American Gangster

Rapito dalla sua opera prima "I Duellanti", che potete leggere nel blog, ogni volta che leggo alla regia il nome di Ridley Scott lo vedo a scatola chiusa senza dubbi o tentennamenti. In questo American Gangster, con un cast ricchissimo, si assiste ad uno spaccato di vita americana degli anni 70 perfettamente ricostruito con dovizia di particolari propri di quell'epoca. Frank Lucas, Denzel Washington, da ex guarda-spalle del boss malavitoso Bumpy, alla sua morte e facendo propri i suoi metodi, sale al potere ristabilendo l'ordine nella caotica malavita di Harlem. Diventa in breve tempo il più grande trafficante di droga pura al 100% importandola direttamente dal martoriato Vietnam per mezzo di militari senza scrupoli che sfruttano i ponti aerei frequenti e senza controlli. E' un tipo risoluto e senza scrupoli anche lui se serve, ma con principi morali rigidi appresi nei lunghi anni passati col suo capo e al quale non fa mai mancare i fiori ogni domenica al cimitero. Oltre alle varie bande e famiglie mafiose deve vedersela anche con la polizia corrotta e sempre con grande abilità passa indenne tra le tante ovvie difficoltà diventando in breve tempo ricchissimo e coinvolgendo nella sua attività quasi tutti i fratelli e cugini della sua numerosa famiglia. Non tutti i poliziotti sono corrotti e tra questi Richie Roberts, Russell Crowe, è un vero e proprio Serpico, capace di rinvenire in una macchina 1 milione di dollari e consegnarli alla polizia che al contrario diffida di uno come lui così onesto e in poco tempo, tramite i suoi funzionari corrotti, li fa sparire nelle proprie tasche come niente fosse. Ma lui non molla e vuole da un lato incastrare i suoi colleghi deviati e dall'altro capire chi e da dove fa venire tutta quella droga che devasta l'intera New York. E' durante un incontro di pugilato tra Cassius Clay e Joe Frazier, dove nelle prime file è intervenuta tutta la "crema" della città, in prevalenza malavitosa, che si accorge di Lucas e fotografandolo comincia ad indagare nel suo verso. Scopre traffici e mazzette e quando la situazione in Vietnam precipita, col ritiro forzato delle truppe aspetta l'ultimo aereo che garantisce un carico di droga di 2 tonnellate, forse l'ultimo per Lucas. Scopre il luogo dove la merce verrà consegnata e organizza l'arresto con uno spiegamento di forze straordinario a bloccare ogni via adiacente la chiesa di Harlem dalla quale, a funzione terminata, esce Lucas coi suoi familiari. Dietro le sbarre il poliziotto gli offre la possibilità di collaborare e di scegliere quindi tra una vita intera da ricco dietro le sbarre o degli anni da povero ma libero. Lui in realtà più che ai criminali tiene a smascherare i suoi colleghi e Lucas lo aiuta in questo fornendo nomi e prove che porteranno un quarto della polizia newyorkese in carcere. Verrà condannato a 70 anni di prigione poi ridotti a 15 per l'aiuto fornito e lo vedremo uscire dal penitenziario nei primi anni '90 con i titoli di coda. Film cupo e a tinte forti con sangue e disperazione, corruzione e bella vita, moralità dubbia e in quantità in un'ottima ricostruzione ambientale unita ad una recitazione altissima di attori e caratteristi. Tratto da una storia vera.



American Gangster  Flag 2007
Regia: Ridley Scott
con
Denzel Washington: Frank Lucas
Russell Crowe: Detective Richie Roberts
Chiwetel Ejiofor: Huey Lucas
Josh Brolin: Detective Trupo
Cuba Gooding Jr.: Nicky Barnes
John Ortiz: Havier J. Rivera
Ruby Dee: Signora Lucas
Clarence Williams III: Bumpy Johnson
John Hawkes: Detective Freddy Spearman
Lymari Nadal: Eva moglie di Frank Lucas
Armand Assante: Dominic Cattano
John Polito: Rossi
Ritchie Coster: Joey Sadano
Kevin Corrigan : Campizi
Yul Vazquez: Detective Alphonse Abruzzo
Norman Reedus: Detective Norman Riley
Carla Gugino: Laurie Roberts
Idris Elba: Tango
Jerrod Paige: Muhammad Alì
Joe Frazier: Joe Frazier

Commenti

  1. Vostro Onore come cittadini affidiamo la nostra sicurezza e incolumità a quest'uomo e poi gli diciamo che non è in grado di badare a suo figlio??
    di avere cura di lui??

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Solo per vendetta

Furore