The Commitments (1991)




« Gli Irlandesi sono i più negri d'Europa, i Dublinesi sono i più negri di Irlanda e noi di periferia siamo i più negri di Dublino, quindi ripetete con me ad alta voce: "Sono un negro e me ne vanto!" »















Un bellissimo film di Alan Parker che racconta la nascita e morte di un gruppo musicale soul irlandese.
La storia è coinvolgente, e racconta il sogno che molti di noi da ragazzi abbiamo coltivato: creare una band, ma in questo caso i personaggi, in cerca di un palco, non sono dei rockers ma degli amanti del soul.
La vicenda si svolge a Dublino, dove Jimmy decide di creare un gruppo soul di cui lui sarà il manager, in quanto secondo lui è il genere musicale adatto per la gente povera e disoccupata. E allora via, un annuncio sul giornale e si cercano musicisti più o meno talentuosi ed ecco che arrivano Dean, fay, Outspan, Steven, Deco, scoperto ad un matrimonio; Joey “labbra” Fagan che millanta di aver suonato con i più grandi musicisti di sempre, un trio di pittoresche ragazze
Dopo gli inizi balbettanti, la band trova una propria dimensione e comincia a mietere successi nei locali in cui si esibisce, ma come spesso accade, alla crescita della fama si contrappone la crescita dei dissapori tra i protagonisti, alimentati da gelosie ed eccessive animosità (sono irlandesi …) e quando la consacrazione definitiva è ad un passo dal divenire realtà, una colossale rissa dopo un’esibizione decreta la morte del gruppo.

Commenti

  1. di Alan mi rimane impresso Fuga di mezzanotte e Mississippi burning
    è uno dei miei preferiti anche se abbastanza indietro in classifica ;-))
    diciamo nelle retrovie del mio cinema ideale nel senso che non arriva mai al
    mito pur restando apprezzato nel suo lavoro
    ;-))
    bravo gobbo

    RispondiElimina
  2. Parker regista è garanzia di film di qualità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è vero ma non è il mito che il cinema racchiude
      ovvero non sarà mai ricordato come simbolo o icona del mondo dove ha lavorato
      vedi Chaplin o Fellini per citarne due
      quando pensi a loro o altri del livello pensi subito al cinema ovvero materializzi il cinema in loro
      in Parker questo non avviene e non avverrà mai
      sei d'accordo??

      Elimina
  3. oh poi se non sei d'accordo non fa niente
    ;-))

    RispondiElimina
  4. è vero ... ti ricordi più uno Stone o uno Spielberg ... quelli che hai citato tu fanno parte del cinema che è divenuto mito ... come dire Platini o Maradona ... ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Maciste contro i tagliatori di teste

O' Cangaceiro

Gianni & Pinotto - Africa strilla