Sherlock Holmes e il mistero del carillon

Ancora una donna sulla strada del nostro Holmes in questo bel film della serie con la mitica coppia RathboneBruce. Per lui non è una donna ma la donna, l’incarnazione del fascino e dell’intelligenza però in questo caso al servizio del male. La trama, non priva di colpi di scena, si dipana fin dalle prime battute ma lasciando sempre intatto il piacere di come il nostro detective arriverà alle sue famose conclusioni. Dal carcere di Dartmoor, tra i tanti oggetti fabbricati dai detenuti, vengono venduti ad un' asta tre carillon di modico valore e con la stessa musichetta in apparenza. Gli omicidi di due dei tre acquirenti e il furto dei carillon acquistati mettono in moto Holmes, anche perché una delle vittime è un vecchio compagno di studi del Dr. Watson. Come sempre il nostro intuisce il vero motivo degli omicidi grazie al suo acume che lo porta a diffidare delle ovvietà al contrario di Scotland Yard che etichetta i casi come opera maldestra di ladruncoli senza esperienza. Ma Holmes non accetta che un ladro rubi un modesto carillon, lasciandone altri rari di valore inestimabile, come nel caso del collezionista “StinkyEmery amico di Watson. Infatti la realtà è ben diversa e la banda composta da una “donna fatale”, da un ex colonnello e un corpulento autista, esecutore materiale e spietato degli omicidi, è alla ricerca dei tre carillon per decifrarne il luogo dove sono custoditi dei preziosi cliché rubati alla Banca d’Inghilterra. La sfida è aperta e la banda sembra avere la meglio quando Holmes è attirato in un tranello dalla perfida virago e, ammanettato, è appeso a un gancio da macellaio in un garage, in procinto di morire asfissiato dal tubo di scappamento di un auto lasciata col motore acceso. Ma il nostro, oltreché aitante è anche scaltro e ha fatto in tempo a rubare la chiave delle manette al vecchio colonnello e liberatosi è pronto a ricambiare i favori appostandosi nel luogo dove il terzetto può finalmente appropriarsi delle lastre nascoste in una libreria. L’autista tenta invano di lanciargli un coltello ma viene freddato da Holmes con un colpo di pistola mentre gli altri due si lasciano arrestare dalla polizia a conclusione dell’ennesimo bel capitolo della serie. 

Flag 1946

Regia: Roy William Neill

con
Basil Rathbone: Sherlock Holmes
Nigel Bruce: Dott. John H. Watson
Patricia Morison: Mrs. Hilda Courtney
Edmond Breon: Julian "Stinky" Emery
Frederick Worlock: Colonnello Cavanaugh
Carl Harbord: Ispettore Hopkins
Patricia Cameron: Evelyn Clifford
Holmes Herbert: Ebenezer Crabtree
Harry Cording: Hamid
Mary Gordon: Mrs. Hudson

Commenti

I Magnifici Sette della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Il maestro di Don Giovanni

Gli ammutinati dell'Atlantico

Gianni & Pinotto - Africa strilla

La Pica sul Pacifico

Zambo, il dominatore della foresta

Lo straniero della valle oscura - The Dark Valley