Jack Ryan - L'iniziazione


A ll' indomani dell'attacco alle Torri Gemelle, Jack Ryan, abbandona gli studi e si arruola nei Marines. Durante una missione in Afghanistan viene ferito da un razzo nemico e rischia di rimanere paralizzato se non operato in poco tempo. Anni dopo lo vediamo con tenacia recuperare pian piano la motilità grazie all'aiuto e alle cure di Cathy, la fisiatra della quale si innamora. Per il suo gesto di eroismo in guerra è stato notato dalla CIA che ha apprezzato le sue qualità di attento osservatore, qualità utile per individuare in tempo ogni futuro attacco al paese. Deve completare gli studi di economia e poi la CIA lo piazzerà come consulente finanziario in una importante azienda operante a Wall Street. Da analista dovrà scovare conti e movimenti ingenti di denaro che possano destare sospetti circa la loro natura, scopo e provenienza. Ben presto ne individua di importanti in Russia dove si reca per risalire ad un importante uomo d'affari, Viktor Cherevin che sta pianificando un terribile attentato in America e subito dopo vendere sul mercato ingenti quantità di titoli americani. Lo scopo è quello di mandare in tilt l'America che difficilmente potrebbe ripartire da un simile colpo viste le esigue riserve di petrolio e materie prime strategiche. Al contrario della Russia che da leader mondiale della produzione di gas, si rimetterebbe in carreggiata in poco tempo diventando la potenza economica più forte del mondo. Jack da analista, passa in un turbinio di violenza, ad agente operativo, riuscendo anche a scoprire la data e l'ora dell'attentato previsto in America proprio sotto a Wall Street. Con grande prontezza lo sventerà facendo esplodere il furgone imbottito di esplosivo, in acqua dopo un inseguimento violento e mozzafiato. Può ricevere tutti gli onori col suo capo Thomas Harper direttamente dal Presidente, grato a nome dell'America per la brillante operazione compiuta e può finalmente pensare seriamente di sposare Cathy, ormai coinvolta nel suo lavoro tanto da subirne le conseguenze nel movimentato viaggio a Mosca. Doveva essere una sorpresa al suo uomo, solo che non sapeva fosse una spia.
Buona azione e suspense che crea la giusta atmosfera di tensione al limite del sopportabile nello spettatore in alcuni frangenti. Chris Pine è poco convincente nel giovane analista, agente segreto, eroe, patriota, innamorato con aspetto da boy-scout che tanto piace al suo capo Harper, ma tant'è ed essendo il  protagonista ruba la scena allo stanco Kevin Costner, che a dispetto del nome sembra essere lì di passaggio. Ben altro e più importante impatto, ha nel film il regista-attore Kenneth Branagh, assolutamente cupo e convincente nel ruolo del cattivo esaltato nazionalista.

Jack Ryan: Shadow Recruit
Stati Uniti 2014
Regia: Kenneth Branagh
Musiche Patrick Doyle
con
Chris Pine: Jack Ryan
Keira Knightley: Cathy Muller
Kevin Costner: Thomas Harper
Kenneth Branagh: Viktor Cherevin
Lenn Kudrjawizki: Constantin
Alec Utgoff: Aleksandr Borovsky
Elena Velikanova: Katya
Colm Feore: Rob Behringer
Nonso Anozie: Embee Deng
Gemma Chan: Amy Chang
Peter Andersson: Dimitri Lemkov
Seth Ayott: Teddy Hefferman
David Paymer: Dixon Lewis

Commenti

  1. Hai ragione Tex...buona la prova di attore e non sufficiente la prova da regista...Kevin Costner...di passaggio...Chris Pine e Keira Knightley completamente slegati...non mi hanno proprio trasmesso l'idea di una coppia...n'è lui l'idea di essere un genio della CIA...se vi capita...guardare per credere :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

I Magnifici Sette della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Il maestro di Don Giovanni

Gli ammutinati dell'Atlantico

Gianni & Pinotto - Africa strilla

La Pica sul Pacifico

Lo straniero della valle oscura - The Dark Valley

Zambo, il dominatore della foresta