Winchester '73


Q uesta è la storia del fucile Winchester, modello 1873 ... "il fucile che conquistò il West". Un bene considerato un tesoro da vaccari, fuorilegge, soldati e ministri di pace. Un indiano avrebbe venduto l'anima per possederne uno. Lin McAdam è sulle tracce di Dakota Brown e lo raggiunge a Dodge City nel mentre c'è una festa di paese che culmina con una gara di tiro. In palio c'è un fucile winchester ultimo tipo che fa gola ai molti partecipanti. Essendo sceriffo del paese un certo Wyatt Earp, nessuno osa contraddirlo e lasciano buoni, buoni le armi nel suo ufficio come da lui disposto. Tra i due i conti si regoleranno dopo un assaggio di tiro nella gara paesana che li vede sorprendentemente in finale. Hanno avuto lo stesso maestro d'armi, ma mentre Lin ha sfruttato i suoi insegnamenti per andare a caccia di animali, Dakota li ha sfruttati per rapinare banche o diligenze finendo per ammazzare il suo maestro. Con un colpo magistrale Lin vince la gara e il fucile, ma in albergo viene aggredito da Dakota che glielo ruba fuggendo con un paio di complici a gambe levate dal paese. Ripresosi Lin si rimette sulle sue tracce conoscendo il luogo dove è diretto: Tascosa. Nel frattempo il fucile cambia mano per circostanze fortuite diventando protagonista della storia. Dalle mani di Dakota passa in quelle di un mercante d'armi che traffica con gli indiani. Dalle sue in quelle di Orso Bruno, che lo pretende in luogo dei ferri vecchi che di solito gli rifila e manco verrà pagato restandoci senza scalpo e leggermente defunto. A sua volta il giovane capo indiano lo molla, ironia della sorte, dopo essere stato colpito a morte dallo stesso Lin che desideroso di riprendere l'inseguimento non si accorge del prezioso fucile rimasto a terra. Viene raccolto da un giovane, che con la sua ragazza Lola Manners era scampato all'attacco degli indiani, ma lo terrà per poco, fino a  quando su di esso metterà gli occhi Johnny il biondino che per averlo lo ammazza senza scrupoli. Con Lola rimasta senza fidanzato, si reca nel covo di Dakota che è pronto per assaltare la banca di Tascosa. Dakota riprende il fucile senza tanti complimenti dal biondino e insieme si preparano al colpo. Lin giunge a Tascosa in tempo per far secco il biondino, su imbeccata della donna con la quale aveva avuto un breve incontro a Dodge City. Elimina anche un paio di compari appostati nei pressi della banca e con Dakota in fuga a cavallo ingaggia un furioso inseguimento che avrà il suo epilogo tra le rocce, in una sparatoria avvincente. Dakota muore e con lui quel fratello che un tempo si chiamava Matthews McAdam e che, stanco dei rimproveri paterni per la propria condotta, aveva ucciso il genitore, attirandosi l'ira di suo fratello Lin. Al ritorno in paese, al pari del fucile recuperato, potrà contare sull'amore di Lola, che come quell'arma cessa così di passare di mano in mano e trova finalmente l'uomo della sua vita.
Classico in bianco e nero da gustare ogni volta che si vede con i suoi personaggi netti e una trama dove anche un oggetto sembra avere un'anima. Ottimi gli interpreti principali e un paio di note curiose. La prima riguarda Rock Hudson accreditato ad inizio film e che solo alla fine, scorrendo i titoli di coda, capisci che si celava nei panni o meglio nelle nudità di capo Orso Bruno, licenza italiana per l'originale Young Bull, ovvero giovane toro che a mio avviso avrebbe suonato bene anche così nella versione italiana. Riconoscibile invece Tony Curtis accreditato come Anthony Curtis in una particina minore. Come si riconosce facilmente la voce di Alberto Sordi nel doppiaggio del giovane Miller. Ovvia quella del magnifico e indimenticabile Gualtiero De Angelis voce italiana di James Stewart e tanti altri mitici attori.

Winchester '73
Stati Uniti 1950
Regia: Anthony Mann
Musiche Joseph Gershenson
con
James Stewart: Lin McAdam
Shelley Winters: Lola Manners
Dan Duryea: Waco "Johnnie il biondino" Dean
Stephen McNally: Dutch Henry "Dakota" Brown
Millard Mitchell: High Spade Frankie Wilson
Charles Drake: Steve Miller
John McIntire: Joe Lamont
Will Geer: Wyatt Earp
Jay C. Flippen: Sgt. Wilkes
Rock Hudson: Young Bull (Orso Bruno)
John Alexander: Jack Riker
Steve Brodie: Wesley
James Millican: Wheeler
Abner Biberman: Latigo Means
Tony Curtis: Doan
James Best: Crater

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Il grande colpo di Surcouf