I Professionisti

Quando la Cardinale era la Bellucci dell'epoca e tutti se la contendevano. Peccato per la voce stridula ma come donna 10 e lode: una donna capace di far diventare un bambino uomo e il contrario si dice in questo bellissimo western a firma Richard Brooks. Lei è Maria Grant, la moglie rapita da Jesus Raza (Jack Palance) il guerrigliero messicano che l'ha portata con sé nell'infuocato deserto del suo paese come sempre dilaniato dalla Revoluciòn. Il ricco e anziano marito, Mr Grant  (Ralph Bellamy) pazzo di lei si sente un uomo finito e ingaggia 4 professionisti per liberarla con la promessa di una ricompensa di 100 mila dollari. Per radunare il quartetto già dalle prime battute si capisce di quale pasta siano fatti i componenti. Gente abile e competente, senza scrupoli o paure. Al comando di Henry (Lee Marvin), un veterano dell'esercito, ci sono Hans (Robert Ryan), esperto e amante di cavalli, Jake (Woody Strode), cacciatore abilissimo nel tiro con l'arco e a seguir piste e poi c'è lo scanzonato e formidabile Bill (Burt Lancaster), esperto di esplosivi che maneggia con estrema facilità. Sia Henry che Bill hanno combattuto diversi anni a fianco dei rivoluzionari e conoscono bene Raza, nato nel deserto e capace di riconoscerne i meandri più reconditi. Non sarà facile trovarlo e sorprenderlo ma nessuno di loro mostra il minimo segno di paura e la missione inizia. Una volta entrati in Messico scatta l'avventura e subito si apprezza il loro valore quando riescono ad eliminare un gruppetto di uomini di Raza in perlustrazione. Conoscendone sia la lingua che le abitudini, prevengono le loro mosse e li spediscono al Creatore in un amen. In seguito si imbattono non visti in un assalto al treno dei "regulares" comandato dallo stesso Raza e assistono alla fucilazione dei prigionieri quasi tutti "colorados" ovvero i più spietati tra le forze governative. Bill in perlustrazione viene catturato da altri guerriglieri e appeso a testa in giù, deve spiegare dove si trovano quelli che montavano i cavalli tornati all'accampamento. Leggerezza di Hans che non ha voluto ucciderli: "abbiamo ammazzato 8 uomini e ci facciamo scrupolo dei cavalli?" aveva detto profeticamente Bill temendo ritornassero al loro campo. Ma ha fatto in tempo a lasciare un segnale di pericolo agli altri tre: una croce capovolta. Così viene liberato e in poco tempo raggiungono il luogo dove Raza tiene segregata la bella Maria. Il piano per liberarla è spettacolare, viene minato il pozzo dell'acqua e mentre Bill ed Henry travestiti da messicani entrano e Hans è pronto coi cavalli, dall'alto del canyon il "cacciatore" Jake tempesta di frecce esplosive il luogo.
Ha legato i candelotti alle sue frecce per dar loro l'impressione di essere sotto cannoneggiamento dei militari. Nel trambusto che ne segue i due liberano Maria e tramortiscono Raza che stava per giacere a letto con lei. La fuga riesce ma i nostri ben presto si rendono conto che Maria era la donna di Raza e lo ama ancora tanto che cerca più volte di fuggire. Sulle prime i nostri, pur disorientati, restano fermi nel compimento della missione. Gli inseguitori vengono prima fermati in uno stretto canyon fatto saltare da Bill che in uno successivo resta a presidio per dar modo ai compagni di arrivare a destino. E qui riesce a fermare gli ultimi uomini di Raza che per ultimo e ferito rimane a terra dopo che Bill ha dovuto ammazzare la bella Chiquita, la sua "Baby", con la quale aveva passato notti infuocate durante la rivoluzione. Si carica dietro Raza e raggiunge i suoi appena prima della "riconsegna" della merce. Ma di fronte al marito, con lei che gli urla in faccia che il suo amore è Raza e che è lui, Mr.Grant, il vero rapitore, i nostri vacillano e fermano i giochi. Pazienza per i soldi ma la storia è diversa da quella a loro raccontata e di fronte all'ordine di Grant ai suoi scagnozzi di ammazzare Raza, i nostri veloci di mano e pensiero intimano a tutti i presenti di gettare le armi. Vista l'impresa appena compiuta nessuno osa muove un dito e Raza viene caricato su di un carro e con Maria alle redini vola di nuovo verso il Messico. L'amore trionfa in questo bellissimo film dai magici paesaggi: la Valle della Morte, Indio e Mecca in California, Lago Mead, Valle di Fuoco e Las Vegas in Nevada, nomi mitici a degno contenitore. Menzione speciale ad uno dei miei caratteristi preferiti: il nero Woodrow (Woody) Strode. Anche Sergio Leone si accorgerà di lui come dell'altro grande Jack Elam con la mosca che lo tormenta mentre attendono Armonica ... ma questo è un altro film.


il trailer originale

The Professionals
Flag 1966
Regia e sceneggiatura: Richard Brooks
Musiche di Maurice Jarre (il padre di Michel Jarre)
con
Burt Lancaster: Bill Dolworth
Lee Marvin: Henry Fardan
Robert Ryan: Hans Ehrengard
Woody Strode: Jake Sharp
Jack Palance: Jesus Raza
Ralph Bellamy: Mr. Grant
Claudia Cardinale: Maria Grant
Maria Gomez: Chiquita "Baby"

Commenti

  1. Quando la Cardinale era la Bellucci dell'epoca ...

    mitica!!

    :)

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Jack Reacher - Punto di non ritorno