Le colline bruciano

Un bel western datato 1956 e tratto da un romanzo di Louis L'Amour che aveva ispirato anche un altro memorabile western già presente nel blog e il caso vuole che anche in questo l'interprete femminile sia la bella e brava Natalie Wood. Trace Jordan, Tab Hunter, rinviene il corpo senza vita del fratello John e seguendo le tracce arriva alla fattoria dei Sutton. Joe Sutton è un latifondista che ostacola in tutti i modi l'insediamento di altri nelle terre confinanti perché di lì a poco verranno legalmente assegnate a chi potrà vantarne diritti. Trace ha anche notato dei cavalli che portano il marchio, maldestramente contraffatto, che da JJ (Johnny Jordan) è diventato JS (Joe Sutton) e la "S" è palesemente una "J" ritoccata. Così chiede un colloquio privato col padrone e vista la riluttanza ad ammettere l'assassinio, lo avverte che andrà a Fort Stockwell per denunciare l'accaduto e quello che sospetta. Il vecchio cerca di colpirlo alle spalle mentre lascia la stanza ma fulmineo il ragazzo lo colpisce in piena pancia. Inizia così una fuga disperata con alle calcagna il figlio dell'allevatore Jack e una banda di cowboys armati. A loro si unisce anche un vecchio sanguemisto indiano-olandese esperto nel ritrovar tracce.
Il tema della caccia all'uomo si dipana da qui in avanti, abbastanza scontato, con Trace che viene prima curato e accudito dalla bella meticcia Maria, Natalie Wood, e poi costretto con lei a fuggire ancora, escogitando tutta una serie di trucchi che porteranno la banda a smembrarsi, anche per l'improvvisa comparsa dei Comanches, fino all'epico scontro finale tra lui e il figlio di Sutton.
Un film di buona fattura, con una trama se vogliamo anche al di sotto dei tanto deprecati western nostrani, ma con i paesaggi naturali imbattibili e su tutto la memorabile scazzottata finale con i due paurosamente in bilico su strapiombi mozzafiato e via via rotolare giù fino a precipitare nel fiume dove il malvagio avrà la peggio, trascinato via dalla corrente mentre il nostro guadagna la riva a nuoto atteso trepidamente dalla sua bella. E ... il vecchio cacciatore mezzo indiano che osserva compiaciuto dall'alto ... lui aveva avuto l'incarico di trovarlo solamente e in cuor suo è contento che ce l'abbia fatta. Una curiosità per finire, pur essendo un film del '56 gli interpreti principali sono ancora vivi e questo è senz'altro da annotare.


il duello finale in lingua originale tanto non siamo italiani mi sembra di aver capito ;-))


Le colline bruciano - The Burning Hills - Flag 1956
Regia: Stuart Heisler 
con
Tab Hunter: Trace Jordan
Natalie Wood: Maria-Christina Colton
Skip Homeier: Jack Sutton
Ray Teal: Joe Sutton
Tyler McDuff: Wes Parker lo scout

Commenti

  1. Mai visto. Forse anni, ma anni fà quando ero ancora piccino sulla Svizzera Italiana.

    RispondiElimina
  2. nice quando il convento passa un western americano guardalo a scatola chiusa .. se poi siamo fortunati già solo il doppiaggio con quelle voci della cdc vale vale da solo
    :)

    RispondiElimina
  3. mi aspettavo un film con la divina ... non so cosa sia stato meglio ...uuuhhh uhhh uhhhh ...

    ;-)

    RispondiElimina
  4. Guardo poco la TV. Tranne Dexter il venerdi sera, e poi SKY Cinema non ce l'ho perchè io vado solo di DVD. :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

400 giorni - Simulazione spazio

Don Camillo e Peppone - la saga - (1952 - 1965)

I sei della grande rapina

Il grande colpo di Surcouf

Solo per vendetta