Alta Fedeltà (2000)

Che cosa è nata prima: la musica o la sofferenza? Ai bambini si tolgono le armi giocattolo, non gli si fanno vedere certi film per paura che possano sviluppare la cultura della violenza, però nessuno evita che ascoltino centinaia, anzi, dovrei dire migliaia di canzoni che parlano di abbandoni, di gelosie, di tradimenti, di penose tragedie del cuore. Io ascoltavo la pop music perché ero un infelice. O ero infelice perché ascoltavo la pop music? (Rob Gordon)

Un film che ho visto e rivisto più volte ed ogni volta lo riguardo con interesse e sinceramente mi sembra di guardarmi allo specchio. 
A chi non è capitato come al protagonista di fronte ad una storia d'amore finita fare un bilancio della propria vita? e chiedersi il perché tutto va storto? e se siamo noi il problema?

La ragazza numero uno delle cinque storie finite male, come ho già detto, è stata Alison Ashmore. Il giorno prima non le guardavi, o non ti interessavano per niente. Ventiquattr'ore dopo già non potevi più farne a meno. Erano dappertutto. I loro seni erano cresciuti e noi volevamo… A dire la verità non sapevamo bene che cosa volevamo, ma la cosa era interessante e allarmante, direi. La mia storia con Alison Ashmore durò per circa sei ore. Le due ore del dopo-scuola prima di Agenzia Rockford in tv per tre giorni di fila. Ma il quarto pomeriggio… Kevin Bannister. Sarebbe bello credere che siano cambiati i tempi da allora, che con l'età i rapporti siano diventati più seri, che siano diventate meno ciniche le donne, più dura la nostra corazza, che l'istinto si sia sviluppato… Sembra invece che un elemento di quel pomeriggio ricorra in ogni mia storia. Tutti i miei amori successivi sono una versione iper-incasinata di quella. (Rob Gordon)

Questo è quanto accade al protagonista Rob Gordon (John Cusack), gestore di un negozio di dischi,  Championship Vinyl, alla periferia di Chicago. Nel negozio gironzolano i suoi due dipendenti, Barry (Jack Black) e Dick (Todd Louiso), che più volte ha fiaccamente tentato di licenziarli. Le loro giornate sono incentrate principalmente  nello stilare classifiche "Top Five" su qualunque argomento oltre alla loro conoscenza enciclopedica della cultura musicale rock e pop.
Durante lo svolgimento del film il protagonista s'interroga, rivolgendosi alla telecamera, del perché del fallimento delle sue relazioni sentimentali e le analizza in maniera ironica e bizzarra in un tentativo un po' goffo di autoterapia. La sua ricerca interiore si accavalla con l'incontro delle sue ex della sua "Top Five" ed accorgendosi che non sempre sono state loro a "mollare" lui. Con Laura, l'ultima della classifica e causa del suo percorso a ritroso nella propria vita sentimentale, Rob troverà alcune risposte.

Dovete sapere che la creazione di una grande compilation, così come una separazione, richiede più fatica di quanto sembri. Devi iniziare alla grande, catturare l'attenzione! Allo stesso livello metti il secondo brano, e poi devi risparmiare cartucce inserendo brani di minore intensità. Eh... sono tante le regole. Comunque... ho iniziato a pensare a una cassetta per Laura. Conosco i suoi gusti e cercherò di farla felice. E per la prima volta, so di poterci riuscire. (Rob Gordon)

Oltre al protagonista, si segnala un Joe Black in forma strepitosa ed una colonna sonora di tutto rispetto.

Il feticista musicale non è diverso da quello porno, mi vergognerei di sfruttarli se non fossi anch'io in quel gruppo. (Rob Gordon)







Commenti

  1. Non ancora visto...ma merita già solo la presenza del pazzo Jack Black...con tutto il rispetto per il bravo Cusack...

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore