I 4 figli di Katie Elder


K atie Elder è morta e a Clearwater arrivano i suoi figli per darle l'estremo saluto: Tom, Matt e il giovane Bud, il più piccolo dei quattro. Manca infatti John, il più grande, il pistolero la cui fama non fa che causargli guai ovunque si presenti. Tutti lo temono e aspettano curiosi che giunga in paese col treno, ma lui se ne sta in disparte ad osservare il funerale dall'alto di un costone roccioso che sovrasta il campo santo. A funerale terminato, da solo sulla tomba di sua madre, riceve la visita dello sceriffo Billy il quale gli raccomanda da amico di non creare disordini e che un tizio è sceso dal treno, mentre i suoi fratelli lo aspettavano, e dall'aspetto secondo lui è uomo poco raccomandabile. Forse è lì proprio per lui, pertanto gli raccomanda di tenersene alla larga e, salutandolo, gli indica la strada per incontrare i suoi fratelli, che non porta al vecchio ranch, ma ad una modesta casetta dove sua madre ci ha vissuto gli ultimi mesi. Qui dopo essersi incontrato con i suoi, scopre che il vecchio ranch è stato vinto a carte al loro padre da un certo Morgan Hastings prima di essere ucciso alle spalle in un vile agguato. Dato che l'uomo era solito ubriacarsi e giocare a carte, la cosa era sembrata legittima, anche perché c'era la sua croce in calce all'atto con le firme di ben sette testimoni, ancorché gente di Hastings o per il quale faceva saltuari lavoretti. In paese vengono a conoscenza delle esemplari virtù della loro madre e di quanto avesse lottato per tener alto il nome della sua famiglia, con grandissima dignità negli ultimi mesi difficili e con estrema cordialità e disponibilità verso tutti. Al contrario della nomea che il quartetto ha in giro specie i due più grandi, John e Tom, che vorrebbero essere emulati dal piccolo Bud, che mamma Katie aveva spedito in collegio a studiare facendo tanti sacrifici. La sua volontà sarà rispettata e Bud tornerà a scuola magari a calci ma lo farà se opporrà resistenza. Nel frattempo Hastings riceve la loro visita e nel primo incontro spiega come sono andate le cose a suo dire, oltre ad essere dispiaciuto per la morte dei loro genitori, Katie soprattutto. Ma temendo di non essere creduto, fa entrare in azione Curley, l'uomo del treno, un assassino prezzolato che a proprie spese capisce, con una violenta randellata sui denti, di che pasta è fatto John Elder. Così Hastings fa scattare un piano per incastrare gli Elder, uccidendo a tradimento lo sceriffo e addossando loro le colpe, nonostante fossero in giro con una mandria di cavalli loro affidata da un tale di Pecos, che aveva accettato un invito dalla loro madre, tramite una lettera che tempo prima gli scrisse, per offrirsi di aiutarlo a vendere i cavalli in eccesso della sua tenuta. Il vice-sceriffo Ben Latta li insegue e cattura, portandoli in città per essere processati. Ma in un clima di violenza, con gli animi della gente esacerbati da Hastings per linciarli, si rende necessario il loro trasferimento a Laredo dove potranno avere un regolare processo. Ma Hastigs mette lo zampino anche tra gli uomini arruolati per la scorta dei prigionieri, e in un punto convenuto del tragitto, scatta l'agguato. John mangia la foglia e con i fratelli riesce a buttarsi tra le grandi radici di un albero da dove risponde al fuoco, dopo essersi procurato una pistola. Tom riesce a prendere alcuni fucili sul carro, ma Curley, trovata della dinamite se ne avvale, ferendo a morte Matt con una scheggia di legno conficcata in pieno petto e ferendo il giovane Bud. John risponde al fuoco con veemenza e Curley ci rimane secco consigliando gli altri di darsela a gambe. Gli Elder rientrano in città, un medico per Bud li raggiunge nella stalla dove si sono fermati, la resa dei conti è prossima. Il giudice, unico uomo di legge rimasto in città, scongiura John di fermarsi, ma ormai è una questione personale, Hastings è l'assassino di suo padre, del vecchio sceriffo e anche del vice Ben e paga il fio nella sparatoria finale, con John che lo fa esplodere all'interno del suo negozio di armi.

Il maestro Henry Hathaway dirige, nei pressi di Durango in Messico, questo classico con tutti gli ingredienti del genere e una coppia già vista all'opera insieme con colt e cinturone: Dean Martin e John Wayne, con l'entrata in scena del Duca, tra le più ad effetto che di lui si ricordino.  Lontano, in disparte, mentre sotto si svolge il funerale di sua madre, ecco che si materializza tra due spuntoni di roccia,  annunciato dalla musica di Elmer Bernstein, con lo zoom che inizia ad avvicinarlo fino a mostrare l'imponente figura di un uomo temuto da tutti, sguardo triste e al tempo truce, icona indimenticabile del cinema western.

The Sons of Katie Elder
USA 1965
Regia: Henry Hathaway
Musiche Elmer Bernstein
con
John Wayne: John Elder
Dean Martin: Tom Elder
Earl Holliman: Matt Elder
Michael Anderson Jr.: Bud Elder
George Kennedy: Curley
James Gregory: Morgan Hastings
Dennis Hopper: Dave Hastings
Martha Hyer: Miss Mary Gordon
Paul Fix: Sceriffo Billy Wilson
Jeremy Slate: Vice-sceriffo Ben Latta
Rhys Williams: Charlie Striker
John Doucette: Hyselman
Rodolfo Acosta: Bondie Adams
Strother Martin: Jeb Ross
Percy Helton: Mr. Peevey
Karl Swenson: Dottor "Doc" Isdell

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Jack Reacher - Punto di non ritorno