Il Cavaliere del Santo Graal


N arra la leggenda che tanto tempo fa quando le mappe mostravano in modo impreciso solo parte del mondo esistente, qualcosa di straordinario accadde. Qualcosa che avrebbe cambiato la nostra storia e che venne tenuto segreto per secoli da una stirpe sconosciuta. Questa è la loro storia ...
che si apre in Terra Santa durante la Crociata di Re Riccardo e che vede Capitan Tuono, con una brillante e audace impresa, liberare il suo scudiero Crispin e il possente Goliath dalle prigioni di una fortezza musulmana che verrà poi conquistata. Con loro e numerosi altri cristiani, viene liberata anche la giovane Sigrid, figlia di Re Ragnar il vichingo, mentre un vecchio e malandato prigioniero, consegna a Capitan Tuono una coppa che deve assolutamente essere riportata al cavalier Morgano e difesa a costo della vita. Essa è il Santo Graal e da secoli viene tenuta nascosta dai Cavalieri Custodi affinché non cada in mani sbagliate. Capitan Tuono, la giovane Sigrid e i suoi fedeli amici con una scorta di armigeri scelti, viene inviata in Spagna dove trovano una situazione inquietante, molto simile ad una epidemia di peste nera ma causata dalle arti malefiche della strega Ariadna che è al servizio del bieco Sir Black, un cavaliere malvagio giunto dall'Inghilterra con lo scopo di impadronirsi della prodigiosa coppa. Ci riesce, ma essendo priva del rubino di Lucifero, è inutile per il rito che dovrebbe riportare sulla terra il potente Angelo Ribelle. Nel frattempo Morgano si fa vivo e con i nostri organizza un piano per prendere il castello del crudele Sir Black e soprattutto il Santo Graal, spiegando all'attonito Capitan Tuono che lui è l'ultimo dei Cavalieri Custodi e che dovrà formarne una nuova generazione per il futuro. Ariadna con le sue diaboliche arti riesce a impossessarsi anche del rubino, ultimo tassello, per dare inizio al rito. Ma quando tutto sembra perduto, ecco Capitan Tuono irrompere nel castello e aiutato dai suoi amici, ai quali si è aggiunto anche il fiero Principe Hassan, suo nemico in Terra Santa, ma alleato contro il Male, riesce a scongiurare il pericolo uccidendo Sir Black, mentre l’indomita Sigrid chiuderà i suoi conti in sospeso con Ariadna e le sue streghette. E' tempo di ripartire mentre in basso a destra dello schermo appare l'eloquente scritta "continua" per un sicuro sequel.
Tratto da un fumetto spagnolo di Victor Mora, il film è un buon esempio di fantasy, girato, interpretato e prodotto dagli spagnoli che, pur non essendo un capolavoro, dimostra all'asfittico cinema nostrano, che è giunta l'ora di tornare a fare qualcosa di diverso dopo anni di introspezioni psicologiche, drammi sociali e risvolti politici, frammezzati da qualche cine panettone per toglierci l'angoscia almeno a Natale. E dire che eravamo i massimi produttori di western, cappa e spada, polizziottesco e spy story all'italiana. Tutto tace e si tira avanti, fatte le dovute eccezioni, solo con i fondi pubblici. E' purtroppo un tragico aspetto della società italiana da decenni a questa parte e che ovviamente si riflette anche nel cinema.

El Capitán Trueno
y el Santo Grial
Spagna 2011
Regia: Antonio Hernández
Musiche Luis Ivars
con
Sergio Peris-Mencheta: Capitan Tuono
Natasha Yarovenko: Sigrid
Adrián Lamana: Crispín
Manuel Martínez: Goliath
Alejandro Jornet: Morgano
Jennifer Rope: Ariadna
Gary Piquer: Sir Black
Asier Etxeandia: principe Hassan
Roberto Álvarez: Martino
Jon Bermúdez: Serrano
Xabier Murua: Jador

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore