Cowboys & Aliens

Jake Lonergan si risveglia solo in mezzo al deserto, con una ferita al ventre, uno strano e ingombrante bracciale al polso sinistro e non si ricorda niente: ha perduto completamente la memoria. Non ha il tempo di riaversi che tre brutti ceffi a cavallo lo circondano e dagli scalpi appesi alle loro selle capisce che sono ostili e non appena uno di essi gli punta addosso una doppietta, egli con mosse fulminee li ammazza tutti e tre, prende gli stivali ad uno dei morti, armi e cavalli. Da qui in poi l'adrenalina aumenta e con essa l'azione per tutta la durata di questo stranissimo ma coinvolgente e forse primo fanta-western. Nella vicina cittadina viene riconosciuto dallo sceriffo e arrestato con il figlio debosciato del ricco signorotto del luogo che si diverte a sparare a insegne e attaccar briga con tutti, ché poi viene papà a toglierlo dai guai. Jake è ammanettato al giovinastro, al quale peraltro ha già spazzolato le gengive, ed è in procinto di lasciare il villaggio scortato dallo sceriffo per essere condotto in luogo idoneo al processo. Sembra che sia un pericoloso fuorilegge ma non se ne ricorda e il bamboccio con lui frigna che vuole il papà. E il papà arriva intimando a tutti di lasciar libero il figlio e riconoscendo in Jake colui che gli ha rubato parecchio denaro. Lui è il Colonnello Woodrow Dolarhyde, nei cui panni si cela una vecchia conoscenza che risponde al nome di Harrison Ford, ex militare valoroso un tempo, regge oggi le sorti del paesino dall'alto della sua ricchezza di proprietario di mandrie. Ed è qui che fanno la loro fragorosa apparizione gli Alieni a bordo delle loro micidiali navette, in contemporanea col colonnello giungono sul posto bombardandolo con devastanti esplosioni. Possono anche rapire in volo degli inermi abitanti per portarli con se. Jake riesce a liberarsi dalle catene e scopre che il bracciale al suo polso è una potente arma aliena con la quale abbatte uno dei loro velivoli. Anche il figlio del colonnello è stato rapito e alle prime luci dell'alba si organizza una posse per andare alla loro ricerca. Jake viene arruolato in virtù della sua preziosa e potente arma, ma dovrà guardarsi dall'ira del colonnello che rivuole il suo oro. Oro, che è anche il vero motivo per il quale sono venuti gli alieni sulla terra. E' la stupenda Ella, una giovane che si è unita stranamente al gruppo e a Jake in particolare a spiegarlo agli increduli "terrestri" attorno a un fuoco in un campo Chiricahua. Lei ferita in una delle tante scaramucce con gli alieni e protagonista di un rocambolesco rapimento in cielo e successiva liberazione da parte di Jake, era stata trasportata in braccio dall'uomo nella vana speranza di ritrovare gli altri e poterla curare. Jake era riuscito a rintracciare i suoi, dispersi in una violenta battaglia, ma poi tutti erano caduti in mano agli Apache che ritenendoli colpevoli di aver scatenato i "demoni alati" stavano per essere messi a morte. La ragazza morta era stata deposta sul fuoco e miracolosamente da quel fuoco, tra decine di lingue colorate e luminose si era materializzata di nuovo, bellissima e completamente nuda. Subito avvolta in una coperta dal premuroso e sbigottito Jake, racconta la sua storia parlando sia nella lingua dei bianchi che degli Apache, anch'essi profondamente colpiti dal prodigio in un contesto altamente emotivo e surreale del film. Anche lei viene da un altro pianeta e ha assunto una forma umana per mimetizzarsi e avverte tutti della ferocia degli altri alieni, protagonisti in passato di attacchi anche al suo pianeta. Loro cercano l'oro e considerano gli umani come degli insetti e questo può essere il loro punto debole. Jake è l'unico che può condurli da loro e per la memoria ci pensano i Chiricahua con una pozione che risveglia il suo passato e si vede prigioniero degli alieni con la moglie mentre vengono sondati con strani oggetti. La moglie viene polverizzata per prima ma lui riesce a liberarsi non appena la sonda gli buca la pancia ed eliminare l'alieno impossessandosi del suo bracciale. Ora sa dove si nascondono e conduce questa sorta di lega terrestre fatta di umani sempre in lotta tra loro ed ora uniti in un unico scopo: liberare i propri cari e distruggere gli invasori, prima che questi possano dare il via ad una massiccia invasione. La loro astronave è in parte interrata e perfettamente mimetizzata col canyon che la affianca e da essa estraggono oro, vaporizzandolo dal terreno. La battaglia finale è delle più spettacolari mai viste al cinema e vede il concorso anche della vecchia banda di Jake che con Apache e uomini del colonnello danno filo da torcere al nemico combattendo fianco a fianco con coraggio in campo aperto, mentre Jake riesce a liberare con Elle i prigionieri all'interno. Elle per impedire che riescano a fuggire e mettere la Terra a rischio di future e devastanti invasioni si immola chiudendosi nel cuore dell'astronave e facendola esplodere col bracciale di Jake subito dopo il decollo. Bianchi e indiani riabbracciano i loro cari e con l'oro la cittadina avrà un nuovo impulso di crescita. Solo Jake non ha nessuno, e solo e a cavallo, si allontana verso il deserto.



Cowboy & Aliens
Flag    2011


Regia: Jon Favreau

con
Daniel Craig: Jake Lonergan
Harrison Ford: Col. Woodrow Dolarhyde
Olivia Wilde: Ella Swenson
Sam Rockwell: Doc
Noah Ringer: Emmett Taggart
Keith Carradine: Sceriffo John Taggart
Paul Dano: Percy Dolarhyde
Clancy Brown: Meacham
Adam Beach: Nat Colorado

Commenti

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Jack Reacher - Punto di non ritorno