Tomahawk - Scure di guerra


J im Bridger cacciatore di pelli è molto stimato dagli indiani coi quali tratta commerci insieme con l'amico Sol Beckworth ed è chiamato da loro Tomahawk. E' stato sposato con una Cheyenne trucidata in sua assenza col figlioletto piccolo nel massacro perpetrato da John Chivington, un falso predicatore soprannominato in seguito "il macellaio di Sand Creek", che con i suoi Volontari del Colorado, intendeva pulire tutto il territorio americano dei nativi e col beneplacito delle autorità politiche e militari. Da allora le cose sono cambiate e oggi si tenta di allacciare accordi di pace con le tribù Sioux anche se i presupposti non sono dei più favorevoli. L'esercito ha già costruito un forte nei territori di Nuvola Rossa e pretende il passaggio dei carri dei coloni senza che questi subiscano attacchi. Gli indiani sono preoccupati per la fuga dei bisonti, unica fonte del loro sostentamento, a causa del transito continuo di tutti quei convogli e lo stesso Jim ha tracciato una nuova pista che raggiunge la meta con soli due giorni di viaggio in più. E' la soluzione che può mettere tutti d'accordo, ma sempre a patto che non accada nulla agli indiani, cosa che scatenerebbe Nuvola Rossa e gli altri capi in una nuova guerra. Purtroppo tra i soldati c'è un tenentino, Rob Dancy, con un passato tra gli uomini di Chivington e che ama ancora sparare ai malnutriti giovani indiani che si avvicinano di notte ai cavalli. Ne ammazza uno e di conseguenza scatena l'immediata reazione delle tribù, con Jim che si trova suo malgrado tra due fuochi. Ma nonostante le innumerevoli avversità, riuscirà a fare giustizia e ripristinare la pace. Dopo i primi infruttuosi attacchi Nuvola Rossa cesserà le ostilità, ottenendo in cambio l'abbandono di civili e militari del forte e la sua successiva distruzione.
Girato nelle Black Hills del Sud Dakota, le montagne sacre dei Sioux, si avvale di ottimi interpreti e di veri indiani, che unitamente a riferimenti storici, conferiscono al film un'indiscussa autenticità. Tra gli interpreti si segnala Rock Hudson in una piccola parte e che senza i crediti sarebbe stato di difficile individuazione. Stupenda Susan Cabot nel ruolo della giovane cognata Monahseetah, scampata al massacro e da allora sempre con Jim, capace  sulle prime, di suscitare l'invidia della bella Yvonne De Carlo innamoratasi del prode scout, un coriaceo e convincente Van Heflin.
Tomahawk
USA 1951
Regia: George Sherman
Musiche Hans J. Salter
con
Van Heflin: Jim Bridger
Yvonne De Carlo: Julie Madden
Susan Cabot: Monahseetah
Alex Nicol: Tenente Rob Dancy
Preston Foster: Colonnello Carrington
Jack Oakie: Sol Beckworth
Tom Tully: Dan Castello
John War Eagle: Nuvola Rossa
Rock Hudson: Burt Hanna
Arthur Space: Capitano Fetterman
Russ Conway: Maggiore Horton
Ann Doran: signora Carrington
Stuart Randall: sergente Newell
Regis Toomey: Smith

Commenti

  1. Pentola Nera nel film suocero di Jim era un capo Cheyenne noto per essere pacifico e rispettoso dei trattati, nella sua tenda spiccava la bandiera degli Stati Uniti e una bianca in segno di pace ma gli uomini di Chivington non si fecero scrupoli e massacrarono donne e bambini con vecchi e pochi guerrieri non usciti a caccia. Il raccapriccio fu che molte donne inermi e bambini vennero trucidati con le sciabole e successivamente tutti scalpati e con i genitali mutilati da portare in trionfo a Denver. Ricordatevi di Sand Creek 29 novembre 1864 come di una vergogna per l'umanità ...

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Maciste contro i tagliatori di teste

O' Cangaceiro

Gianni & Pinotto - Africa strilla