Casey Mayo, riesce a venire a capo della faccenda, quando astutamente scrive alla donna una lettera aperta pubblicandola nel suo giornale dove le chiede di contattarlo per avere una ricompensa sull'esclusiva del suo racconto e la possibilità di avere il migliore degli avvocati difensori, che magari dimostreranno la sua innocenza o la legittima difesa di quel gesto. Norah disperata e ormai scoperta dalla sua amica Crystal a causa del suo stato di prostrazione, con lei decide di accettare le proposte di Casey e di incontrarlo per concordare il da farsi. Ma la polizia che segue la vicenda, la arresta mentre cena con il giornalista. Sentitasi tradita da quell'uomo, Norah ha in realtà fatto breccia nel suo cuore e Casey è pronto a dimostrare la sua innocenza. Ne è fermamente convinto al punto che ottiene dal capitano Haynes di poter riaprire le indagini, specie su un particolare che è stato rivelato dalla domestica del defunto. Un disco che girava al mattino quando rinvenne il corpo dell'uomo, era diverso da quello che stavano ascoltando lui e Norah prima della colluttazione. Norah aveva detto di ricordare di quei momenti soltanto la musica, quella ascoltata nel locale eseguita da Nat King Cole al piano, Gardenia Blu appunto. La stessa che Harry mise sul giradischi per fargliela riascoltare. Ben diversa dal Wagner che la stessa polizia ha verbalizzato trovarsi sul piatto ancora in moto il mattino del rinvenimento del cadavere. Come avrebbe fatto Harry a cambiarla se fosse stato morto? Ecco che le indagini portano, proprio a causa di quel disco, alla commessa del negozio che gliel'aveva venduto, la quale confessa di essere una delle tante donne sedotte da quell'uomo e per questo in un momento di rabbia, avendo trovato la porta di casa sua aperta, era entrata e lo aveva ucciso dopo che l'uomo inutilmente aveva cercato di placarla mettendole su il suo disco preferito. Norah è libera grazie a Casey, ma su suggerimento della sua amica, lo farà soffrire un po' prima di concedersi a lui e iniziarci una nuova vita. JUSTITIA SEMPER TRIUMPHAT recita il titolo finale ... ET AMOR QUOQUE aggiungo io.
Il maestro Fritz Lang dirige con grande maestria quello che è un classico del noir americano anni '50, con un buon cast e una trama intrigante e coinvolgente fino al termine. Raymond Burr è ancora lungi dalla "redenzione" che dal 1957 lo vedrà incarnare stabilmente ruoli da buono e passare alla storia come Perry Mason, impersonando anche in quest'occasione un ruolo negativo nei panni di un uomo dissoluto e senza scrupoli.



The Blue Gardenia
USA 1953
Regia: Fritz Lang
Musiche Raoul Kraushaar
con
Anne Baxter: Norah Larkin
Richard Conte: Casey Mayo
Ann Sothern: Crystal Carpenter
Raymond Burr: Harry Prebble
Jeff Donnell: Sally Ellis
Richard Erdman: Al
George Reeves: capitano Sam Haynes
Ray Walker: Homer
Ruth Storey: Rose Miller
Nat King Cole: sé stesso

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Il grande colpo di Surcouf

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

L'oro di Mackenna

Surcouf, l'eroe dei sette mari