Bravados


Bravados 1958
J im Douglass si è fatto 100 miglia a cavallo per raggiungere Rio Arriba in tempo per assistere all'esecuzione di 4 fuorilegge catturati dopo una sanguinosa rapina alla banca locale. Processati e condannati sono in attesa del boia che sta per arrivare e per ordine dello sceriffo Sanchez è l'unico che può entrare in paese fino ad esecuzione avvenuta. Per Douglass viene fatta un'eccezione, ma solo disarmato potrà stare in paese dove avrà il permesso di guardare in faccia i banditi. Nel frattempo arriva anche il boia che non sembra avere un'eccessiva fretta di rendersi conto delle stazze dei condannati, preferendo farsi un goccetto e rinfrescarsi del lungo viaggio. Il paese è molto devoto e la sera stessa si riversa tutto in chiesa per l'annuale Novena a Sant'Antonio e solo Primo, il vice sceriffo di guardia coi detenuti, aspetta all'ultimo il cambio per potersi a sua volta recare in chiesa. Douglass invece non va più in chiesa e nonostante abbia incontrato una sua vecchia e cara amica, Josefa Velarde, che un tempo era stato in procinto di sposare, non aveva voluto seguirla per la funzione serale. Finalmente il boia si decide a far visita ai detenuti con lo sceriffo che manda Primo in chiesa sostituendolo per qualche ora. Ma ecco che l'uomo all'improvviso colpisce lo sceriffo con una coltellata alla schiena venendo a sua volta ucciso con un colpo di pistola dello sceriffo prima di venire sopraffatto dai prigionieri che prese le chiavi scappano. Emma, una giovane del luogo che era tornata a casa per una commissione, viene rapita per avere un ostaggio durante la fuga. Presto l'allarme viene dato e la gente si butta all'inseguimento dei quattro e solo Jim Douglass non è della partita, facendo intendere che è meglio inseguirli con la luce del giorno. Così facendo raggiunge il gruppo inchiodato all'ingresso di un canyon da uno dei fuggitivi che facilmente li tiene sotto tiro avendone feriti diversi. Jim aspetta di nuovo la sera e inizia una caccia spietata con pochi uomini e lui a dare ordini a chi vuole seguirlo nella sua personale vendetta. Crede infatti che siano i quattro, due bianchi, un mezzosangue e un indiano che gli hanno descritto come i violentatori e uccisori di sua moglie sorpresa nel loro ranch mentre lui era al pascolo. Sorprende il primo, Alfonso Parral, e nonostante questi lo supplichi e neghi di conoscere quella donna la cui effigie è all'interno dell'orologio che Jim porta al taschino, lo uccide senza pietà. Staccatosi dal gruppo, raggiunge Ed Taylor, lasciato indietro per sorprenderlo, ma lui lo cattura e appende ad un albero dove verrà ritrovato cadavere dal resto del gruppo. Bill Zachary e l'indiano Lujan sorprendono un minatore nella sua baracca e Bill lo uccide mentre l'indiano si accorge che l'uomo ha un sacchetto d'oro e se lo prende di nascosto. Jim gli è ormai addosso e Bill Zachary dopo aver tentato di violentare Emma, il loro ostaggio, è costretto a fuggire di nuovo e varca il confine col Messico. E' territorio straniero per gli inseguitori, ma Jim non demorde, ha lasciato la sua figlioletta a Josefa Velarde dopo averla recuperata da una famiglia di suoi operai e, dopo aver spiegato la sua triste storia alla donna, ne riceve uno sprone a farsi giustizia mentre lei si occuperà della bambina come fosse sua figlia. In una posada raggiunge Bill e nonostante anche questi neghi di conoscere la donna ritratta nell'orologio, lo uccide mentre l'indiano in sua compagnia se la dà a gambe di nuovo. Raggiunto nella sua modesta abitazione dove vive con moglie e un figlioletto, Jim avrà la conferma da quell'uomo che non sono loro i responsabili della morte di sua moglie. Ha pertanto ucciso per vendetta persone sbagliate ergendosi a loro giudice, giuria e giustiziere ed ora la sua anima è tormentata nonostante a Rio Arriba tutti lo festeggino. Padre Bailey cerca di rincuorarlo e fargli capire che il suo sincero pentimento è già un buon sentiero da percorrere verso la redenzione per la quale chiede la preghiera di tutto il paese, accomiatandosi con la figlioletta e la donna con la quale inizierà una nuova vita.
Tratto da un romanzo di Frank O'Rourke, il maestro Henry King dirige un robusto western di sentimenti forti dove amore, vendetta e pentimento accompagnano la solitudine di un uomo i cui occhi sono quelli di un cacciatore.


The Bravados
Stati Uniti 1958
Regia: Henry King
Musiche Lionel Newman, Bernhard Kaun
con
Gregory Peck: Jim Douglass
Joan Collins: Josefa Velarde
Stephen Boyd: Bill Zachary
Lee Van Cleef: Alfonso Parral
Albert Salmi: Ed Taylor
Henry Silva: Lujan
Kathleen Gallant: Emma Steimmetz
Barry Coe: Tom Barns
George Voskovec: Gus Steimmetz
Herbert Rudley: Sceriffo Eloy Sanchez
Andrew Duggan: Padre Bailey
Ken Scott: vice sceriffo Primo
Gene Evans: John Butler
Ninos Cantores de Morelia Choral Group: loro stessi nel coro della chiesa

Commenti