Prometheus


E ro più che certo di iniziare questo post con la frase "Ridley Scott non delude mai ... o colpisce ancora" tanto ero sicuro dell'efficacia di questa sua ultima impresa. E invece no. Tornare sui propri passi dando vita ad un prequel di un film di successo come Alien, stavolta non paga, perché aldilà degli effetti speciali straordinari, il film risulta alla fine un déjà vu senza tensione e con pochissima presa emotiva. Infarcito poi dei soliti "mal di pancia" con provvidenziali cesarei robotizzati quando va bene o conseguenti e devastanti problemi intestinali quando va male e poi spunta fuori quell' essere immondo, con quella testona a mo' di casco per ciclisti da velodromo o tappa a cronometro. Insomma si arriva alla fine abbastanza delusi e tutto sommato annoiati. Il plot narrativo parte da una ricerca commissionata da un miliardario morente a un gruppo di scienziati astronauti che nell'anno 2089 decidono di avventurarsi nello spazio alla ricerca di un pianeta la cui costellazione è stata rinvenuta in varie parti della Terra, migliaia di anni prima, su incisioni lasciate su pietra o pitture rupestri e quindi testimonianze di una civiltà superiore e senz'altro creatrice della specie umana. Dopo un paio di anni ibernati e controllati da un robot umanoide, i nostri arrivano a destino per constatare che effettivamente il DNA di questi esseri corrisponde e combacia perfettamente col nostro anche se costoro sono tutti morti per una causa sconosciuta e di sicuro terribile. Ben presto si scopre che costoro prima che creatori sono distruttori ed eliminano i pianeti scelti di ogni forma di vita con altre aliene e piuttosto feroci, che poi sostituiscono con quella a loro immagine e somiglianza. Con molta probabilità è sfuggita loro di mano la specie usata come arma di distruzione e li ha sopraffatti. Solo uno di questi fantomatici "ingegneri" è ancora sopravvissuto all'interno della sua capsula di ibernazione e risvegliarlo non sarà una buona idea per l'equipaggio della Prometheus. Costui non solo elimina i presenti ma mette in moto il piano interrotto dalle creature aliene, attivando l'astronave per la missione che prevede la ricolonizzazione della Terra, cosa questa del tutto incomprensibile per la dottoressa Shaw che, sopravvissuta alla furia dello strano soggetto, allarma la nave che come unica possibilità di fermarlo, ha quella di speronare la sua astronave nel tentativo di distruggerla. Cosa che avviene, con l'ultimo di quegli ingegneri creatori che tanto per gradire viene pure assalito e fagocitato da un alieno che introduce nel suo corpo quel bel esemplare descritto all' inizio. La dottoressa Shaw, unica superstite, raccatta testa e corpo del robot umanoide che si dice in grado di pilotare una delle tante navicelle degli ingegneri. Lei però non vuol tornare sulla Terra ma sul loro pianeta di origine per chiedere spiegazioni sul loro operato e visto che abbandona un luogo pieno di terribili alieni, lascia un radio messaggio che a intervalli regolari avverte di stare alla larga da quel posto. Cosa che faremo di sicuro se mai capiterà un nuovo capitolo sull'argomento.
Prometheus
Stati Uniti 2012
Regia: Ridley Scott
con
Noomi Rapace: Elizabeth Shaw
Michael Fassbender: David
Charlize Theron: Meredith Vickers
Idris Elba: Capitano Janek
Guy Pearce: Peter Weyland
Logan Marshall-Green: Charlie Holloway
Sean Harris: Fifield
Rafe Spall: Millburn
Emun Elliott: Chance
Benedict Wong: Ravel
Kate Dickie: Ford
Ian Whyte: “Ingegnere” sopravvissuto

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Jack Reacher - Punto di non ritorno