I Tartassati

"C'è poco da fare Totò era avanti di 30 anni."
Quante volte abbiamo sentito questa frase?
Quante volte l'abbiamo condivisa?

In questo momento il mio lavoro mi ha ricordato questo film; io nei panni di Louis De Funes, il "mio" Signor Rossi ricorda Totò e l'integerrimo Maresciallo scimmiotta il mitico Fabrizi.

Deduco una cosa: Totò era un mito, un gigante, ma non era così avanti.... è l'Italia che è ferma da 30 anni!

In questo film c'è tutta la sintesi della verifica fiscale:: l'imprenditore italiano medio (Totò) che tenta in mille modi di evitare almeno qualche balzello, il funzionario solerte e austero (Fabrizi) che aldilà del codicillo non sa andare e l'azzeccagarbugli (de Funes) che tenta invano di convincere i due della bontà del suo lavoro.

Una pellicola talmente datata da risultare moderna!!
La domanda è d'uopo (Totò docet): "Il fisco equo è una chimera?"



da: "I TARTASSATI"

Commenti

  1. a proposito di "tartassati" è notizia di questi giorni che siamo in europa al 5° posto guadagnando 2 posizioni nella classifica dei più mazziati
    ;-))
    cosa vuoi che ti dica è complesso il discorso e forse abbassando l'imposizione si potrebbero ottenere più gettito e collaborazione dal contribuente??
    in albania sali berisha ha dimezzato l'unica aliquota che era al 20% e portandola al 10% ha aumentato il gettito di 20 punti percentuali .. è la strada da seguire credo e ad ogni modo
    grandissimo totò e complimenti anche a te redivivo e conc'e gazzu

    ehehehe

    RispondiElimina
  2. fintanto che abbiamo un'opposizione ed una stampa populista e stupida parlare di riforma fiscale in italia è una chimera come dice il buon paolino ... comunque è vero quanto dice, sempre paolo, sull'attualità di questo film ... mi è successo una volta di andare in contenzioso con l'ufficio entrate ... altro che kafka ... in compenso quando mi hanno telefonato per dirmi che potevo andare a ritirarmi i miei libri contabili e fatture varie (dopo quasi due anni) gli ho risposto che il mio indirizzo lo sanno e basta che mi avvisino che gli apro la porta quando arrivano con gli scatoloni, che io non so che farmene ... non li ho più sentiti ...

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. meraviglioso spezzone di italianità...:-)

    io sono per l'esproprio.
    se non paghi le tasse ti porto via la casa. fine.

    guardate che non è accettabile che paghino sempre gli stronzi dei dipendenti. girano le palle a elica.
    che poi poveretti non sono neanche i piccoli imprenditori quelli che più pesano sull'evasione e sull'elusione fiscale.

    è la grande industria che comunque tra aiuti di stato, e amici politici, si mangiano tutto.

    bisogna aggiustare le aliquote (inutile chiedere 20% a chi ha 10, si chieda 40% a chi ha 1000) e tartassare i guadagni da gioco in borsa, che sostanzialmente è come il gioco d'azzardo, e consente di fare guadagni senza in realtà produrre alcun che.

    l'opposizione avrà i suoi limiti, ma cazzo le scelte le prende chi governa, non raccontiamocela.

    RispondiElimina
  5. e pensare che qualcuno diceva che eri un'invenzione dei media ...
    ;-)) e invece ci sei .. ma ci fai
    .. no dico da compagnuccio della
    parrocchietta .. :-))

    appunto le scelte le prende chi governa e chi ha governato facendo lievitare la spesa pubblica col beneplacito di chi sappiamo, di chi dice sempre NO o adesso NOT IN MY NAME che fa più chic .. radical chic
    tutti sanno dell'annosa questione "tasse lavoro dipendente" e mi trovi d'accordo nel cercare nuove aliquote specie nei confronti dei monoreddito con famiglia a carico che andrebbero esentati del tutto
    è però anche vero che un piccolo imprenditore oltre alle pastoie
    burocratiche - messe ad arte per
    alimentare feudi di altrimenti
    nullafacenti sistemati dai politici
    feudatari - si ritrova un socio
    maggioritario ma non lavorante
    ogni mattina che si alza ..
    per arrivare poi alla geniale
    applicazione dell'iva sulle addizionali varie, ovvero iva su tasse (roba da matti) o tasse pagate da aziende che poi concorrono di nuovo a formare il reddito e vengono di nuovo tassate dall'irpef .. ehehehe
    un manicomio dove pochi ci capiscono e molti si riempiono la bocca per strombazzare ai 4 venti
    malsane ideologie populistiche
    scritto di getto e consegnato
    al mondo virtuale affinchè ne sia
    degno custode e ben felice di
    aver rivisto all'opera il prode
    scaldabagno

    RispondiElimina
  6. io sono un IVAsore fiscale

    RispondiElimina
  7. il problema è a monte ma loro vengono a prendere solo a valle, laddove il pesce piccolo ama riposarsi.

    In America se evadi 3 dollari finisci a Sing Sing ma a differenza dell'Italia paghi su quello che REALMENTE è rimasto netto rispetto ai tuoi costi familiari.

    Da noi alcuni esempi: (Aziende)
    iva indetraibile al 50%...no scusate all'80%...anzi no al 100% ma solo per chi è mancino e con gli occhi azzurri!!
    Irap che si paga lordo del costo del lavoro!!
    Leasing deducibili in parte ma affitti deducibili al 100%!!

    (Privati)
    qualsiasi professionista non è deducibile.. ed ecco che avvocato, commercialista (ebbene sì),geometra,idraulico, elettricista perchè cazzo ti devono fare la fattura se ti promettono lo sconto?
    Compro le scarpe,gli abiti,il pane, i libri, i quaderni... perchè devo chiedere lo scontrino?
    Carta che mi occupa le tasche.
    Prendo 1200 Euro al mese pago un affitto di 600, i tributi comunali, l'acqua, il gas e quanti cazzi e scopro di avere un reddito di 18.000 Euro circa... qualcosa mi sfugge!

    Tediante, lo so... ma quando si parla di evasione fiscale bisognerebbe sapere di cosa si blatera.

    Quotissimo per il redivivo Emanuele.......
    le grandi industrie sono a monte, troppo facile pescare nel vivaio della valle!

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

Gli invincibili fratelli Maciste

Gianni & Pinotto - Africa strilla

La Pica sul Pacifico

O' Cangaceiro