Ondine - Il segreto del mare

In una plumbea ma splendida Irlanda tra vita dura e problemi umani e sociali si snoda la vicenda che ha il contorno di una fiaba e per gran parte del film culla lo spettatore nella inconscia speranza che sia vera. Lui, Colin Farrell, il pescatore, è Syracuse un ex-alcolista, separato dalla moglie che convive con uno scozzese condividendone ancora il vizio dell'alcool. Lui ha smesso da due anni con il proposito che uno dei due doveva restare sobrio per accudire la figlia Annie costretta su una carrozzella e con i reni collassati tanto da renderla soggetta a dialisi. Nonostante la bambina sia stata affidata alla madre, è lui che la porta a scuola e la assiste nelle sedute di dialisi a volte raccontandole delle storie di fantasia. La sua vita cambia di colpo quando pesca con le reti una splendida fanciulla che riavendosi a stento lo prega di non rivelare a nessuno la sua esistenza. Lui allora la porta in una casetta diroccata dove viveva sua madre prima che morisse e che si trova in una suggestiva baia disabitata. Non si pone tanti problemi e anzi la porta con sé a pescare e miracolosamente riempie le reti di salmoni e le nasse di aragoste. Racconta a grandi linee il fatto a sua figlia la quale, vivendo probabilmente in un mondo fantastico dei bambini, la identifica in una "selkie", una creatura della mitologia nordica, simile ad una sirena e che a volte può perdere la coda per adattarsi a vivere sulla terra se l'amore per un uomo la cattura. Le cose per Syracuse migliorano stranamente e nella sua mente si fa strada questa ipotesi che da un lato lo affascina ma dall'altro lo sconvolge. L'amore tra i due divampa e la piccola Annie è molto felice della cosa e si lega profondamente alla giovane che si fa chiamare Ondine e che in un certo senso sta al gioco della piccola. La moglie che osteggia apertamente questa unione considerando il marito un buono a nulla e sempre in preda ai fumi dell'alcool va a sbattere con la macchina e il suo compagno perde la vita nell'incidente. Lui era donatore di organi e compatibile con la piccola Annie che da un suo rene trova nuova vita. Ma un losco individuo è sulle tracce di Ondine e Annie è convinta che sia il marito acquatico che viene a reclamarla mentre è invece la fine della fiaba. Loro erano corrieri della droga rumeni e sorpresi dalla guardia costiera lui l'aveva gettata in acqua con lo zaino contenente un chilo di eroina e solo grazie alle sue innate capacità natatorie era riuscita a resistere in quel mare fino alla provvidenziale rete di Syracuse. Nella colluttazione finale il cattivo muore annegato e la coppia convola a nozze felicemente accompagnata da Annie come damigella d'onore.
Neil Jordan con sapiente maestria usa temi cari all'immaginario nordico e con la bellezza naturale dei paesaggi e la bravura degli interpreti cattura lo spettatore in quel mondo puro della fantasia che tutti noi, in fondo, vorremmo sia reale per evadere dal triste quotidiano. Bellissima Alicja Bachleda nel ruolo di Ondine e straordinaria la piccola Alison Barry in quello di Annie, esaltata in italiano dalla meravigliosa voce di Agnese Marteddu.


il trailer ufficiale in inglese .. guardatelo è struggente

Ondine
Irlanda, USA
Anno 2009


Regia e Sceneggiatura: Neil Jordan
con

Colin Farrell: Syracuse
Alicja Bachleda: Ondine
Alison Barry: Annie
Dervla Kirwan: Maura
Tony Curran: Alex
Stephen Rea: prete
Emil Hostina: Vladic

Commenti

  1. una fiaba bellissima .. peccato che Jordan abbia avuto la necessità di spiegarci tutto alla fine per portarci coi piedi per terra dopo tanta acqua di mare ..
    avrei volentieri preferito che fosse una sirena vera o selkie come nel film

    ;-P

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta