John Carter

John Carter della Virginia ed ex capitano sudista, non vuol più saperne di essere coinvolto in guerre che iniziano gli altri e la sua sola occupazione è quella di cercare l'oro. Pertanto rifiuta con fermezza l'arruolamento sotto la bandiera dei vincitori nordisti per combattere gli indiani sempre più minacciosi nelle loro scorrerie. Nel tentativo di sottrarsi al loro inseguimento si rifugia in una grotta che incute timore ai musi rossi tanto da farli desistere e ritirarsi. Al suo interno scopre degli strani segni incisi nella roccia e quello che sta cercando da tempo: una enorme vena d'oro. Ma anche il motivo di tanta paura tra gli indiani, un uomo vestito stranamente che gli lancia contro un raggio azzurrognolo micidiale. Carter riesce ad evitarlo e a far fuoco sull'individuo uccidendolo e nel prendergli uno strano medaglione viene incredibilmente teletrasportato su Marte. E' l'inizio di una straordinaria avventura dove il nostro scopre di avere in quell'atmosfera un'agilità incredibile che gli consente salti prodigiosi e una forza mostruosa. Grazie a queste caratteristiche riesce ad accattivarsi le simpatie di una delle comunità presenti in quel pianeta, degli strani individui alti più di tre metri e con quattro braccia, mentre i più evoluti, in tutto simili agli umani, si stanno massacrando. E' in atto una guerra e Sab Than re di Zodanga, enorme città mobile, è in procinto di assoggettare o distruggere tutte le altre civiltà. E' stato scelto per questo scopo dalla misteriosa setta dei Therns che si vantano, essendo immortali e messaggeri della dea Issus, di decidere le sorti di tutti i pianeti. Resta solo la città di Helium sul cammino di Sab Than e può essere risparmiata se la bella principessa Dejah Thoris accetterà di sposarlo. Il caso farà incontrare Carter e Dejah ed entrambi uniranno i loro sforzi per scongiurare la distruzione dell'ultima civiltà marziana e per far tornare sulla Terra il Capitano. Con l'aiuto dei valorosi e quadrumani Tharks riuscirà nell'intento eliminando il crudele Sab Than e sposando la bella principessa. Ma i Therns con Matai Shang che può assumere tutte le sembianze che vuole, lo rispediscono sulla Terra e Carter allora inizia di nuovo a cercare senza sosta il portale o il medaglione col quale far ritorno su Marte che ormai è il suo Pianeta. Ci riesce fingendosi morto ed attirando sulla sua tomba quello che sospetta da tempo essere un Thern sulla Terra per pedinarlo e controllarlo. Uccidendolo e impossessatosi del suo medaglione è finalmente pronto per tornare sul Pianeta Rosso tra le braccia della sua Dejah. La Disney con la Pixar ha rivitalizzato la storica, ma ormai antiquata e inadeguata, azienda che era e produce un film di straordinario impatto visivo molto simile ad Avatar e con l'acquisizione della Lucasfilm avrà un futuro ancora più roseo con i nuovi capitoli annunciati di Star Wars. Titoli chilometrici come al solito e la poca acqua rimasta che si vede su Marte è "fornita" dal Lago Powell nello Utah con magiche riprese dalle più suggestive angolazioni. Mentre tra i tanti personaggi del film mi piace sottolineare quel simpatico e formidabile Woola, un cagnotto-lucertolone, una sorta di gigantesco Rottweiler che grazie alle sue 10 zampe è veloce come un missile e si butta in tutte le mischie senza paura come il padrone che si è scelto: John Carter, dalla Virginia a Marte per amore.

John Carter
Stati Uniti 2012
Regia: Andrew Stanton
Musiche  Michael Giacchino
con
Taylor Kitsch: John Carter
Lynn Collins: Dejah Thoris
Willem Dafoe: Tars Tarkas
Samantha Morton: Sola
Thomas Haden Church: Hajus
Dominic West: Sab Than
Polly Walker: Sarkoja
James Purefoy: Kantos Kan
Mark Strong: Matai Shang
Ciarán Hinds: Tardos Mors
Bryan Cranston: Powell
Daryl Sabara: Edgar Rice Burroughs

Commenti

  1. Belli gli effetti speciali, intrigante l'idea dei pianeti del sistema solare collegati da forze misteriose (un po' come accadeva in Avangers) con qualche spezzone assonante alla mitica saga di Star Wars...ma nella realizzazione la Disney ha creato un "film per Ragazzi" ... Manca qualcosa nei protagonisti e nel susseguirsi degli eventi. Sicuramente divertente, ma non troppo convincente.

    Sottolineo la presenza di scenari magnifici nella "gita in barca" girati sul Fiume Colorado e nelle insenature del Lago Powell (che poi sarebbero fatti della stessa acqua, oltre allo Utah, intravedo paesaggi tipici della mitica ARIZONA) grandi luoghi mozzafiato.

    RispondiElimina
  2. Belli gli effetti speciali, intrigante l'idea dei pianeti del sistema solare collegati da forze misteriose (un po' come accadeva in Avangers) con qualche spezzone assonante alla mitica saga di Star Wars...ma nella realizzazione la Disney ha creato un "film per Ragazzi" ... Manca qualcosa nei protagonisti e nel susseguirsi degli eventi. Sicuramente divertente, ma non troppo convincente.

    Sottolineo la presenza di scenari magnifici nella "gita in barca" girati sul Fiume Colorado e nelle insenature del Lago Powell (che poi sarebbero fatti della stessa acqua, oltre allo Utah, intravedo paesaggi tipici della mitica ARIZONA) grandi luoghi mozzafiato.

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta