Minnesota Clay


M innesota Clay condannato ingiustamente ai lavori forzati per omicidio, evade dal campo di detenzione per trovare la persona in grado di scagionarlo e che non si presentò al processo. L'uomo che risponde al nome di Fox 5 assi è oggi lo sceriffo di un paesino del Nuovo Messico chiamato Mesa Encantada. Con i suoi uomini taglieggia la popolazione che lo ha eletto per difendersi dalle scorrerie di un balordo messicano, Domingo Ortiz, che si è proclamato generale e pretende quelle terre depredando ranch isolati e scontrandosi sovente con gli uomini di Fox. La popolazione è pertanto tra due fuochi, da un lato i bandidos e dall'altro il non meno crudele Fox al punto che è la classica situazione del cadere dalla padella alla brace, che gli uomini di Fox sanno far scottare maledettamente. Ecco quindi che l'arrivo di Clay sembra essere voluto dalla Provvidenza che ha deciso di dar loro una mano, e che mano. Una mano velocissima con la colt e in grado di far centro in maniera estremamente istintiva, quasi basandosi sul solo rumore dell'avversario, sia esso uomo armato o pericoloso serpente strisciante. Ben presto tutti ne fanno i conti, dopo aver inutilmente cercato di portare Clay dalla propria parte. A lui importa solo della figlia Nancy, ignara di esserlo e lasciata alle cure dello zio Jonathan, dopo che la madre era morta di parto e il padre costretto a fuggire e fatto credere negli anni morto da suo zio. Non saprà mai chi era quell'uomo che li ha salvati tutti eliminando a più riprese i malvagi che imperversavano nella zona e che ha ottenuto da Fox, prima di morire, una piena confessione circa la sua innocenza. Ora potrà rifarsi una vita e chiudere con un passato che gli ha causato solo grandi sofferenze, lontano da sua figlia ma consapevole che potrà a sua volta farsene una più felice.
Dirige Sergio Corbucci con grande maestria e ottimi tagli di scena, in esterni spagnoli bellissimi e in grado di reggere perfettamente con gli assolati scenari americani.  Buono il cast e curati interni e costumi, tali da porre questo western nostrano ai livelli dei più rappresentativi.


Minnesota Clay
Italia, Spagna, Francia 1964

Regia: Sergio Corbucci
Musiche Piero Piccioni
con
Cameron Mitchell: Minnesota Clay
Georges Rivière: Fox 5 assi
Antonio Casas: Jonathan Mulligan
Alberto Cevenini: Andy
Diana Martín: Nancy Mulligan
Fernando Sancho: Generale Ortiz
Ethel Rojo: Estella
Julio Peña: Tenente Stevens
Nando Poggi: Tubbs
Gino Pernice: Raschietto
José Canalejas: Pedro
Joe Kamel: Millicet
Anthony Ross: Mudo
Madeleine Dehek: Paula
Pietro Tordi: barman

Commenti

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Maciste contro i tagliatori di teste

O' Cangaceiro

Gianni & Pinotto - Africa strilla