From Paris with Love


Da un idea del suo maestro Luc Besson, il giovane Pierre Morel, peraltro già regista di precedenti film d'azione, confeziona un prodotto di buonissimo impatto visivo ed emotivo spargendo adrenalina pura per un'oretta e mezzo di puro divertimento. Sissignori divertimento,  perchè stavolta il nostro eroe non è alle prese col solito cattivo che non vuol saperne di morire fino alla fine, perchè è talmente forte e preparato che sbaraglia tutti quelli che si pongono sulla sua strada:
"quanti ne abbiamo ammazzati oggi eh?? ... 24?? ... uno all'ora .."
Charlie Wax (John Travolta) è un agente della CIA che fin dall'arrivo a Parigi crea un gran trambusto con le autorità doganali ma in suo aiuto viene il giovane James Reese (Jonathan Rhys Meyers) che allertato dal capo, si precipita in aeroporto con le fascette "bagaglio diplomatico" e se lo porta via. Il giovane e riflessivo James parla diverse lingue tra cui il cinese e l'arabo ed è in procinto di diventare anche lui agente operativo. Elegante e capace funzionario finora ha lavorato sotto copertura come addetto all'ambasciatore americano. L'altro è invece un vulcano senza freni e limiti e parte sempre in quarta senza pensarci più di tanto, anche se di fronte ha agguerriti e armatissimi rivali. Tanto lui li stende tutti. Il battesimo del fuoco per il giovane arriva subito, già al ristorante cinese dove il collega ha chiesto di portarlo. Esso in realtà funge da copertura ad una organizzazione dedita allo spaccio di droga e Charlie entra in azione sterminando la banda. Allo sbigottito James non resta che calarsi nel ruolo di vero agente anche se particolarmente impressionato dai modi visti. Da lì in poi è un crescendo di sparatorie e inseguimenti fino al colpo di scena finale che vede la giovane fidanzata di Reese, Caroline (la bella Kasia Smutniak) coinvolta in un piano terroristico di matrice islamica, volto a farsi esplodere nel corso di una importante riunione di Stati a Parigi. Lei aveva allacciato una relazione col giovane ed elegante funzionario di ambasciata solo per poter pianificare il piano con maggior libertà di movimento. Di fronte alla minaccia e alla ferma convinzione della donna dovrà, se pur innamorato, ucciderla.
Film come dicevo veloce e di buona fattura, tanto da farti perdere la cognizione del tempo che vola via con lui in un baleno. Godibile John Travolta, pesante, rasato e con orecchino tamarro riesce nella caricatura di se stesso, difatti va ancora pazzo per il Royal Burger come ai tempi del mitico Pulp Fiction.



From Paris with Love
Francia 2010

Regia: Pierre Morel
Sceneggiatura: Luc Besson
con
John Travolta: Charlie Wax
Jonathan Rhys Meyers: James Reese
Kasia Smutniak: Caroline
Richard Durden: Ambasciatore Bennington
Yin Bing: M. Wong
Amber Rose Revah: Nichole

Commenti

  1. non è stato un granchè ... anche perchè Travolta ha fatto il verso al suo personaggio di Pulp Fiction ... risultandone travolto ...

    RispondiElimina
  2. è vero!!
    tuttavia il film è di per se una caricatura e al contrario del genere che ti tiene in ansia fino alla fine col cattivo che come al solito deve morire almeno 5 volte .. qui è tutto chiaro fin dall'inizio eccezion fatta per la piccola suspense finale
    nell'ottica di passare un'oretta
    veloce davanti alla tivù va più che bene

    RispondiElimina
  3. io chiederei a marotta di comprarci besson gli diamo in cambio moretti, citto maselli e melo
    più conguaglio naturalmente
    ;-))

    RispondiElimina
  4. Alla fine anche sto besson ha fatto due film validi ... nikita e leon ... gia il giovanna d'arco è una mezza sega ...

    RispondiElimina
  5. il quinto elemento dove impalmò la bella mila jovovich

    RispondiElimina
  6. alla fine ha la bacheca come quella di moretti ... :D

    RispondiElimina
  7. si ma non deprime come lui
    con moretti rischi il suicidio con besson ti ringalluzzisci
    già il fatto che è riuscito a creare una faraonica cinecittà in francia è sintomo di come incassi .. ma sicuro moretti è più intelligente e bello perchè fa molto chic presso gli intellettuali del bel paese
    ;)

    RispondiElimina
  8. pensava di vincere a man bassa a cannes .. ehehehehe
    ormai lo sputtanamento del papa non
    tira più come una volta e il berlusca era già stato "filmato"
    .. poverino mi dispiace per lui e per i suoi tanti fanz

    RispondiElimina
  9. besson vuole contrastare il dominio americano nei film d'azione e ha lasciato almeno 2 capolavori del genere alla storia
    orbene mi domando perchè in italia non si riesca a fare film d'azione noi che eravamo i primi in cappa e spada - peplum - western - poliziesco
    all'italiana che piace al carca ..
    esce solo roba "...."

    RispondiElimina
  10. perchè i produttori non fanno più i produttori ... ma i portaborse ... leggiti il racconto di wu ming (lo trovi in rete) del loro incontro con un noto produtture della FilmEuro per produrre un film dal loro libro ...

    RispondiElimina
  11. http://www.wumingfoundation.com/italiano/downloads_ita.htm

    è quello intitolato "benvenuti a sti frocioni"

    RispondiElimina
  12. http://www.wumingfoundation.com/italiano/downloads_ita.htm

    RispondiElimina
  13. lo vedrò di sicuro, adoro questi film...:-))

    RispondiElimina
  14. vi consiglio se mai vi capitera, Nido di Vespe.

    RispondiElimina
  15. figliastro di distretto 13 le brigate della morte.... quello originario intendo, di john carpenter.

    RispondiElimina
  16. Zio Giulio Winnfield26 maggio 2011 13:41

    ti piacerà ne son sicuro come la giovane polacca che vive in Italia
    e pertanto sembra perfetta come pachistana:
    Kasia
    "caciocavalla"
    Smutniak

    RispondiElimina
  17. Lara "Sottiletta" Kraft26 maggio 2011 14:03

    Già!!
    non rinuncia al tacco 12 nemmeno in punto di morte

    RispondiElimina
  18. http://www.facebook.com/CineMaestri

    da oggi la nostra pagina ufficiale su facebook è diventata utente vero e proprio e pertanto raggiungibile direttamente col link sopra
    grazie a voi sostenitori questo è stato possibile ed ora fate uno sforzo per portare amici di MinkioNando almeno ad una trentina di simpatizzanti
    grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta