Muori lentamente... te la godi di più

Bardo Paretti ricchissimo e annoiato italiano, alla ricerca di emozioni forti, non trova niente di meglio da fare che ricattare il governo degli Stati Uniti con la minaccia di sganciare una bomba atomica su Washington se a loro volta non "sganceranno" la cospicua somma di un miliarduccio di dollari fruscianti e sempreverdi. Per raggiungere lo scopo ha messo in piedi una sofisticata organizzazione, nota col nome di Croce Bianca per via per del simbolo che dipinge sulla schiena delle vittime designate. Corrompendo un alto ufficiale americano addetto agli armamenti atomici, riesce a far credere di aver rubato una bomba atomica di vecchio tipo ma pur sempre devastante e questo grazie alla manipolazione di un archivio di carico compiuta ad arte dal generale Burch che per soldi è disposto a tradire. Manda poi una squadra ad allestire un aeroporto nell'isola della Misericordia, o meglio ripristinare una vecchia pista usata in tempo di guerra, dalla quale presumibilmente si alzerà in volo un aereo con il mortale carico a bordo. Allo scopo ha anche acquistato un aereo di linea e ha sequestrato il miglior pilota dell'aviazione tedesca per pilotarlo. Con un vecchio U-BOOT intende far arrivare nell'isola il carburante necessario mentre la bomba arriverà con il suo potente yacht foderato per la bisogna con lastre di piombo. La CIA allertata manda la sua agente Lu Forrester e chiede alla Germania Ovest di far intervenire il suo migliore agente: Bob Urban, nome in codice Mr. Dynamit. Questi viene dotato di gadget super tecnologici tra i quali spiccano una caramella nebbiogena, ovvero masticandola e sputandola si ottiene una fitta cortina fumogena, e una scatoletta che può diventare un canotto con 30 miglia di autonomia. Prodigi della scienza! Si mette subito in moto e vista la prestanza fisica e l'abilità nelle arti marziali e uso delle più svariate armi, riesce a venire a capo del complotto e a far luce sulla vicenda, impedendo al governo americano di pagare vista la minaccia del tutto fasulla. Tutto questo mentre Bardo, volando in scia ad un aereo di linea della SAS aveva tenuto tutti col fiato sospeso fin sopra Washington, dove è costretto ad atterrare. Circondato dalle forze speciali con un abile travestimento riesce a dileguarsi nella speranza di un sequel che non c'è stato. Lex Barker, molto popolare tra noi ragazzi per essere stato un ottimo Tarzan e per i tanti film di avventura interpretati, che erano il pane domenicale dei cinema di periferia, si disimpegna più che bene lasciando però il ruolo da protagonista ad Amedeo Nazzari qui in un ruolo da cattivo. Elegante, impeccabile e deciso, si segnala per stravaganze eccentriche come quella di scolarsi tutti i giorni alle 17,00 una bottiglia di grappa per poi arrotolarsi in un tappeto persiano per una salutare pennica. Ma ama anche giocare coi trenini in un mega plastico attrezzato di tutto punto e con i comandi elettrici che consentono, tra una pausa e l'altra, di avere contatti audiovisivi coi suoi uomini sparsi in giro per il globo grazie a pannelli TV inseriti a scomparsa nello scenario del plastico. Di sicuro farebbe l'invidia di un mio vecchio amico appassionato di questi modellini fino a poco tempo fa quando i nipoti con un'azione di forza hanno ripreso possesso del grande garage, diventato col tempo un piccolo paese alpino curato in ogni minimo dettaglio. Dovrò segnalargli questo film.

Muori lentamente... te la godi di più
Italia, Spagna, Germania 1967
Regia: F. J. Gottlieb
Musiche  di  Armando Trovajoli e Gianni Marchetti
con
Lex Barker: Bob Urban alias Mr. Dynamit
Amedeo Nazzari: Bardo Baretti
Wolfgang Preiss: Sebastian
Maria Perschy: Lu Forrester
Brad Harris: Cliff
José Suarez: Gen. Burch
Werner Fuetterer: Gen. Probst
Ullrich Haupt: Gen. Forman
Gerard Landry: Gen. Johnson
Charles Fawcett: Gen. Stikker
Ralf Wolter: Spiegel
Siegfried Rauch: Tazzio
Dieter Eppler: Capitano Reichel
Eddi Arent: Prof. Strahlmann
Gustavo Rojo: Peppino
Carl Rapp: direttore CIA
Antonio Pica: Flynn
Gustavo Re: Morgan
Luis Induni: comandante U-Boot
Giuseppe Mattei: Balbo
Carmen Cervera: Michelle
Gisela Hahn: Meisje
Silvia Solar: Natascha
Birgit Adenau: Gina

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore