Code Name: Geronimo


A zione in formato videogioco del tipo spara tutto o shoot'em up, nome inglese col quale questo tipo di giochi per computer è diventato famoso nel mondo. Questo perché gran parte delle scene d'azione sono in soggettiva con telecamera sul casco e canna del fucile in primo piano a far fuoco sul primo nemico che capita a tiro. Stavolta il nemico è il super ricercato Osama Bin Laden e il film racconta la sua eliminazione dopo che è stato scoperto il suo probabile rifugio ad Abbottabad nel Pakistan. Viene allestita una squadra di Navy Seal per quella che è denominata l'operazione Lancia di Nettuno e che dovrà addestrarsi, in attesa di entrare in azione, in un ambito che prevede l'irruzione dall'alto con due elicotteri in una palazzina isolata e fortificata con mura alte tre metri. Al suo interno, con bambini e donne, si trovano alcuni uomini armati e molto probabilmente lui: Osama Bin Laden. Con l'apporto di un satellite dedicato e di un paio di agenti in loco appostati con telecamere in un palazzo nei pressi, le autorità americane attendono di avere la certezza del bersaglio. Pur avendo buoni rapporti col governo pakistano al quale passano sostanziosi aiuti annuali, nella possibilità che possa avere nella faccenda un ruolo ambiguo, decidono di passare all'azione direttamente, usando se necessario le dovute pressioni affinché non intervengano a missione in corso. Si dà quindi inizio all'operazione che assume il nome in codice di Geronimo e che prevede la sua eliminazione una volta identificato. Per il successo della stessa non dovranno essere uccisi civili e per questo i Seals si sono addestrati un'infinità di volte. Nell'irruzione verranno eliminati gli uomini di guardia e lo stesso Bin Laden che ci verrà mostrato, nel finale del film, avvolto in un sudario mentre sprofonda nell'abisso dell'oceano e alcune precisazioni storiche successive alla missione appaiono in sovrimpressione tra i titoli di coda. Da Al Zawahiri che ne ha preso il posto al comando di Al Qaeda e che dovrebbe rifugiarsi nelle remote zone tribali del Pakistan, all'arresto per alto tradimento dei due agenti infiltrati pakistani, reato per il quale rischiano la pena di morte in caso di condanna. Alla negazione da parte del Governo Pakistano circa la conoscenza della presenza nel loro territorio di Osama Bin Laden e alla decurtazione dei fondi governativi americani per aver arrestato un medico che aveva collaborato con loro.

SEAL Team 6
The Raid on Osama Bin Laden
Stati Uniti 2012
Regia: John Stockwell
con
Cam Gigandet: Stunner
Anson Mount: Cherry
Xzibit: Mule
Robert Knepper: Comandante
Freddy Rodríguez: Trench
Kathleen Robertson: Vivian
Kenneth Miller: Sauce
William Fichtner: Guidry
Mo Gallini: Ziad
Eddie Kaye Thomas: Christian
Lora Martinez-Cunningham: Tech Torres
Rajesh Shringarpore: Waseem
Kristen Rakes: analista CIA
Jenny Gabrielle: Tricia

Commenti

  1. Film che ho visto settimana scorsa se non erro. Ne ero curioso circa la ricostruzione storica degli eventi considerato che ho visto parecchi reportage-documentari sulla vicenda, per la maggior parte su HC. Devo dire che la trama si accosta, tranne le parti romanzate sulla vita dei personaggi, abbastanza fedelmente alla realtà. Un errore macroscopico è nella scelta del cane: non è un pastore belga di groenendael femmina, ma un pastore belga di malinois maschio di nome Cairo. In compenso il mio cane si è inorgoglito essendo della stessa razza e sesso di quello del film, e visto che la gente guarda più i film che i documentari quando qualcuno mi chiede che tipo di cane è gli rispondo "è il cane che ha stanato Bin Laden" ;).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forte!! :-)
      in effetti se pensi che è un film per la TV e che da noi è passato al cinema è un buon lavoro anche se non ritengo un cane adatto a missioni del genere visto che per quanto possa essere addestrato si trova di fronte gente armata fino ai denti .. una sventagliata di mitra e lo fai secco

      Elimina
    2. Ti posso assicurare che il pastore belga di malinois è sempre più usato sia dall'esercito che dalle polizie di tutto il mondo per la sua "bravura" nell'attaccare le persone: è un cane molto agile e meno grande di un pastore tedesco per intenderci ... oramai è poco utilizzato per il lavoro da gregge (come il mio invece) e molto più da difesa ... c'è il prete del mio quartiere che lo voleva assoldare, il mio, per radunare le pecorelle smarrite nella sua chiesa ... ;)

      Elimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta