Al soldo di tutte le bandiere


A dam Dyer, avventuriero americano in difficoltà sulla sua barca nelle acque dell'Egeo, viene tratto in salvo da un connazionale, Josh Corey, contrabbandiere e con un carico di moderni fucili mitragliatori da vendere al miglior offrente nella guerra civile turca. Nel 1922 le parti in conflitto possono contare soltanto su vecchi fucili a retrocarica e queste nuove e formidabili armi possono fruttare molti quattrini. Osman Bey Governatore di una provincia turca li ha fatti contattare dal suo colonnello Elci e scortare nel suo quartier generale. Fissato il prezzo, dopo aver verificato l'efficacia dei mitra, l'uomo pretende da quel gruppo di uomini un favore personale, una missione che li veda scortare le sue figlie a Smirne visto che in zona tra poco arriveranno i ribelli e la loro sicurezza è ormai compromessa. In più Adam ha una nave di sua proprietà confiscata durante la guerra dai Tedeschi e rivenduta ai Turchi che con un apposito documento firmato dallo stesso Osman, gliela restituiranno. Con essa potrà scortare le figlie al Cairo e con loro un carico di lingotti e un tesoro in gemme preziose appartenuto allo stesso Solimano il Grande. Ovviamente c'è sotto qualcosa visto che il carico farebbe gola ai più onesti al mondo, figuriamoci a contrabbandieri. Infatti con loro ci saranno molti soldati e lo stesso Colonnello Elci che durante il tragitto, dopo ripetuti scontri e agguati con i ribelli, tenterà di appropriarsi del bottino e squagliarsela, col risultato magro di finire però ammazzato dalla donna che credeva sua amante. Costei, Aila, tutrice e governante delle figlie del Governatore è in realtà una fidata collaboratrice del Generale Ataturk che ha in pratica preso in mano tutto il paese. Grazie a lei i due americani verranno rilasciati e potranno far rientro in patria a bordo di una nave militare americana, a pelar patate, purtroppo per loro che erano stati vicinissimi ad una enorme fortuna.
Bel film di avventure con ottime scene di azione, costumi militari d'epoca ed esterni turchi di rara bellezza specie laddove si scorge la stupenda Cappadocia. Gli interpreti ovviamente molto bravi e ai protagonisti maschili si aggiunge la bellezza dell' Indomabile Angelica Michele Mercier, che è sempre un bel vedere.


You Can't Win 'Em All
Stati Uniti, Gran Bretagna 1970
Regia: Peter Collinson
Musiche Bert Kaempfert
con
Tony Curtis: Adam Dyer
Charles Bronson: Josh Corey
Michele Mercier: Aila
Gregoire Aslan: Osman Bey
Fikret Hakan: Colonnello Elci
Salih Güney: Capitano Enver
Leo Gordon: Bolek
Tony Bonner: Reese
Horst Janson: Wollen
John Acheson: Davis
Patrick Magee: Generale Ataturk

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Il grande colpo di Surcouf